Liberiamoci della festa della liberazione

Mercoledì
10:01:12
Aprile
25 2018

Liberiamoci della festa della liberazione

Il 25 aprile divide gl’italiani

View 10.0K

word 359 read time 1 minute, 47 Seconds

Il "25 aprile" ha radici storiche ormai lontane e fu su proposta del presidente del Consiglio Alcide De Gasperi che il Principe Umberto di Savoia, allora Luogotenente del Regno d'Italia, il 22 aprile 1946 emanò il decreto legislativo luogotenenziale "Disposizioni in materia di ricorrenze festive" che recitava: «A celebrazione della totale liberazione del territorio italiano, il 25 aprile 1946 è dichiarato festa nazionale». Ripetuta negli anni successivi, solo il 27 maggio 1949 venne istituzionalizzata stabilmente quale festa nazionale. Sono passati molti anni da quel lontano 1946 e se nell’ottica di quell’epoca e di un Paese che doveva rinascere dalle macerie della guerra, si poteva comprenderla, oggi la "Festa della liberazione", andrebbe semplicemente cancellata, perché se ad alcuni ricorda la liberazione, ad altri ricorda tutte le tragedie e gli omicidi che hanno segnato quel periodo storico, fatti che sono andati impuniti nella quasi totalità dei casi. Molto è cambiato da quei giorni lontani, abbiamo visto gli anni di piombo, dove col terrorismo si giocava una squallida guerra di potere, e abbiamo visto affermarsi una classe politica che non è più formata da intellettuali e da idealisti ma sempre più da politici "professionisti" che hanno generato una cultura di tornaconto di parte, di partito e personale, il tutto a discapito della Nazione che rappresentano. Questa subcultura ha raggiunto ormai ogni meandro dello Stato che viene così logorato dal suo interno e l’essere di parte, che raggiunge il vertice simbolico dell’istituzione repubblicana, ha ripercussioni anche sulla politica, vediamo infatti in questi giorni un Presidente della Repubblica che tentenna, perché i vincitori delle ultime elezioni non sono i suoi "amici" partitici. In questa situazione di stallo che ci vede senza un Governo, un Re funzionerebbe molto meglio perché, a differenza di un Presidente di una Repubblica, non è un uomo di parte che ha lottato tutta la sua vita per arrampicarsi su una poltrona e rimanerci aggrappato con le unghie. Un Re non deve ringraziare un partito politico per la sua carica. Concludiamo ricordando che una festa nazionale dovrebbe unire un Popolo, questa lo divide perennemente e quindi andrebbe semplicemente abolita.

Matteo Cornelius Sullivan

Source by Matteo_Cornelius_Sullivan


LSNN is an independent publisher that relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources. LSNN is the longest-lived portal in the world, thanks to the commitment we dedicate to the promotion of authors and the value given to important topics such as ideas, human rights, art, creativity, the environment, entertainment, Welfare, Minori, on the side of freedom of expression in the world «make us a team» and we want you to know that you are precious!

Dissemination* is the key to our success, and we've been doing it well since 1999. Transparent communication and targeted action have been the pillars of our success. Effective communication, action aimed at exclusive promotion, has made artists, ideas and important projects take off. Our commitment to maintain LSNN is enormous and your contribution is crucial, to continue growing together as a true team. Exclusive and valuable contents are our daily bread. Let us know you are with us! This is the wallet to contribute.

*Dissemination is the process of making scientific and technical information accessible to a non-specialist public. This can come through various forms, such as books, articles, lectures, television programs and science shows.


Similar Articles / Liberiam...berazione