Kenya: primo concorso di bellezza per gli albini

MOVE

MOVE

Domenica
19:24:11
Ottobre
23 2016

Kenya: primo concorso di bellezza per gli albini

In alcune parti dell'Africa, sono emarginati o persino #uccisi e #mutilati. Ora gli albini africani hanno tenuto per la prima volta un concorso di bellezza. Nella capitale keniana Nairobi, hanno sfilato venerdì in passerella come #Miss o #Mister #albino calamitando l'attenzione di tutti e posando davanti ai flash

View 167.2K

word 486 read time 2 minutes, 25 Seconds

In Africa il destino degli albini è segnato da sempre, questi esseri umani vengono venduti anche al prezzo di 200 mila euro da vivi, mentre da morti un set completo formato da parti del corpo si può acquistare anche al prezzo di 80 mila euro.

La loro colpa? Non essere nati neri ma albini, completamente bianchi dalla testa ai piedi, e questa è la causa della loro condanna. Vengono uccisi soltanto perché nominati i figli del diavolo (#Zeruzeru), ritenuti esseri con poteri magici vengono sacrificati, e le loro parti del corpo una volta amputate vengono utilizzate per risolvere problemi di malocchio o utilizzate per far trovare ricchezza nelle miniere, o curare la sterilità.

Sembra impossibile credere ai tempi di oggi che esistano certi sacrifici umani e per quanto si provi non c’è una stima ben precisa sulla sorte di queste persone. Assurdo pensare che non si possa far capire a certi popoli che il difetto fisico di queste persone sta semplicemente nella carenza di melanina nel loro corpo. Per questo, senza neanche immaginare il successo che avrebbero avuto, hanno deciso di organizzare il primo concorso di bellezza " Miss o Mister albino ", fatto su misura per loro. E nella capitale keniana Nairobi è stata celebrata la prima passerella per modelle e modelli albini rappresentanti di tutto l'Africa. E ha attirato subito l'attenzione dei media, che si sono fatti in quattro per sponsorizzarla. Ma "l'unico vero scopo, assicurano gli organizzatori, mostrare che sono parte attiva della società. "Vogliamo mostrare il nostro talento, affrontando lo stigma e la discriminazione," ha detto Isaac Mwaura, primo deputato albino del Parlamento del Kenya che ha organizzato l'evento. L'evento dovrebbe rendere chiaro che ci sono gli albini, "che sono belli, che sono fiduciosi".

E belli sono davvero. Le finaliste della prima edizione, sono splendide e vitali, che affrontano il loro stato con determinazione. Per Giovanni D'Agata, presidente dello "Sportello dei Diritti" un'occasione per aumentare l’impegno a diffondere la verità su queste persone con la pelle diversa, far capire contrariamente alle credenze popolari che sono persone normalissime. E’ assurdo! Ormai gli albini africani si sentono braccati giorno e notte. E’ come se nella nostra popolazione nascesse un uomo di colore e venisse perseguitato ogni giorno di vita fino alla morte. Dovrebbe essere un raro e sorprendente avvenimento la nascita di un albino africano, invece resta un raro gioiello ricercato da fare a pezzi per colpa di mentalità schiave di retrogradi tradizioni millenarie della magia nera. Non è tollerabile, e l’Onu ed i governi dovrebbero intervenire prontamente a risolvere questo massacro. Gli "Zeruzeru " sono esseri umani da difendere.

Source by Sportello_dei_Diritti


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Kenya: p...li albini