Ippoterapia con i poliziotti a cavallo

Lunedì
11:53:15
Ottobre
03 2011

Ippoterapia con i poliziotti a cavallo

View 2.9K

word 481 read time 2 minutes, 24 Seconds

Roma: “Stefano non parla ma sa riconoscere le persone che con amore operano per il suo bene. Sono le parole scritte dal papà di un bambino autistico: per noi questa è la gratificazione più grande“. A raccontare il particolare è Violante, poliziotta della Squadra a cavallo di Trastevere, a Roma, dove dal 2000 gli operatori di questo reparto prestano la loro opera come “ausiliari di ippoterapia“, collaborando con terapisti specializzati.

“è un lavoro di èquipe tra terapista, conduttore, cavallo e paziente - spiega Nanda, cavaliere della Polizia di Stato - L’obiettivo principale è quello di compiere dei piccoli passi, far raggiungere dei piccoli traguardi al paziente. Attraverso il cavallo riusciamo ad entrare in contatto con i ragazzi, e in questo siamo anche agevolati dalla divisa che indossiamo“.

La riabilitazione equestre, questo è il nome tecnico della terapia, si basa sull’utilizzo del cavallo come mezzo terapeutico. La particolare andatura dell’animale favorisce il recupero della tonicità muscolare e ricorda la cadenza umana, con grande beneficio per coloro che non sono in grado di camminare; inoltre stimola il miglioramento dei tempi di reazione. Il desiderio di “far muovere il cavallo“ fa sì che i cavalieri eseguano volentieri le azioni con finalità riabilitative indicate dal terapeuta.

L’obiettivo è fare in modo che il ragazzo trasferisca gli apprendimenti acquisiti in campo, fuori dal maneggio e che migliori la fiducia nelle sue potenzialità, per facilitare il desiderio di nuovi apprendimenti e di relazionarsi agli altri.

Gli agenti partecipano volontariamente al progetto, ed hanno frequentato corsi di specializzazione, ma soprattutto, hanno una particolare sensibilità alle situazioni difficili con cui vengono a contatto, dimostrando di possedere valori che l’Istituzione a cui appartengono ha deciso di premiare con il “Premio San Michele Arcangelo“. Il riconoscimento, istituito nell’ambito delle celebrazioni del patrono della Polizia di Stato, è stato voluto fortemente dal capo della Polizia, Antonio Manganelli, per dare un riconoscimento ai valori nobili, espressi dai poliziotti, che si riflettono anche nella società.

“è una cosa che viene dal cuore e bisogna farla con tanto amore e impegno“ afferma Nunzio, che da cinque anni si è aggiunto ai suoi colleghi della Squadra a cavallo come “ausiliario di ippoterapia“.
I genitori dei ragazzi sono i primi a percepire gli effetti di questo tipo di riabilitazione, ce lo conferma Elena, un’altra poliziotta-terapista: “vediamo la felicità non solo sui volti dei ragazzi ma anche su quelli dei loro genitori“.

“è una porta verso l’apprendimento, riesce a svegliare l’interesse per le cose, per la vita, acquisisce consapevolezza di se stesso“ racconta la mamma di Stanislao, un ragazzo di 22 anni che da dieci frequenta il maneggio della polizia.

“Gli effetti sono stati miracolosi su Riccardo, che soffre di disturbi di autismo - sottolinea sua mamma sorridendo - ha acquisito sicurezza, anche a scuola e nella vita di tutti i giorni. Abbiamo trovato una grande famiglia che ci ha accolto nella propria casa“.

Source by Polizia_di_Stato


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Ippotera...a cavallo