Nussbaumer 2011

Martedì
10:08:21
Aprile
16 2013

Nussbaumer 2011

View 167.6K

word 710 read time 3 minutes, 33 Seconds

Ho sempre provato un sincero moto di stupore di fronte all’appassionato enoico che dichiara significative preferenze riguardo a vitigni,categorie e particolari tipologie di vino. I soggetti che mi incuriosiscono maggiormente sono quelli che bevono quasi esclusivamente bianchi,i cosiddetti “bianchisti“, rossi o “bollicine“. Nelle rade occasioni in cui si concedono la digressione tradente l’inclinazione dominante sembrano quasi patire una sorta di nostalgia per la rinuncia alla sicura e maggiore piacevolezza della strada vecchia. Altrettanto singolari sono i bevitori(ma meritano simile appellativo?...) che affermano di non gradire particolarmente gli esiti enologici e sensoriali di alcuni vitigni. C’è chi ha l’idiosincrasia per Chardonnay e Sauvignon,chi per la famigerata coppia Cabernet-Merlot,i più creativi addirittura per il Sangiovese. Mi chiedo:che razza di giudizio è mai questo? Dov’è il riconoscimento per l’universalità dei colori,dei profumi e dei gusti che sola sostanzia e rende giustizia ad una cosmogonia gustativa pressochè infinita? Sarebbe come dichiarare un amore viscerale per l’elemento “mare“ e nel contempo indifferenza per l’ambiente “Bosco“ o “Montagna“. Se c’è un’anima,dei sensi e una poetica la Natura ovunque è mistero ineffabile e beltà. Forse è la vastità della nostra capacità di percepire la discriminante. Possono esserci infinite declinazioni dei desideri e vivaddio che ci sono, ma non il mancato riconoscimento della grandezza che travalica il sé. Che vuol dire quando qualcuno dichiara di non aver mai trovato uno chardonnay emozionante,un merlot appagante,un sangiovese grande? Se è un bevitore seriale è tecnicamente impossibile. Anche se si cimentasse col Grignolino. E’ un’affermazione nulla,destituita di ogni fondamento. O meglio,dal mio punto di vista,è l’autocertificazione indiretta della propria inadeguatezza(A volte si cede anche inconsapevolmente alla tentazione di mettersi in mostra,di smarcarsi dal coro per vanità o per celare una personale idiosincrasia o anche per alludere ad una sorta di esoterismo del gusto a cui ovviamente si è prossimi. Altrimenti non si userebbero,ad esempio,perifrasi del tipo “evoluzione palatale“ solo per descrivere il proprio personalissimo approdo ai riesling tedeschi!!).
Quando si ama veramente il vino lo si accoglie e difficilmente si resta nel recinto delle proprie opinioni più del tempo di una bevuta,di una degustazione,di un periodo limitato,di una fase evolutiva o semplicemente di una serata goliardica quando con gli amici si gioca e si guerreggia a chi ce l’ha più lungo. Nel momento in cui si è al cospetto dell’umanità,ex cathedra,bisogna vestire i panni organolettici degli Dei.
Sto bevendo un Gewurztraminer,il Nussbaumer 2011 di Tramin. E’ lui il responsabile della tracotanza delle mie idee. Perché sono di fronte ad un monumento di struttura e di intensità,ad uno tsunami di stimolazioni sensoriali,nell’alveo di una compiutezza enologica e di un’armonia esemplari. Non è fra i miei preferiti del momento. Anch’io appartengo alla risma di quanti aderiscono alla religione attuale della deità trinitaria sapidità,acidità,sorbevolezza. Non so se riuscirò da solo a domare questo oleoso 15° gradi alcolici. Ma di fronte al fuoriclasse capisco che al di là del fiume e dei monti,del mio umile strumento gustatorio,ci sono orchestre capaci di suonare sinfonie molto più esaustive di quel che può apprezzare il mio umilissimo ego sensorio. Capisco Veronelli quando coniò l’immaginifico,metaforico,subliminale termine “vino da meditazione“. Col vino si può meditare. Più di un monaco buddista,di un’asceta cristiano,di un anacoreta sine lege,il bevitore consapevole e appassionato attraverso un’ambrosia e la relazione anima-anima con essa assurge a figura di alta spiritualità e può sperimentare la multidimensionalità dello spirito e del vuoto al pari dei più grandi mistici di ogni tempo. Provare per credere. Quelli che parlano di vino considerandolo solo un fatto ludico,dando sempre l’impressione che potrebbero o avrebbero qualcosa di meglio da fare e prestati al mondo del vino da qualche altro emisfero intellettuale,non sanno cosa dicono e che si perdono. Nel vino quello che ci metti ci trovi.
Il Gewurztraminer è un vino che nelle migliori versioni,quali questo Nussbaumer,qualcuno considera troppo esuberante in tutti i suoi aspetti. Io dico che è semplicemente,al di là del personale gradimento,uno dei più grandi vitigni del pianeta.


ROSARIO TISO
*I contenuti dell’opera non possono essere riprodotti senza l’autorizzazione dell’autore.

Source by rosario_tiso


LSNN is an independent publisher that relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources. LSNN is the longest-lived portal in the world, thanks to the commitment we dedicate to the promotion of authors and the value given to important topics such as ideas, human rights, art, creativity, the environment, entertainment, Welfare, Minori, on the side of freedom of expression in the world «make us a team» and we want you to know that you are precious!

Dissemination* is the key to our success, and we've been doing it well since 1999. Transparent communication and targeted action have been the pillars of our success. Effective communication, action aimed at exclusive promotion, has made artists, ideas and important projects take off. Our commitment to maintain LSNN is enormous and your contribution is crucial, to continue growing together as a true team. Exclusive and valuable contents are our daily bread. Let us know you are with us! This is the wallet to contribute.

*Dissemination is the process of making scientific and technical information accessible to a non-specialist public. This can come through various forms, such as books, articles, lectures, television programs and science shows.


Similar Articles / Nussbaumer 2011
from: ladysilvia
by: Comune_di_Monza
from: ladysilvia
by: Europe