Il Robot SpaceBok prossimo alle spedizioni su Luna o su Marte è Svizzero

MOVE

MOVE

Giovedì
16:31:39
Novembre
29 2018

Il Robot SpaceBok prossimo alle spedizioni su Luna o su Marte è Svizzero

Il robot SpaceBok saltellante è progettato per raggiungere luoghi sulla Luna o su Marte che altri rover non possono raggiungere.

View 5.8K

word 1.1K read time 5 minutes, 17 Seconds

Zurigo: Questo robot in grado di camminare e saltare è attualmente in fase di sperimentazione nel Mars Yard dell'ESA.

SpaceBok è un robot quadrupede progettato da una squadra studentesca svizzera dell'ETH di Zurigo e ZHAW di Zurigo, sotto la supervisione del professor Marco Hutter e del dottorando Hendrik Kolvenbach, per future missioni sulla Luna o su Marte.

"I robot con le zampe possono attraversare il terreno non strutturato e possono essere utilizzati per esplorare aree di interesse, come i crateri, che i rover non sono in grado di raggiungere", spiega il membro del team Patrick Barton. "Dato che sono molto versatili, possono cambiare l'andatura per adattarsi a diversi terreni."

"A differenza di altri robot con gambe, SpaceBok è progettato principalmente per saltare", aggiunge uno del team Elias Hampp. "Anche se non è particolarmente utile sulla Terra, potrebbe raggiungere un'altezza di quattro metri sulla Luna. Ciò consentirebbe spostamenti rapidi nelle direzioni desiderate da chi lo controlla".

"Attualmente stiamo implementando e testando i sensori di visione, per aumentare l'autonomia e la robustezza di SpaceBok", afferma uno del team Radek Zenkl.

La sabbiera di Mars Yard 8 x 8 m dell'ESA, riempita con diverse dimensioni di sabbia, ghiaia e roccia, fa parte del Laboratorio di robotica planetaria presso il centro tecnico ESTEC dell'Agenzia a Noordwijk, nei Paesi Bassi. / www.esa.int

Guarda il video dello SpaceBok

Laboratorio di robotica planetaria

Qual è il suo ruolo?

Il Planetary Robotics Lab di ESA fa parte dei laboratori di automazione e robotica, insieme ai laboratori Telerobotics and Haptics e Orbital Robotics Lab. Supporta progetti di robotica planetaria durante tutto il loro ciclo di vita. Il suo lavoro inizia con le indagini iniziali, la convalida e la dimostrazione di nuovi concetti mediante analisi tecnica, simulazione e prototipazione, fornendo assistenza con problemi di sviluppo durante l'implementazione, quindi verifica che l'hardware completato sia in grado di soddisfare le esigenze di missione.

Come è equipaggiato?

Il laboratorio di robotica planetaria è dotato di numerose strutture specializzate:

  • Planetary Utilization Testbed (PUTB) - un quadrato di 9 metri per 9 'di sabbia' terreno 'riempito con diverse dimensioni di sabbia, ghiaia e roccia, dotato di sistemi di misurazione di precisione come il sistema Motion Capture Vicon che fornisce dati di localizzazione della verità del terreno
  • Sistemi di misurazione specializzati - tra cui uno scanner laser terrestre RIEGL LMS-Z210I per la misurazione 3D di oggetti o terreno (DEM) o il sistema di misurazione e calibrazione ottico Nikon K600 che calcola dati di calibrazione 3D molto accurati o il sistema GNSS differenziale Trimble per un'accurata localizzazione esterna , o varie unità di misura inerziali per il calcolo dei decessi
  • Diversi modelli Rover inclusi:
    • ExoTeR - L'ExoMars Testing Rover è una riproduzione a mezza scala del rover ExoMars che riproduce i sottosistemi di locomozione e navigazione del vero rover. Incorpora anche un manipolatore a 5-DoF e sensori integrati per la localizzazione e la navigazione
    • Telaio planetario per carichi pesanti - Carico utile di medie dimensioni ad alta velocità che trasporta la piattaforma di locomozione del rover con un notevole rapporto carico utile / rapporto di massa
    • Lunar Rover Model (LRM) un rover con capacità di carico pesante con una grande quantità di sensori (impianti di telecamere stereo, telecamere 3D Time-of-flight, omnicam)
  • Rover Autonomy Testbed (RAT) - Un ambiente di test tecnologico end-to-end per lo studio del livello di autonomia più appropriato rispetto a vincoli di comunicazione specifici.RAT integra l'LRM e una stazione di terra di controllo, collegata tramite un tweaker di comunicazione che consente la simulazione di diverse larghezze di banda, ritardi, jitter
  • Sistemi di misurazione terrameccanica : valutazione delle prestazioni del rover in termini di interazione tra veicolo e ruota-suolo, compresi i sistemi di misurazione a ruota singola e intera, nonché i simulatori
  • Robot industriale COMAU NJ130 - 6 braccio industriale robotico DoF con una capacità di carico utile di 130 kg in grado di simulare il movimento libero di un corpo rigido in 3D
  • Strutture informatiche: strumenti informatici commerciali all'avanguardia, tra cui simulazione cinematica e dinamica di sistemi di robot, progettazione di sistemi di controllo computerizzati, sviluppo di software di controllo in tempo reale, sviluppo di visualizzazioni 3D, sviluppo di applicazioni di visione artificiale e produzione di video.

Il laboratorio è coperto dalla certificazione generale ISO9001: 2008 dei servizi di automazione e robotica dei laboratori. I servizi certificati sono l'automazione e la definizione del concetto di robotica, breadboard per i clienti interni ESA / ESTEC; supporto al progetto e dimostrazioni di pubbliche relazioni per organizzazioni esterne.

La robotica è una materia affascinante, che consente molte attività di ricerca interessanti.Tuttavia è importante capire che per i robot planetari dell'ESA sono solo uno strumento utile per gestire carichi utili scientifici su ambienti remoti, facilitando così gli obiettivi dell'ESA nella scienza spaziale e nell'esplorazione.

Pertanto, i servizi di Planetary Robotics Lab dell'ESA mirano a dimostrare che un robot e il suo carico utile scientifico possono funzionare come mezzo efficace di indagine scientifica / esplorazione.

Il laboratorio supporta la ricerca, lo sviluppo e il collaudo ESA dei due principali tipi di robot utilizzati nella robotica planetaria: piattaforme rover e sistemi di campionamento / manipolazione di campioni.

Per i rover, le attrezzature e le competenze del laboratorio consentono la prototipazione generale del concetto, la valutazione e il test dei mezzi di locomozione, i mezzi di navigazione e localizzazione, l'autonomia logica, i mezzi di comando e monitoraggio.

Per i sistemi di campionamento / manipolazione dei campioni, il laboratorio offre supporto per la valutazione della fattibilità di manipolatori e strumenti, la prototipazione e il collaudo di questi ultimi e infine la valutazione dell'interazione con l'ambiente e lo strumento / apparecchiatura che servono.

Chi sono i suoi clienti?

Il laboratorio di robotica planetaria supporta un gran numero di ESA e progetti esterni. Molte delle tecnologie destinate alle missioni planetarie dell'ESA sono state valutate e integrate nel laboratorio. Di fatto, tutta la ricerca tecnologica di base sulla robotica planetaria, commissionata dall'ESA per l'industria e il mondo accademico europeo alla progettazione, viene finalmente testata qui.

Il laboratorio ha anche lavorato per valutare un numero di sonde planetarie prima ancora che raggiungessero il tavolo da disegno: con ExoMars l'esempio più importante, il laboratorio ha anche valutato i microrobot per la missione originale di BepiColombo, per la missione MarsNet proposta e gli aerobot per il ritorno a Titan

Come posso saperne di più?

Contatta il responsabile di laboratorio 
Gianfranco Visentin  gianfranco.visentin@esa.int

Source by Silvia_Michela_Carrassi


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Il Robot... Svizzero
from: ladysilvia
by: Bocconi