i Vaccini contro il nulla: La teoria virale della causalità della malattia

Mercoledì
03:09:18
Ottobre
17 2018

i Vaccini contro il nulla: La teoria virale della causalità della malattia

View 3.1K

word 8.3K read time 41 minutes, 15 Seconds

Questo documento in esclusiva per i nostri utenti porta alla luce la teoria resa nota da Arthur M. Baker (Self-Health Care Systems 1800 S. Robertson Boulevard, Suite 239-50 Los Angeles, CA 90035, USA) di cui questo estratto "Bactena, Germs and VIRUSES Do Not Cause Disease: Discriminating between Medical Myth and Biological Fact. in cui spiega che Germi e VIRUS Non Causano Malattia: Discriminante tra Mito Medico e Fatto Biologico, tratto dal libro, Awakening Our Self-Healing Body. Tradotto in esclusiva per chiarire e portare alla luce fatti ancora poco noti che andrebbero a mettere in discussione concetti vecchi ultracentenari già messi in discussione dallo stesso Pasteur che riconobbe di aver commesso un errore importante. Esiste un'altra versione tradotta nel web ma questa è tratta direttamente dalla fonte originale ed è completa. Buona Lettura

Gli argomenti trattati

- "Virus Vivi" sono sempre morti
- La connessione dei mitocondri
- I "virus" non sono microrganismi
- Riproduzione obbligatoria
- I virus sono tossici solo come rifiuti accumulati
- Le droghe sono controproducenti
- L'illusione del contagio
- Cosa sta davvero succedendo?

Ma prima di tutto introduciamo:

TEORIA TEDESCA DELLA MALATTIA DELLA MALATTIA DI PASTEUR

Nel 1864, il chimico francese Louis Pasteur generò "La scienza della batteriologia" e "La teoria della malattia causata dalla malattia" dimostrando l'esistenza di vari microrganismi e concludendo che questi germi causano cambiamenti patogeni nelle colture viventi all'interno del laboratorio.

La teoria dei germi afferma che le malattie sono dovute esclusivamente all'invasione di specifici microrganismi aggressivi. Un germe specifico è responsabile per ogni malattia e i microrganismi sono in grado di riprodursi e trasportarli fuori dal corpo.

Con la teoria dei germi della malattia, non dovevamo più assumerci la responsabilità delle malattie causate dalle nostre stesse trasgressioni delle leggi della salute. Invece, abbiamo accusato i germi che hanno invaso il corpo.

La teoria dei germi spostò di fatto la nostra responsabilità personale per la salute e il benessere sulle spalle della professione medica che presumibilmente sapeva come uccidere i germi incriminati. La nostra salute personale è sfuggita al nostro controllo.

Quasi tutti nel mondo occidentale sono stati nutriti dalla teoria dei germi della malattia: quella malattia è la conseguenza diretta del lavoro di qualche agente esterno, sia esso un germe o un virus.

Le persone sono state educate ad essere terrorizzate dai batteri e a credere implicitamente nell'idea di contagio: quei germi specifici, malevoli di aggressività, passano da un ospite all'altro. Sono stati anche programmati per credere che la guarigione richieda una forza potente per rimuovere qualunque cosa sia colpevole. Dal loro punto di vista, la malattia difficilmente sta facendo loro.

L'era dei germi ha contribuito a far decollare la riforma sanitaria nel XIX secolo e, ironia della sorte, la gente ha anche trovato un calmante compiacimento nel dare la colpa della loro cattiva salute a "invasori" malevoli e microscopici, piuttosto che assumersi la responsabilità di le loro abitudini di stile insalubre e le loro stesse sofferenze.

Pasteur era un chimico e un fisico e sapeva molto poco sui processi biologici. Era un uomo rispettato, influente e carismatico, tuttavia, la cui paura fobica di contagio e di credenza nella "malignità e belligeranza" dei germi aveva conseguenze di vasta portata nella comunità scientifica che era convinta della minaccia del microbo all'uomo. Così è nata la paura dei germi (batteriofobia), che esiste ancora oggi. Prima delle scoperte di Pasteur, la scienza medica era un miscuglio disorganizzato di malattie diversificate con cause immaginarie, ciascuna trattata sintomaticamente piuttosto che alla loro causa principale. Fino a quel momento, l'evoluzione del pensiero medico aveva le sue radici nell'antico sciamanesimo, superstizione e religione, di entità e spiriti invasori. La professione ha cercato invano una base tangibile su cui basare le sue teorie e pratiche. Pasteur quindi ha dato alla professione il "germe".

Dal 1870, la professione medica adottò completamente la teoria dei germi con una vendetta che continua ancora oggi. L'avvento del microscopio ha permesso di vedere, differenziare e categorizzare gli organismi. I microbi invasori erano ora considerati la causa della malattia.

L'industria medico-farmaceutica iniziò la sua incessante ricerca del farmaco perfetto per combattere ogni microbo che causa la malattia, di cui esistono attualmente oltre 10.000 malattie distinte riconosciute dall'American Medical Association.

L'accettazione universale della teoria dei germi e la diffusa batteriofobia hanno portato a sforzi frenetici per evitare la minaccia di germi. È stata quindi inaugurata una nuova era della medicina moderna, tra cui sterilizzazione, pastorizzazione, vaccinazione e paura di mangiare cibo crudo.

Le autorità mediche hanno consigliato al pubblico di cucinare completamente tutto il cibo e di far bollire l'acqua.

Con [privazione di cibi crudi, ne conseguì un inevitabile deterioramento della salute.


È stata inoltre avviata la pratica di uccidere i germi con i farmaci, causando una malattia iatrogena (indotta dal medico) e un'ulteriore degenerazione della salute. Sono stati istituiti vari programmi per conferire "immunità" contro specifici germi mediante vaccini e sieri, con effetti orrendi.

Fortunatamente, l'orrore di consumare cibi crudi come pericolosi e carichi di batteri è stato ampiamente superato, anche se il divieto di prodotti caseari non pastorizzati esiste ancora nella maggior parte di questo paese [USA]. E l'accettazione di droghe velenose e inoculazioni non è diminuita in misura apprezzabile.

Pasteur non l'autore della "Teoria dei Germi"


In realtà, la prima "Teoria Germetica delle Malattie Infettive" fu pubblicata nel 1762 (quasi 100 anni prima della teoria di Pasteur) da un medico viennese, il Dr M. A. Plenciz. Nel 1860, Louis Pasteur prese il merito per gli esperimenti e la teoria e divenne identificato come il suo creatore. Leggi i libri, Pasteur: Plagiarist, Impostor, di R. B. Pearson e Bechamp o Pasteur? Un capitolo perduto nella storia della biologia di Douglas E. Hume, per tutti i dettagli.

Claude Bernard (1813-1878) contestò la validità della teoria dei germi e sostenne che la condizione generale del corpo è il fattore principale nella malattia, ma questa idea fu largamente ignorata dalla professione medica e dal pubblico in generale. Bernard e Pasteur hanno avuto molti dibattiti sull'importanza relativa del microbo e dell'ambiente interno in cui prosperano.

Come causa della malattia, i batteri non "invadono" il corpo, perché sono già presenti nel tratto digestivo. Se necessario, i batteri vengono introdotti nel sistema circolatorio per favorire il processo di eliminazione della fisiologia dei rifiuti accumulati.

Pasteur realizza l'errore


Intorno al 1880, Pasteur stesso ammise il suo errore. Secondo il dott. Duclaux (uno dei collaboratori di Pasteur), Pasteur ha scoperto che le specie microbiche possono subire molte trasformazioni. Questi fatti non erano coerenti con il suo germe introdotto nella teoria del sistema circolatorio e distrutto la sua stessa base.

È spesso sottovalutato che intorno al 1880, Pasteur cambiò la sua teoria.
Secondo il dott. Duclaux, Pasteur affermava che i germi erano "normalmente tenuti entro limiti dalle leggi naturali, ma quando le condizioni cambiano, quando la sua virulenza è esaltata, quando il suo ospite è indebolito, il germe è in grado di invadere il territorio che gli era stato precedentemente impedito ". Questa è la premessa che un corpo sano è resistente e non suscettibile alle malattie.

Con l'avvento del misterioso germe di Pasteur, tuttavia, la medicina si è ammantata sotto le spoglie della "scienza" e da allora è riuscita a mantenere il pubblico ignorante della vera natura della malattia.

BATTERI E IL LORO RUOLO SIMBIOTICO NEL CORPO


I batteri sono i nostri partner simbiotici nella vita e sono completamente normali per il corpo. Lavorano in simbiosi con l'organismo ospite aiutando nella demolizione e rimozione di materiali tossici e nella creazione di nutrienti vitali per il nostro benessere.
I batteri Lactobacillus acidophilus, Lactobacillus bifidus e coli sono normalmente presenti nel tratto digestivo umano e talvolta sono definiti "flora intestinale amichevole, benefica o simbiotica". Sono necessari all'interno del corpo per il corretto assorbimento e l'utilizzo delle particelle di cibo; per aiutare nel nutrimento cellulare; per stimolare la peristalsi; per disintossicare e creare feci morbide e lisce; e per tenere giù i germi patogeni. (Gli antibiotici distruggono queste forme di batteri utili).

Anche i batteri e i microrganismi costituiscono una parte vitale nella catena alimentare mondiale. Quando la materia organica all'interno delle piante e degli animali si decompone in tutta la natura, i batteri e le muffe della famiglia Monera disorganizzano le molecole organiche altamente complesse in semplici rifiuti inorganici, i cui elementi vengono espulsi nel suolo per essere ripresi come cibo dalle piante, e reor - organizzato attraverso il processo della fotosintesi in diverse forme di materia vegetale, compreso il cibo per gli esseri umani, come frutta, noci e semi.

I batteri sono in realtà forme primitive di vita che sussistono nel recupero di materiale organico morto. Si rompono e decompongono il materiale di scarto nel nostro sistema proprio come fanno nei regni delle piante e degli animali.

L'azione batterica rende alcuni rifiuti utilizzabili nel nostro corpo che normalmente sarebbero espulsi e, in quanto tali, i batteri sono essenziali per le nostre vite, senza di loro, la nostra esistenza non sarebbe possibile. Come flora intestinale, per esempio, i batteri sono un partner simbiotico tanto necessario nella vita, responsabile della sintesi della vitamina B 12 e della vitamina K nel nostro corpo.

Il nostro corpo trasporta circa una fornitura quinquennale di vitamina B12, e riceve un rifornimento costantemente rinnovato dall'attività batterica nell'intestino inferiore, proprio come nel caso di altri primati e di animali che mangiano piante naturali, incluso l'uomo. Inoltre, la vitamina K non ha bisogno di essere fornita dal cibo poiché i batteri che vivono simbioticamente nell'intestino umano sono in grado di produrre questo nutriente, che è richiesto per il normale funzionamento degli agenti coagulanti del sangue del corpo.

Il ruolo benefico dei batteri nella malattia


Come causa della malattia, i batteri non "invadono" il corpo, perché sono già presenti nel tratto digestivo (che, a proposito, tecnicamente è considerato al di fuori del proprio corpo). Se necessario, i batteri vengono introdotti nel sistema circolatorio per favorire il processo di eliminazione della fisiologia dei rifiuti accumulati.

Quando il corpo crea una condizione tossica altamente localizzata nel sistema, come accade durante l'infiammazione, il corpo assorbe i batteri dall'intestino e / o altre cavità corporee e li trasporta dove sono stati concentrati i veleni accumulati.

Durante il processo infiammatorio, il pus si forma dall'aggregazione delle cellule morte e dall'attività cicatrizzante dei globuli bianchi che avviene; e i batteri proliferano per banchettare e processare questo materiale che rende più facile l'espulsione del corpo.

In questo modo, i batteri simbioticamente aiutano a scomporre questi materiali tossici per l'eliminazione. Nel processo, tuttavia, gli escrementi dei batteri generati in esso sono tossici. La stessa escrezione dei batteri riflette la morbilità delle tossine che consumano, in quanto questi rifiuti sono anche altamente virulenti. Se non vengono eliminati dal corpo, questi si accumulano a tal punto che il corpo inizia una crisi di pulizia / guarigione.

I batteri non producono malattie ma sono organismi utili che aiutano a decomporre il materiale cellulare morto quando le cellule del corpo hanno completato il loro normale ciclo di vita.

I batteri proliferano perché c'è una sostanza organica morta da cui si nutrono, non perché diventano improvvisamente malevoli

Questo processo aiuta ad eliminare le sostanze morte dal corpo e, allo stesso modo, i batteri aiutano a eliminare le sostanze tossiche. Questo è il motivo per cui vengono visti regolarmente durante il processo di malattia / purificazione poiché questi processi richiedono la disintegrazione dei rifiuti velenosi accumulati che il sistema sta tentando di eliminare.
I batteri non causano la morte della sostanza organica su cui agiscono, tuttavia, poiché sono una parte del risultato della malattia, non la sua causa.

Batteri e germi svolgono un ruolo importante nell'evoluzione della malattia ma non sono cause fondamentali come comunemente si crede. I batteri sono intimamente associati a malattie gravi, ma semplicemente contribuiscono a fattori di complicazione secondaria o terziaria elaborando certe potenti tossine già presenti nel corpo tossico a causa dei sottoprodotti velenosi delle loro stesse azioni fermentative e putrefattive.

Acido lattico, acido acetico (aceto), alcool proveniente dal processo di fermentazione; e ammonie, indoli, skatols e purine, ecc., dal processo di putrefazione sono tossici, sebbene il nostro corpo, in normali condizioni di salute, possa facilmente eliminare queste forme di escrementi batterici. Infatti, le nostre feci e le urine sono cariche di queste proteine
decomposizione dei sottoprodotti sia dall'attività batterica che dal giorno del nostro corpo, compresi gli "alimenti" devitalizzati e il metabolismo.

I batteri hanno bisogno di nutrimento per crescere e riprodursi. Quando c'è un pericoloso accumulo di materiali di scarto che sta minacciando l'integrità del corpo, i nostri batteri simbionti entrano in azione ed eseguono il loro
funzione anitoriale / scavenging di liberare il corpo da sporcizia e detriti. Successivamente, riprendono il loro stato passivo ancora una volta.

I batteri hanno un ruolo importante da svolgere nel processo vitale di guarigione. I germi prendono parte praticamente a tutti i fenomeni di malattia che richiedono la disintegrazione dei rifiuti e delle sostanze tossiche all'interno del corpo che il sistema sta tentando di rimuovere. Agiscono come spazzini per liberare l'area interessata dalla saturazione tossica. Non appena il loro ruolo è completo, il loro numero diminuisce.

Per questa ragione, ancora una volta, i batteri sono associati ai processi patologici ma non ne sono la causa, poiché i batteri non causano più malattie delle mosche che causano immondizia. Assumere, poiché i germi sono presenti e attivi nei processi di decomposizione connessi con la materia organica morta, che causano la sua morte è errata.

Quando la tossicosi esiste e minaccia il benessere dell'organismo, il corpo risponde eliminando le tossine e i sintomi della malattia compaiono. I batteri sono presenti per decomporre rifiuti metabolici, tossine, cellule morte e tessuti e come tali sono una parte di vitale importanza del processo di guarigione.
I batteri sono capaci di una sola azione in relazione al processo della malattia: l'elaborazione di materiali morti come loro cibo. I batteri proliferano perché c'è una sostanza organica morta da cui si nutrono, non perché diventano improvvisamente malevoli.

In un ambiente relativamente sterile muoiono a causa della mancanza di nutrimento, così come si estinguono allo stesso modo in un ambiente creato da loro stessi, cioè in presenza dei loro stessi escrementi tossici tra cui acido lattico, acido acetico, alcol, ammoniaca e numerosi altri sottoprodotti della decomposizione delle proteine.

Non è appropriato chiamare attività batterica un "attacco" o una "invasione" da parte dei germi, a meno che non si intenda che si tratta di un attacco alle tossine. L'unico vero attacco che si verifica è quello che facciamo sul nostro corpo mentre ci assaliamo continuamente in una media di circa 30 atti di avvelenamento ogni giorno, compresi i "cibi" devitalizzati e le "bevande" che consumiamo, i farmaci che assumiamo, stare costantemente alzati fino a tardi e mangiare troppo inutilmente, tutti fattori che creano nervosismo e esaurimento del corpo.

D'altra parte, i batteri non possono prosperare in sangue sano. Ecco perché un corpo pulito e ben nutrito non è soggetto alla loro presenza. Vivere in un ambiente privo di germi è tuttavia impossibile e non del tutto auspicabile. Trilioni di batteri vivono nel nostro corpo in ogni momento.
I batteri mutano in base alla decomposizione del suolo nell'ambiente

Non ci sono batteri, germi, microbi, bacilli o virus che generano malattie: è l'ambiente e l'ospite a determinare i sintomi della malattia e il tipo di batteri che proliferano. I germi non causano malattie; piuttosto, il corpo genera occasioni di malattia per la proliferazione di germi che avviene.

Affinché un particolare germe possa esistere, deve avere un ambiente adatto creato dall'inquinamento tossico e patologico che sta saturando il corpo. L'intossicazione sistemica crea quindi la specifica cultura dei germi, a seconda di dove il corpo ha accumulato i rifiuti e in base alle abitudini di vita non salutari del malato.

Il punto chiave è, tuttavia, che è la condizione tossica malata, in cui il corpo è sopraffatto dai rifiuti tossici, che crea un ambiente favorevole alla mutazione dei batteri in quelli comunemente associati a particolari malattie. Le condizioni della malattia favoriscono la proliferazione e l'aumento della virulenza fino a quando non viene completata la loro funzione di divorare detriti tossici.

Quando chiedi a un batteriologo ciò che viene prima, il terreno o i batteri, la risposta è sempre l'ambiente contaminato, in modo che i batteri possano prosperare. I batteri non esistono mai in uno stato proliferante in cui non c'è cibo o suolo per la loro propagazione, ma si moltiplicano rapidamente quando c'è materiale in decomposizione da consumare, e poi si estinguono quando c'è carestia o avversità nei loro dintorni.

Ancora una volta, i batteri non creano più il loro approvvigionamento di cibo di quanto le mosche causino spazzatura. La spazzatura o lo stato sporco all'interno del nostro corpo devono preesistere alla presenza di "invasione" batterica: i batteri non causano malattie; sono presenti per questo.

Gli stessi batteriologi suddividono erroneamente la popolazione di germi in specifici "germi buoni" e "germi cattivi" e trascurano il fatto che i "germi buoni" hanno la capacità di mutare e proliferare in germi virulenti "cattivi" quando il loro terreno è adatto a questo cambiamento.

In altre parole, i germi possono modificare la loro struttura e la loro funzione metabolica in base all'ambiente in cui si trovano. Esistono in una moltitudine di ceppi, forme e capacità metaboliche e possono apparire a forma di bacchetta o circolare a seconda dei dettami del loro ambiente.

La teoria dei germi era fondata sul presupposto che i germi della malattia fossero entità specifiche e immutabili nella loro struttura biologica e nelle loro caratteristiche chimiche. Il 1968 il Pulitzer Prizewinner ed eminente batteriologo Dr Rene J. Dubos contraddiceva questa ipotesi, dimostrando che la virulenza delle specie microbiche è variabile.

Già nel 1914 nel Journal of Infectious Diseases, esperimenti di EC Risenow, MD, dei Mayo Biological Laboratories di Rochester, Minnesota, dimostrarono che i germi di pus (streptococchi) possono essere trasformati in germi di polmonite (pneumococchi) semplicemente apportando lievi alterazioni nel loro ambiente e alimentandoli con la polmonite da virus della polmonite, sostanza organica morta con la manifestazione della malattia.

Quando la procedura fu invertita, i batteri ritornarono rapidamente ai germi di pus. In ciascun caso, quando l'ambiente e la fonte di cibo sono stati modificati, i germi, indipendentemente dal tipo, sono rapidamente mutati in altre forme.

Due batteriologi della città di New York, in esperimenti simili, hanno convertito i cocchi (batteri rotondi a forma di bacca) in bacilli (batteri lunghi a forma di bastoncelli) e di nuovo indietro. Un coccus (germe di polmonite) può trasformarsi in un bacillo (germe tifoide) semplicemente apportando piccole alterazioni nel suo ambiente e alimentandolo con sostanze organiche morte specifiche del virus del tifo che sono particolari per questo tipo di proliferazione batterica.

Quando la procedura è invertita, i germi del tifo tornano a germi di polmonite che dimostrano che, in effetti, qualsiasi batterio può modificare e adattare la sua struttura e la funzione metabolica in accordo con il suo ambiente mutevole.

La virulenza dei germi può anche essere modificata dal laboratorio a piacimento dal tecnico.

Il corpo tossico produce il germe virulento


È evidente, quindi, che i germi non producono direttamente una malattia: piuttosto, la crisi di guarigione generata dal corpo produce il germe fornendo un ambiente adatto dove i batteri non tossici si trasformano in microorganismi tossici all'interno di aree settiche. Perché i germi diventino pericolosi, devono essere mescolati con prodotti di scarto concentrati prima che un germe si trasformi in un'entità tossica.

Mentre è vero che germi e batteri esistono ovunque, i microrganismi proliferano nel corpo solo quando una persona sviluppa la tossiemia a causa di uno stile di vita malsano.

Quando quantità elevate di materiale organico ossidato vengono straordinariamente eliminate dal corpo attraverso la gola, i polmoni o altrove, i batteri si moltiplicano geometricamente. In poche ore, possono essere numerati nei trilioni, ma deve essere presente un "terreno" adatto prima che possano proliferare.

Streptococco e mal di gola si dice siano causati da batteri streptococco. Questa è una forma comune di batteri nella famiglia dei lattobacilli, un organismo di forma tondeggiante che si rompe o fa anche latte.

Puoi preparare facilmente una coltura contenente miliardi di batteri streptococco come nello yogurt, e qualsiasi persona in buona salute che mangia lo yogurt non svilupperà mal di gola. Mettili in una cultura del latte e in poche ore si moltiplicano in trilioni. È difficile trovare qualcuno che non contenga questa forma di batteri in gola, tranne che in quelli che usano quantità massicce di antibiotici o altri farmaci che distruggono la vita.

Gli streptococchi non sono di per sé pericolosi, tuttavia, per milioni di loro si trovano nella gola e nelle cavità del corpo della persona media, ma i loro escrementi possono essere altamente tossici poiché aiutano a scomporre, decomporre e putrefare i materiali di scarto che il corpo elimina attraverso i polmoni, la gola, le mucose e / o la pelle.

Un mal di gola è in realtà un'irritazione dei tessuti, causata o da ciò che viene eliminato lì o da qualche sostanza dannosa inviata giù. I batteri dello streptococco usano gli essudati come terreno. Quando è disponibile una concentrazione di materiale tossico, la loro riproduzione è tremenda. Per ribadire, gli streptococchi non sono batteri dannosi in quanto sono sempre una parte normale della flora del corpo.

Gli scienziati sanno che non si trovano sempre specifici batteri in ogni caso della malattia che dovrebbero provocare. L'introduzione di colture germinali in un corpo sano non genera costantemente sintomi di malattia. Numerosi esperimenti che alimentavano colture pure di germi di tifo, polmonite, difterite, tubercolosi e meningite non hanno prodotto effetti negativi. Come accennato prima, nel 28-40% dei casi di difterite, il bacillo difterite è assente. Allo stesso modo, in circa il 20% di coloro che soffrono di malattie veneree (sifilide, herpes, gonorrea, ecc.) Non sono presenti né gonococco né spirochete. Dire che i batteri causano un'ulcera, una pustola o un brufolo sui genitali trascura il fatto che questi provengono dall'autolisi del corpo (auto-digestione) del problema. La creazione di bolle e infiammazioni caratteristiche del V.D. sono azioni corporee vitali, non invasioni batteriche o virali.

Allo stesso modo, si pensa che la polmonite sia causata dal batterio pneumococco, anche se è assente in più del 25% dei casi. Inoltre, la somministrazione del batterio a organismi sani non causa la malattia.

Anche durante le prime fasi del comune raffreddore, secrezioni nasali sono completamente privi di batteri, poiché non si trovano nel sottile muco acquoso nei primi due o tre giorni. Quando inizia la secrezione purulenta densa, compaiono pneumococchi, stafilococchi e streptococchi. Poiché i batteri sono così vistosamente assenti all'inizio del raffreddore, è stata trovata un'altra causa. Ora, 150 diversi virus sono accusati per l'afflizione.

I raffreddori non vengono "catturati"; piuttosto, si sviluppano dal nostro modo di vivere snervante. Batteri o virus non hanno nulla a che fare con lo sviluppo del raffreddore. Possono essere caratteristiche complicanti, dal momento che i batteri fungono da saprofiti (scavengers) che si nutrono dei detriti che vengono eliminati. Finché i tessuti rimangono anormali, i batteri prosperano. Una volta completate le azioni di eliminazione e di eliminazione, esse si annullano.

I medici ammettono prontamente di non sapere esattamente quale virus causa raffreddori, perché quando il virus del raffreddore viene spruzzato nelle gole provoca infiammazione solo in "ospiti suscettibili", in quelli i cui tessuti sono già irritati da agenti stranieri. Inoltre, i cosiddetti batteri patogeni respiratori sono presenti nei lavaggi della gola di coloro che hanno il raffreddore, ma uccidere i microrganismi non accorcia il periodo di malattia.

I raffreddori sono prevenibili, ma prima dobbiamo imparare le loro cause. Finché si presume che i germi ei virus causino il raffreddore e che li "catturiamo" e finché i nostri sforzi sono diretti contro queste entità microscopiche, prevarrà il freddo. I raffreddori sono in realtà degli sforzi correttivi resi necessari dall'accumulo nel sangue, dalla linfa e dai tessuti dei rifiuti metabolici non escreti e dall'assorbimento intestinale dei sottoprodotti tossici dell'indigestione.

Le cause ultime del freddo sono abitudini di vita che riducono l'efficienza digestiva, controllano l'eliminazione e causano lo snervamento, permettendo che l'ambiente interno diventi inquinato - uno stato di smog fisiologico, se vuoi.

A meno che un germe non causi una malattia ogni volta che "infetta" il corpo, non è una causa. Una causa deve essere coerente e specifica nella sua influenza. I germi sono onnipresenti e non riescono ad avere un'influenza specifica per tutto il tempo.
Sia le prove di laboratorio che le osservazioni empiriche confermano che la malattia è la reazione del corpo all'intossicazione e non ai germi: i batteri non invadono né controllano il corpo, poiché sono sempre all'interno del dominio fisico.

Il corpo controlla la sua popolazione batterica


I normali organismi sani sono in realtà letali per germi e parassiti e hanno risorse innate e integrate per gestirli. I batteri sono indifesi contro le cellule viventi, in particolare i globuli bianchi e altri che compongono le nostre linee di difesa naturali.

Ospitiamo innumerevoli miliardi di microrganismi nel nostro tratto intestinale, nella nostra pelle, nella nostra bocca, naso e altre cavità del corpo. Il celebre dottor Lewis Thomas, a capo dello Sloan-Kettering Cancer Institute, ha dichiarato: "Peccato non l'uomo che ha catturato i batteri, piuttosto ha pietà dei batteri che sono stati catturati dall'uomo". Gli esseri umani forniscono un ambiente molto difficile per i batteri, mantenendoli strettamente limitati e controllati.

Linfonodi - le masse di tessuto ghiandolare che si verificano lungo i vasi linfatici in tutto il corpo - rimuovono sistematicamente i batteri e le particelle estranee dalla circolazione linfatica generale e forniscono i linfociti al sistema circolatorio. I linfonodi e la milza formano una parte del sistema reticoloendoteliale del corpo - riferendosi a quelle cellule fagocitiche disseminate nel corpo che possono ingerire batteri, particelle solide e altre cellule erranti. Questo aiuta a mantenere il corpo in una condizione salutare e stabile.

Ad esempio, ogni giorno miliardi e persino trilioni di batteri e funghi vengono assorbiti incidentalmente dal tratto intestinale nel sangue portale. Questi sono così efficacemente catturati e distrutti dai nostri globuli bianchi e macrofagi che quasi nessun batterio o fungo entra mai nel sangue circolante.

I leucociti (globuli bianchi) sono gli organi difensivi del sangue che prevengono l'intossicazione da batteri, detriti alimentari cotti o altri materiali tossici. La leucocitosi (un'eccessiva proliferazione dei globuli bianchi nella circolazione) avviene in risposta all'infiammazione, a un numero eccessivo di batteri nel corpo e ad una preponderanza di cibi cotti, che rappresentano tutti fenomeni patologici.

Il corpo deve esistere in uno stato tossico prima che istituisca il processo della malattia. Né i batteri né qualsiasi altra cosa possono iniziare e sostenere una crisi di guarigione - i microrganismi non sono in grado di agire unitamente e non possono esistere dove non c'è cibo (suolo) per sopravvivere. Le cellule sane viventi non sono terreno per i batteri, ma sono sostanze in decomposizione.

Se un corpo sano può "prendere" un raffreddore o un'influenza a causa dei germi dell'influenza e non è in grado di resistere a un "attacco" da parte di questi microrganismi, allora come può il corpo debilitato successivamente riprendersi? Come può l'organismo indebolito respingere l'assalto di trilioni di microrganismi proliferanti? Il risultato inevitabile sarebbe la morte dell'organismo.

Se i batteri hanno invaso gli organismi e successivamente li hanno ridotti, come supposto dal punto di vista medico, l'impeto e la quantità di moto che hanno accumulato nel processo diventerebbero progressivamente più pronunciati e travolgenti man mano che l'organismo si ritirerà ulteriormente nella malattia.

Se i germi e gli "attaccanti" di microbi hanno sopraffatto un corpo sano, allora, una volta che hanno ridotto la vittima, la loro riproduzione proliferante aumenterebbe in modo esponenziale il "divorare", che cesserebbe solo quando avranno esaurito la loro riserva di cibo. Non ci sarebbe recupero. Se batteri e virus causano malattie e debilitano il corpo, come recupera l'individuo indebolito?

Se i germi fossero la causa della malattia, non ci sarebbe stata alcuna remissione e la proliferazione dei germi continuerebbe senza impedimenti.
Una volta che le entità invasori hanno un vantaggio, non sembra che interrompano la loro distruzione ma, invece, diminuirebbero ulteriormente la capacità dell'organismo di difendersi. Quando i batteri iniziano a decomporre un corpo, solo l'esaurimento completo di tutti i materiali organici termina il loro corso - solo quando "le ossa vengono raccolte pulite", per così dire.

La logica ci dice che se gli organismi microbici fanno ammalare qualcuno "e proliferano con miliardi di dollari man mano che diventano più numerosi e più forti, essi progressivamente risucchiano sempre più energia, vitalità e risorse dalla loro vittima. Come può questo processo essere invertito da un organismo molto indebolito?

L'intero concetto di essere messo a tacere dai microbi e poi girare


le tabelle su di loro sono di buona finzione, ma sono fisiologicamente false. Per una volta il dominio è stabilito in natura su un organismo indebolito, è in discesa da lì. Una volta che le zebre sono sopraffatte dai carnivori, raramente sopravvivono. Una volta che i batteri iniziano a decomporre la materia organica, continuano finché la loro fonte di cibo non si esaurisce.

Il corpo non sopprime la crescita e la moltiplicazione dei "germi della malattia" fino a quando le tossine morbide su cui sono sopravvissute sono state consumate e fino a quando il processo infiammatorio non ha fatto il suo corso.
Quando le autorità mediche dichiarano che le malattie sono "limitate", ciò significa in realtà che la malattia è un processo di disintossicazione del corpo che viene terminato dall'organismo quando vengono raggiunti gli obiettivi di epurazione. Il corpo ha il controllo e non è alla mercé di orde di microbi o di qualche "misteriosa entità di malattia".
La malattia, ancora una volta, non è causata dai germi ma dallo stato tossico del corpo che consente al germe di prosperare. Questo squilibrato stato dell'organismo è la conseguenza di violare i nostri requisiti biologici, e non è una condizione casuale o casuale.

È questa condizione patologica che crea un ambiente favorevole alla mutazione dei batteri in quelli associati a una specifica malattia e alla loro crescente virulenza e proliferazione.

Uno stato di pulizia interna, quindi, è essenziale per la salute e il benessere Un flusso sanguigno puro, libera circolazione senza impedimenti di tutti i fluidi corporei e eliminazione incontrollata genera e mantiene tessuti sani I batteri virulenti muoiono presto in questo ambiente per mancanza di nutrimento adatto

Se il microbo deve avere qualche parte nel causare la malattia, deve trovare un organismo che produca terreno adatto per le sue attività metaboliche. Non possiamo evitare i germi perché sono dappertutto, dobbiamo essere una prova contro di loro. Evitiamo la malattia solo mantenendoci in una tale stato di salute che i germi sono impotenti contro di noi

Razionale medica di "suscettibilità" e "resistenza"


Ognuno ha letteralmente migliaia di miliardi di funghi, batteri e virus nel proprio corpo anche se sani. Quando i medici si trovano di fronte a questo, dicono che la malattia non è causata da queste agenzie perché "non sei suscettibile" o perché "la tua resistenza è alta"

Questo è un problema, dicendo che questi agenti non causano malattie, ma i fattori che ci mettono a rischio di suscettibilità - poiché la parola "suscettibile" significa che il criterio che stabilisce la suscettibilità è la vera causa della malattia, e non il microrganismo o l'agenzia hanno biasimato Questo sbarramento conferma che i presunti agenti contagiosi - batteri, virus e funghi - non causano malattie. La causa effettiva è qualsiasi causa di suscettibilità o bassa resistenza

Se manteniamo il nostro corpo in uno stato pulito e sano, allora i germi sono irrilevanti, poiché la suscettibilità non esiste. Il concetto di suscettibilità è in realtà la logica medica che ammette che i batteri proliferano solo quando la condizione fisiologica interna lo giustifica. Per ripetere, è un'ammissione che un ambiente impuro è davvero la causa della malattia, perché se i germi erano la causa della malattia, tutti esposto al germe nocivo si ammalerebbe della stessa malattia

Quando la condizione di suscettibilità è introdotta nella teoria medica per descrivere la causa della malattia, la condizione dell'ospite è quindi di primaria importanza nella produzione di malattia.

Gli individui suscettibili sono quelli con un alto grado di tossicità corporea e una sufficiente vitalità per condurre il processo di purificazione / malattia Quando una tale sufficiente vitalità cala, il danno organico del tessuto si verifica dallo stato interno straordinariamente inquinato del corpo che crea le basi per la malattia cronica poiché il nostro corpo è relativamente puro, tuttavia, i materiali di rifiuto non si accumulano e l'assistenza per lo scavenging dei germi batterici non viene invocata. I medici dicono che la nostra resistenza contro i germi è la nostra unica protezione per evitare la malattia, ma lasciano i loro pazienti ignoranti su come per garantire un alto grado di resistenza in ogni momento Ci viene detto che i germi invadono solo quando si perde la resistenza. Ma cosa causa una perdita di resistenza? Ovviamente, la perdita di salute comporta una diminuzione della resistenza. Quindi, se la salute è la migliore protezione contro le malattie, perché non promuovere la salute educando la popolazione nei requisiti di salute secondo il loro mandato biologico? Perché non creare un vero sistema di "assistenza sanitaria", invece del sistema prevalente di "cura della malattia" che esiste attualmente? Dobbiamo promuovere la salute vivendo la vita in base a quei fattori che generano la salute.


Sono poche le persone che si rendono conto che batteri e virus non sono la causa della malattia


Inizialmente, la parola "virus" significava veleno e la parola "virulento" significava velenoso. Oggi virus significa entità submicroscopica e virulento generalmente significa contagioso. La medicina moderna ha usato il termine virus per indicare una forma di vita ultra-minuta che infetta le cellule e che è accusata di causare sempre più malattie.

Secondo la rappresentazione popolare del virus, è una forma di vita che parassita tutte le forme di vita tra cui animali, piante e saprofiti (funghi e batteri).

Nelle descrizioni della malattia virale, i virus sono accreditati con azioni come "iniettarsi", "incubare", "porre in attesa", "invadere", avere uno "stadio attivo", "impegnativo", "riattivare", " camuffandosi "," infettando "," conducendo assedi "ed essendo" devastanti "e" mortali ".

La teoria medica convenzionale spiega che i virus provengono da cellule morte che hanno infettato: il virus "si inietta" nella cellula e "lo comanda" a riprodursi, e ciò avviene finché la cellula non esplode dal fardello. I virus sono quindi liberi di cercare altre cellule per ripetere il processo, infettando così l'organismo.

I virologi ammettono, tuttavia, che sebbene i virus siano distintivi e di natura decisamente organica, non hanno alcun metabolismo, non possono essere replicati in laboratorio, non possiedono alcuna caratteristica di esseri viventi e, di fatto, non sono mai stati osservati vivi !!

"Virus Vivi" sono sempre morti

Il termine "virus vivi" significa solo quelli creati da colture di tessuti viventi in vitro (all'interno del laboratorio) poiché trilioni di essi derivano da tessuti "vivi". Ma qui sta il punto: anche se alcune culture di laboratorio sono mantenute in vita, c'è un massiccio ricambio cellulare nel processo, ed è da queste cellule morenti che si ottengono i "virus". Sono sempre morti e inattivi perché non hanno alcun metabolismo o vita, tranne che sono molecole di DNA e proteine.

I virus contengono acido nucleico e proteine ​​ma mancano di enzimi e non possono sostenere la vita da soli poiché non possiedono nemmeno i primi prerequisiti della vita, cioè i meccanismi di controllo metabolico (e anche i batteri "modesti" ne hanno). Il manuale medico di Guyton riconosce che i virus non hanno sistema riproduttivo, non hanno locomozione, non hanno metabolismo e non possono essere riprodotti come entità vive in vitro.

La connessione dei mitocondri

Poiché i "virus" non sono vivi, non possono agire in nessuno dei modi attribuiti loro dalle autorità mediche, se non come unità funzionale del nostro normale materiale genetico all'interno del nucleo della cellula o del nucleo mitocondriale all'interno della cellula.
I mitocondri sono organismi viventi, solo uno dei molti organelli variabili (piccoli organi) all'interno di ciascuna cellula del nostro corpo. I mitocondri hanno circa la dimensione dei batteri, entrambi hanno il loro DNA e il loro metabolismo.

I mitocondri metabolizzano il glucosio nelle molecole di ATP, che è l'energia pronta all'uso utilizzabile dal corpo. Che cosa hanno a che fare questi fatti con i "virus" in quanto tali? Tutto, come vedrai tra un momento.

Per chiunque abbia studiato citologia (struttura cellulare), il maggior numero di forme di vita all'interno di una cellula sono i mitocondri, i creatori della nostra energia.

Semplici protozoi unicellulari contengono fino a mezzo milione di mitocondri al loro interno. Le cellule umane hanno meno, da poche centinaia di cellule del sangue, a 30.000 o più nelle nostre cellule muscolari più grandi. Poiché l'intero corpo umano contiene da 75 a 100 trilioni di cellule, ciascuna contenente, in media, migliaia di mitocondri, nel nostro sistema devono esserci quadrilioni o quintilioni di essi.

Quando una cellula muore, viene sostituita da una cellula figlia durante il processo di mitosi e la cellula esaurita viene disintegrata dai lisosomi, i potenti enzimi intracellulari auto-distruttivi, auto-digerenti, che scompongono i componenti cellulari in particelle ultra-minute così che il corpo può facilmente riciclarli o eliminarli come rifiuti.

Ogni giorno, circa 300 miliardi a oltre mezzo trilione di cellule nel nostro corpo scadono (a seconda del nostro livello di tossicità), ciascuna contenente una media di 5.000-20.000 mitocondri. Quando le cellule muoiono esse vengono autodistrotte dai loro lisosomi, ma i nuclei e i genomi dei mitocondri sono meglio protetti di altri organelli cellulari e protoplasma e spesso non si decompongono completamente.

Genomi e nuclei sono modelli microscopici di informazioni genetiche costituite da DNA o RNA che fungono da centro di controllo e magazzino dei "modelli" della cellula. In quanto tali, sono per i mitocondri e le cellule ciò che il cervello è per il nostro corpo.

Ogni cellula e ogni mitocondrio contiene questo materiale generico che è in realtà il pan più protetto della cellula (in virtù della sua guaina proteica a doppio lipide), proprio come il nostro sistema nervoso è la parte più vitale e più protetta del nostro fisiolTohgiys (pbryocveisrstuies aofnorumr al backbone e cranio).

A seguito della morte cellulare, i mitocondri sono scomposti dai lisosomi ma non sempre completamente, a causa della loro guaina a doppia membrana altamente protettiva. Ed ecco dove questa spiegazione diventa interessante.

Secondo il Textbook of Medical Physiology di Guyton, si dice che un virus sia un pezzettino di materiale genetico (chiamato genoma) che è letteralmente circa un miliardesimo delle dimensioni di una cellula.

Il genoma è circondato da una copertura di capside che di solito è una doppia guaina di proteina lipidica ed è in realtà composta da due membrane unitarie (quasi identiche alla membrana cellulare) che, in realtà, è la struttura stessa del nucleo mitocondriano.

Le foto di "virus" rivelate attraverso microscopi elettronici mostrano che le loro membrane sono ruvide e frastagliate, a volte solo un pan di uno strato e qualche volta uno strato e una porzione del secondo, che è coerente con l'azione auto-digestiva dei lisosomi quando il loro lavoro abbattere i rifiuti cellulari è parziale e incompleto. Come tale, questa descrizione di un "virus" è virtualmente identica alla descrizione dei rimanenti genomi dei mitocondri della cellula.

A un certo punto, i virus erano una volta materia vivente e alcuni testi di fisiologia ipotizzano che siano i detriti delle cellule usate. I lisosomi che disintegrano la cellula esaurita spesso non riescono a distruggere questi "virus" circondati dalla membrana del doppio strato lipidico.

È sorprendente che i ricercatori non riescano a riconoscerli per quello che a quanto pare sono spesi materiale generico mitocondriale, in particolare frammenti di RNA e DNA.

I "virus" non sono microrganismi

Anche se le autorità mediche attribuiscono erroneamente a questi detriti cellulari morti i poteri della vita e della malevolenza, i microbiologi riconoscono che i virus sono frammenti di DNA morti in una membrana proteica-lipidica, sebbene non ne realizzino la fonte.

In quanto tali, i genomi sono meccanismi di controllo ma non microrganismi come vorrebbe farci credere l'establishment medico, poiché questi cosiddetti "virus" sono solo frammenti senza vita di detriti generici mito-condriali. Per questo motivo, i virus non possono causare la malattia a meno che non si accumulino come sporcizia e inquinino le nostre cellule, i tessuti e la circolazione dopo la morte cellulare.

I virus, quindi, sono genomi morti da cellule disintegrate la cui membrana cellulare non è completamente degradata dai lisosomi cellulari.

I genomi non hanno caratteristiche di vita, e sono semplicemente frammenti di materiale di acido nucleico normalmente riciclato attraverso la fagocitosi o escreto come rifiuto.

Le foto di presunti virus "iniettati" in una cellula mostrano effettivamente la cellula che letteralmente inghiotte il "virus" o detriti proteici.

Un'ammaccatura, chiamata invaginarion, poi si forma e la materia organica è circondata da una sostanza cellulare che si chiude, formando uno stomaco improvvisato, e il "virus" scompare. Lo stomaco si riempie poi di potenti enzimi del lisosoma che digeriscono il materiale organico, scomporlo in amminoacidi e acidi grassi per il riciclaggio o l'eliminazione.

caratteristica della fisiologia cellulare chiamata fagocitosi (letteralmente, consumo di cellule) - il processo di routine dell'inge-zione cellulare e della digestione enzimatica di batteri, detriti di tessuti morti e altre cellule erranti.

I virus sono solo materiale organico inerte totalmente privo di tutte le qualità di vita e mai visto agire. Le fotografie che si propongono di mostrare i virus in azione sono delle vere e proprie frodi: ciò che viene effettivamente mostrato è un normale processo fisiologico di fagocitosi che si verifica innumerevoli volte al giorno all'interno del corpo. Ricordate, secondo i testi medici su virologia e microbiologia, i virus hanno le seguenti caratteristiche non realistiche:

1) I virus non hanno metabolismo: non possono processare alimenti o nutrimento e non hanno alcuna formazione di energia. Sono solo un modello o schema di informazioni, come tutti i genomi.

2) I virus non hanno facoltà di azione di alcun tipo: nessun sistema nervoso, nessun apparato sensoriale e nessuna intelligenza possibile movimento coordinato o "invasione fisica" di qualsiasi tipo.

3) I virus non possono replicarsi - presumibilmente dipendono interamente da "riproduzione obbligatoria" - pulizia, riproduzione di a organismo ospite, qualcosa di totalmente sconosciuto in tutta la biologia.

Riproduzione obbligatoria

Nella logica medica della causalità della malattia virale, ci viene detto di credere nella riproduzione obbligata, in cui un organismo (la cellula) è obbligato a riprodurre un organismo alieno (il "virus"). In nessuna parte della natura, tuttavia, nessuna creatura vivente riproduce qualcosa di diverso dalla sua stessa specie.

Non dimenticare che la relazione tra le dimensioni di un virus e una cella è letteralmente di circa un miliardesimo della dimensione. La logica virale della causalità della malattia ci dice di credere che il virus si inietta nella cellula e gli comanda di riprodurre il virus centinaia di migliaia di volte, su cui la cellula esplode.

Quando il virus "si riproduce", la sua massa collettiva è ancora pari a molto meno di 1 / lOOº dell'uno per cento della massa della cellula. È come dire che se ti inietti con mezzo grammo di una sostanza, causerà tanta pressione interna che esploderai !! Solo i microrganismi viventi sono in grado di agire e riprodursi, che è sotto il controllo diretto del nucleo, del genoma o del "cervello". Un cosiddetto "virus" è una porzione distaccata di un'entità funzionante una volta organicamente la cui struttura genetica ha la stessa relazione che una testa ha con un corpo: attribuire qualsiasi azione ai virus è più o meno simile ad attribuire azioni alla testa decapitata di una persona morta !

I virus sono tossici solo come rifiuti accumulati

Il nostro sangue e i nostri tessuti possono saturarsi di questi materiali di scarto generati internamente e di inquinanti ingeriti dall'esterno. L'intossicazione si verifica quando questi sovraccaricano il corpo oltre la sua capacità di espellerli.

I virus causano malattie in quanto sono rifiuti tossici. In questo senso, i "virus" causano effettivamente malattie ma non come agenti contagiosi.

Ricorda che batteri, germi e virus non comunicano o agiscono in modo concertato e non sono in grado di condurre operazioni congiunte come eserciti di aggressori: mancano dell'intelligenza e delle risorse necessarie per condurre il processo della malattia. Solo il corpo può iniziare una tale crisi di guarigione poiché il corpo è l'unica entità intelligente unificata in grado di condurre processi fisiologici definiti "malattie".

Il libro di testo di Boyd afferma che la maggior parte delle persone normali ospita virus senza sviluppare le particolari malattie che i virus dovrebbero causare, e che le influenze snervanti superano le funzioni protettive del corpo, "permettendo ai virus di usurpare le attività biologiche all'interno della cellula".

Più specificamente, secondo la teoria medica, per un parassita o un virus essere patogeno deve soddisfare tre criteri:

1) Deve essere biochimicamente attivo - deve avere capacità metabolica per poter agire.

2) Dovrebbe infettare o intossicare più cellule dell'ospite di quante l'animale o l'organismo umano possa risparmiare o rigenerare per esempio, si soffrirebbe solo di influenza se il virus uccide o infetta una porzione significativa delle cellule del polmone; il virus della polio se colpisce abbastanza cellule nervose; o il virus dell'epatite se si impadronisce di buona parte delle cellule del fegato. (Le infezioni latenti sono quelle che coinvolgono una piccola percentuale delle nostre cellule, come la tubercolosi, che la maggior parte di noi non ha nemmeno notato).

3) L'ospite deve essere geneticamente e immunologicamente permissivo. Deve accettare l'agente patogeno e non può essere "immune" ad esso - deve "lasciarlo accadere", per così dire.

Gli esseri umani sono sempre "infetti" da batteri e "virus" in quanto sono presenti nel corpo in ogni momento, quindi non si può dire che "invadano" l'ospite. Le malattie non sono infezioni; piuttosto, sono processi di purificazione del corpo e non sono creati da batteri o "virus".

Né "virus" né batteri possono causare la crisi di malattia / guarigione. Il vero colpevole è lo stile di vita biologicamente scorretto del sofferente. Quando le abitudini debilitanti vengono sospese non ci sono ulteriori accumuli tossici e la necessità per l'organismo di generare il processo di guarigione / malattia cesserà di esistere. La salute è il risultato naturale.

Le droghe sono controproducenti

Per uccidere batteri e virus per consentire al corpo di recuperare, i medici ritengono che debbano somministrare farmaci. Credono anche che la medicina aiuti nella guarigione. I farmaci uccidono effettivamente i batteri, ma sono altrettanto letali per tutte le forme di vita metabolica comprese le cellule umane.

L'uso di droghe e farmaci a base di erbe ha sabotato gli sforzi di detossificazione del corpo ponendo un'ulteriore minaccia al sistema oltre alle sostanze vili che stava espellendo attraverso il processo della malattia. Eliminare la nuova sostanza incriminata ora ha la precedenza su quelli che hanno causato la crisi di guarigione in primo luogo.

La pratica medica di uccidere i germi con farmaci, antibiotici, agenti antinfiammatori o sieri per sopprimere l'attività dei germi è la causa dell'aumento della degenerazione della popolazione e della malattia iatrogena.

La malattia acuta è auto-limitante, secondo il tempo e lo sforzo richiesti per liberare l'organismo dalle sostanze nocive. Il lavoro svolto dallo scavenging dei batteri durante il processo patologico è sia estenuante che spiacevole per l'ospite, ma è di vitale importanza per la salvaguardia della vita e della salute.

Una volta completato il processo di disintossicazione, i sintomi della malattia scompaiono e l'organismo fa di nuovo le sue energie per gli sforzi normali. La forza poi ritorna alle estremità. Il corpo, sebbene debilitato dallo sforzo reso necessario dalla sua condizione tossica, riacquista i suoi poteri e la sua vitalità funzionale e recupera senza trattamento. Quando la crisi di guarigione è completata, inizia il recupero.

L'illusione del contagio

Le persone sono state educate ad essere terrorizzate da batteri e virus e a credere implicitamente nell'idea di contagio - che entità specifiche, malevolemente aggressive della malattia passano da un ospite all'altro.

"Contagio" è definito medicamente come la trasmissione della malattia per contatto: una malattia infettiva è comunicabile per contatto con una persona che ne soffre o con un oggetto toccato da loro. Il dizionario cita il meccanismo come "virus o altri agenti infettivi" o "qualcosa che serve come mezzo per trasmettere la malattia sia con mezzi diretti che indiretti".

Il contagio è un mito medico, tuttavia, poiché i rifiuti tossici non possono essere trasmessi da un corpo all'altro attraverso il contatto normale. Le malattie contagiose sono ingannevoli, poiché nessuno può dare la propria malattia ad un'altra più di quanto si possa dare via alla propria salute. Qualcosa di simile al contagio sembra verificarsi quando una persona estremamente tossicemica viene esposta a una persona malata, scatenando così una crisi di guarigione.

Cosa sta davvero succedendo?

I batteri o i germi di tali individui sono stimolati in azione da quegli elementi devitalizzati su cui prosperano i batteri. Quando vengono trasferiti alle membrane mucose o ai tessuti di un'altra persona ugualmente tossica, i batteri possono iniziare a lavorare immediatamente allo stesso modo del vettore ospite se esistono prodotti di decomposizione adeguati come fonte di cibo per colonie batteriche da tenere in mano e prosperare. Ma un ambiente sporco è un prerequisito di tale azione batterica.

Conclusione

Le cosiddette “malattie contagiose” come l’AIDS, le malattie veneree, il piede dell’atleta, non sono più contagiose di qualsiasi altra malattia. Ma ad alcuni interessi commerciali è utile che la gente creda che lo siano.

Fondamentalmente, l’accettazione della teoria del contagio presuppone l’accettazione della teoria dei germi come causa delle malattie: e cioè che specifici batteri o “virus” possano produrre i sintomi di malattie specifiche. Questa teoria è stata più volte dimostrata erronea in campo scientifico, e perfino Pasteur ammise la sua insostenibilità.

Nonostante ciò, la teoria dei germi e la teoria del contagio continuano ad essere propagandate dal moderno sistema medico, il cui prestigio, i cui profitti e il cui potere dipendono largamente dalla fiducia in questa assurda teoria.

In sostanza, la popolazione crede a ciò che l’establishment medico vuole che creda. La teoria del contagio serve a tenere alta la domanda di farmaci e di cure mediche e ospedaliere.

Se conducete una vita sana, probabilmente non vi ammalerete mai. Le malattie sono provocate solo da abitudini di vita improprie. Non dimenticate che solo le industrie mediche, ospedaliere e farmacologiche sostengono che la salute si possa recuperare somministrando farmaci velenosi. Questo è probabilmente uno dei più spaventosi semi delle malattie “contagiose”. In conclusione, se i germi hanno un qualche ruolo nel provocare malattie, esso non è un ruolo primario, ma solo secondario, in subordine a quei fattori che abbassano la nostra resistenza o mettono a rischio la nostra salute. Una vita sana è, in ogni caso, la migliore assicurazione contro qualsiasi malattia.

In lingua originale http://www.lsnn.ne...via/26639/salute/0/

Source by Silvia_Michela_Carrassi


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / i Vaccin... malattia