Lettera al Sindaco di Taranto, Ezio Stefano di Fernando Termentini

Venerdì
11:12:01
Marzo
15 2013

Lettera al Sindaco di Taranto, Ezio Stefano di Fernando Termentini

View 132.3K

word 680 read time 3 minutes, 24 Seconds

Roma: Egregio Sig. Sindaco, ho letto la Sua lettera inviata al Presidente dellIndia (*) e come cittadino italiano leggendo il Suo pensiero non posso fare a meno nemmeno io di tacere.

Mi meraviglio che chi indossa la "fascia tricolore” non perché gli sia stato imposto ma perché ha scelto di rappresentare unIstituzione e quindi lo Stato, si giustifichi, come si evince dalle Sue parole, nei confronti del Capo di uno Stato estero per una decisione presa dallEsecutivo dello Stato sovrano di cui Lei fa parte.

Pur apprezzando la Sua disponibilità ad ospitare a Taranto i figli dei due pescatori indiani e pur condividendo i Suoi apprezzamenti nei confronti di professionisti indiani che anche io, seppure non come medico, ho comunque avuto occasione di conoscere ed ammirare nel corso delle mie attività professionali, ritengo che forse sarebbe stato più opportuno limitarsi al gesto di benevolenza senza ulteriori "approfondimenti”. Peccato, invece, che Lei accenni a convegni di "Storia Patria” facendo cenno solo ad una parte di essa.

Mi permetto di rammentarLe che la storia e quindi la memoria è "maestra di vita” solo se avulsa da preconcetti e da distinzioni di parte. Eun bel gesto rendere omaggio ai giovani indiani caduti sul suolo italico meritevoli del massimo rispetto e riconoscenza, ma forse non sarebbe guastato ricordare anche che i due Fucilieri di Marina sono militari italiani incolpati di qualcosa nellesercizio delle loro funzioni e quindi tenutari del diritto di garanzie che lIndia non può disattendere.

Ha anche dimenticato di ricordare al Presidente indiano che in questo momento altri giovani indiani sono impegnati a stretto contatto di gomito con i commilitoni dei due Fucilieri di Marina a cui Lei fa riferimento e rischiano quotidianamente la loro vita in terre lontane per garantire la stabilità in aree di crisi, la sicurezza globale e la democrazia.

Infine, condivido il Suo richiamo alla "saggezza dei due Governi” ma nello stesso tempo trovo doveroso ricordarLe che da 13 mesi questa saggezza è mancata da parte indiana, prevaricando ogni minimo contenuto del Diritto Internazionale e di Convenzioni Internazionali sottoscritte e ratificate anche dallIndia.

Forse non guasterebbe sentirsi più italiani, pur non essendo come Lei tiene a sottolineare un esperto di diritto, lasciando da parte almeno per una volta approcci demagogici e retorici. Fernando Termentini (mail@fernandotermentini.it)
14 marzo 2013 – ore 20,00

(*)14 mar. - (Adnkronos) - ’’In un momento particolarmente delicato delle relazioni diplomatiche dei nostri due Paesi, in qualità di sindaco di Taranto, città del fuciliere Massimiliano Latorre, non posso assolutamente tacere. E’ mio preciso dovere esprimere grande rammarico per quello che sta accadendo e ribadire senza esitazione, la stima mia personale e quella della città che rappresento, per il popolo indiano’’. Lo scrive il sindaco di Taranto, Ippazio Stefano, in una lettera inviata al capo del Governo della Repubblica dell’India, Manmohan Singh tramite l’ambasciatore della Repubblica dell’India in Italia, Debabrata Saha. ’’Non sono un uomo di legge e non ritengo giusto intervenire in un disguido interpretativo di cosi’ grande rilevanza’’, precisa a proposito della controversia relativa ai due maro’ Massimiliano Latorre e il barese Salvatore Girone accusati di aver ucciso per errore due pescatori indiani durante un’operazione antipirateria. ’’Nel mio lavoro di medico in alcune capitali europee - riprende Stefano - ho avuto modo di conoscere ed apprezzare la straordinaria competenza dei colleghi provenienti dal vostro glorioso Paese. In ogni campo del vivere civile - sottolinea - l’amicizia dei nostri popoli e’ stata proficua, sincera e leale“. “In recenti convegni di Storia Patria, tenutisi nella mia città, e’ stato evidenziato il ruolo determinante a favore della nostra Liberazione dei giovani indiani nell’ultima guerra mondiale. Fidando in tutto cio’, che non puo’ e non deve essere dimenticato, l’intera città che rappresento rinnova la sua disponibilità ad accogliere i figli degli sfortunati pescatori per soggiorni di studio. Nella certezza - conclude il sindaco di Taranto - che tutto si chiarirà nel migliore dei modi e che risolta la controversia dalla saggezza e dalla disponibilità dei due governi, le relazioni diplomatiche riprenderanno nel migliore dei modi’’.

di Fernando Termentini

Source by Fernando_Termentini


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Lettera ...ermentini