Un libro gratis per raccontare la storia di un'aggressione insabbiata

Lunedì
00:48:37
Marzo
01 2004

Un libro gratis per raccontare la storia di un'aggressione insabbiata

Due anni fa, il 17 febbraio 2002, alcuni giornalisti livornesi vennero aggrediti allo stadio di Pisa ed i fatti sono stati inspiegabilmente oscurati dallo stesso mondo giornalistico ma adesso esce un libro, che può essere richiesto gratuitamente inviando una e-mail all’indirizzo articolo21@aruba.it, il cui scopo è denunciare questo fatto

View 132.5K

word 444 read time 2 minutes, 13 Seconds

Sono passati ormai due anni da quel 17 febbraio 2002 nel quale alcuni giornalisti livornesi vennero prima offesi e poi aggrediti e colpiti da una dozzina di tifosi del Pisa nelle aree riservate alla stampa dell’arena Garibaldi, lo stadio pisano, in occasione del derby calcistico fra i nerazzurri locali e gli ospiti amaranto.

Ma le ingiustizie non vanno in prescrizione e così uno dei giornalisti che quel giorno furono aggrediti, colpiti ed oltretutto diffamati, Marco Ceccarini, ha dato alle stampe "I fatti di Pisa", un racconto edito dall’associazione Articolo 21 di Livorno, che ha proprio lo scopo di parlare di quel caso ormai risalente a due anni fa. I fatti raccontati nel libro furono incredibili.

Mentre i giornalisti livornesi venivano aggrediti, infatti, sulle onde di un'emittente televisiva di Pisa, durante una trasmissione in diretta dallo stadio, gli stessi giornalisti venivano descritti come i provocatori di quegli incidenti da parte di alcuni cronisti locali. Ma per i giornalisti livornesi, che successivamente furono colpiti anche sulle scale che portano dalla tribuna alla sala stampa e quindi nuovamente aggrediti nell’area adiacente la sala stampa, gli atti di violenza furono forse il frutto della tensione e dell’aggressività di alcuni pseudotifosi e della non corretta gestione dell’informazione da parte di alcuni gioranalisti di casa e non certo vanno ascritti a supposti comportamenti provocatori che non ci furono. Inoltre, secondo alcuni dei giornalisti aggrediti, l’aspetto più sconcertante della vicenda è stato l’oscuramento del caso di cui si è reso responsabile gran parte del giornalismo toscano, anche perché le offese e le minacce sono continuate, attraverso e-mail private o telefonate anonime ad altre emittenti locali, fino a poco tempo.

Per come è stata gestita l’informazione su questi episodi, quattro giornalisti pisani sono stati querelati e nei loro confronti sono stati presentati degli esposti all’ordine dei giornalisti della Toscana.

Ma di recente l’Ordine toscano dei giornalisti ha comunicato di avere sospeso l’adozione dei provvedimenti disciplinari in attesa degli esiti dell’inchiesta della Magistratura. Anche e soprattutto per questo, nell’intento di far emergere dall’ingiustificato silenzio un episodio così grave, è stato scritto questo racconto.

Esso parla di quella drammatica domenica pomeriggio di due anni fa.

Chi vuole può richiederne gratuitamente una copia all’associazione Articolo 21 inviando una e-mail all’indirizzo articolo21@aruba.it.

(Tony Faini)

FONTI: Ansa, Datasport, Agi

Source by Articolo21.it


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Un libro...nsabbiata