Stress lavorativo:. Dal Giappone la blacklist delle aziende

Lunedì
08:37:11
Maggio
15 2017

Stress lavorativo:. Dal Giappone la blacklist delle aziende

"Stress lavorativo". In Giappone arriva la blacklist delle aziende che pretendono troppo dopo l'esplosione della piaga dei suicidi. Gogna mediatica istituzionale a tutela dei lavoratori

View 8.6K

word 410 read time 2 minutes, 3 Seconds

Lo "stress da lavoro" è un fenomeno diffuso a livello globale e che non conosce frontiere. Una conseguenza del raggiungimento di livelli eccessivi è troppo spesso l'aumento dei suicidi di lavoratori dipendenti o collaboratori. Per far fronte a questa piaga, in Giappone, è stato il governo a prendere un'iniziativa che ha immediatamente aperto un ampio dibattito: è stata proposta e realizzata la prima lista nera delle aziende che viene aggiornata mensilmente, e che conta ad oggi 334 nomi d'imprese che avrebbero già violato le leggi su orari settimanali e straordinari. Sinora le istituzioni del Paese del Sol Levante avevano soprasseduto sul fenomeno e i suoi risvolti preoccupanti, ma il clamore crescente all'estero ha però spinto il governo centrale in "prima persona" a intervenire in questo modo. Ma si sà i giapponesi ci tengono alla propria reputazione nel mondo, anche più delle inevitabili rimostranze dei propri imprenditori. La ragione di questa scelta ardita starebbe nelle statistiche più recenti del cosiddetto "karoshi", che corrisponderebbe al rischio di «lavorare fino alla morte», e che riguarderebbe ben un dipendente su cinque: da qui la necessità di adottare con urgenza misure dissuasive, come la gogna mediatica nel Paese dove l'apparenza è un valore. La black list che si trova online, come detto, sarà aggiornata mensilmente e la soluzione per non comparire nell'elenco è tanto semplice quanto ovvia: basta comportarsi legalmente. Nell'iniziativa istituzionale non vi è però solo volontà punitiva, ma anche un implicito spirito di rilancio dell'economia e un indiretto stimolo diffuso della responsabilità sociale: un impegno professionale più equilibrato nella durata dovrebbe consentire alle donne maggiore agio nella gestione della famiglia, agli uomini di essere più presenti e attivi nell'educazione dei figli. Un'idea drastica e che – per Giovanni D'Agata, presidente dello "Sportello dei Diritti" - nel Nostro Paese solleverebbe l'immediata reazione e le barricate dei poteri economici e delle lobby dell'industria e della finanza, se solo si pensasse di importarla. Ma non dobbiamo dimenticare che anche l'Italia non è immune dalla piaga dello "stress da lavoro" per la quale i governi succedutisi in questi ultimi vent'anni non hanno fatto nulla ed anzi addirittura le hanno dato un contributo costante attraverso la demolizione progressiva dei diritti acquisiti dai lavoratori che oggi sono senza ombra di dubbio più esposti al fenomeno. Si troverebbe il coraggio di replicarla anche da Noi?

Source by Sportello_dei_Diritti


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Stress l...e aziende