Economia circolare: la Commissione nuove norme materie plastiche monouso per ridurre i rifiuti marini

Giovedì
02:07:22
Marzo
28 2019

Economia circolare: la Commissione nuove norme materie plastiche monouso per ridurre i rifiuti marini

Economia circolare: la Commissione accoglie con favore l'adozione da parte del Parlamento europeo di nuove norme sulle materie plastiche monouso per ridurre i rifiuti marini

View 9.2K

word 681 read time 3 minutes, 24 Seconds

Bruxelles: Il Parlamento europeo ha approvato il 27 Marzo 2019 le ambiziose misure proposte dalla Commissione per affrontare i rifiuti marini provenienti dai 10 prodotti in plastica monouso più spesso presenti sulle spiagge europee, nonché da attrezzi da pesca abbandonati e plastiche biodegradabili.

Le norme sui prodotti e gli attrezzi da pesca in plastica a uso singolo, che affrontano i dieci articoli più rilevati sulle spiagge dell'UE, pongono l'UE in prima linea nella lotta globale contro i rifiuti marini. Fanno parte della strategia dell'UE sulle materie plastiche - la strategia più completa al mondo che adotta un approccio basato sul ciclo di vita specifico del materiale con la visione e gli obiettivi di avere tutti gli imballaggi di plastica immessi sul mercato dell'UE come riutilizzabili o riciclabili entro il 2030. La plastica monouso La direttiva adottata oggi dal Parlamento europeo è un elemento essenziale del piano d'azione per l'economia circolare della Commissione in quanto stimola la produzione e l'uso di alternative sostenibili che evitino i rifiuti marini.

Il primo vicepresidente Frans Timmermans, responsabile per lo sviluppo sostenibile, ha dichiarato: "Oggi abbiamo compiuto un passo importante per ridurre l'inquinamento da plastica e plastica nei nostri mari e oceani, abbiamo ottenuto questo, l'Europa sta stabilendo nuovi e ambiziosi standard, aprendo la strada per il resto del mondo. "

Il vicepresidente #Jyrki-Katainen, responsabile per l'occupazione, la crescita, gli investimenti e la competitività, ha aggiunto: "Una volta attuate, le nuove norme non solo prevengono l'inquinamento plastico, ma rendono l'Unione europea leader mondiale in una politica di plastica più sostenibile. Il Parlamento ha svolto un ruolo essenziale nel gettare le fondamenta di questa trasformazione e nel dare la possibilità all'industria di innovare, portando così avanti la nostra economia circolare ".

Commissario per l'ambiente, gli affari marittimi e la pesca, Karmenu Vella ha concluso: "Dovremmo essere tutti molto orgogliosi di queste nuove norme perché affrontano l'inquinamento plastico marino all'origine - una delle iniziative più richieste e sostenute dall'UE tra i cittadini europei. Il voto favorevole del Parlamento oggi, il nostro compito principale sarà quello di garantire che queste misure ambiziose vengano attuate rapidamente nella pratica, che sarà un lavoro comune per le autorità pubbliche, i produttori e i consumatori allo stesso modo ".

La direttiva sulla plastica monouso votata dal Parlamento europeo oggi affronta direttamente i rifiuti marini grazie a una serie di misure ambiziose:

Divieto di prodotti monouso selezionati in plastica per i quali esistono alternative sul mercato: bastoncini di cotone, posate, piatti, cannucce, agitatori, bastoncini per palloncini, tazze, contenitori per alimenti e bevande in polistirene espanso e su tutti i prodotti fatti di plastica oxo-degradabile.

Misure per ridurre il consumo di contenitori per alimenti e bicchieri per bevande in plastica e la marcatura e l'etichettatura specifiche di determinati prodotti.

Programmi di responsabilità estesa per i produttori che coprono i costi per ripulire i rifiuti, applicati a prodotti come filtri per il tabacco e attrezzi da pesca.

Un obiettivo di raccolta differenziata del 90% per le bottiglie di plastica entro il 2029 (77% entro il 2025) e l'introduzione di requisiti di progettazione per collegare i tappi alle bottiglie, nonché l'obiettivo di incorporare il 25% di plastica riciclata nelle bottiglie in PET dal 2025 al 30% in tutte le bottiglie di plastica dal 2030.
La proposta di direttiva segue un approccio simile alla riuscita direttiva sui sacchetti di plastica del 2015, che ha determinato un rapido cambiamento nel comportamento dei consumatori. Una volta implementate, le nuove misure produrranno benefici sia ambientali che economici, come ad esempio:

- evitare l'emissione di 3,4 milioni di tonnellate di CO2 equivalente;
- evitare danni ambientali che costerebbero l'equivalente di 22 miliardi di euro entro il 2030;
- risparmiare ai consumatori un progetto di 6,5 miliardi di euro.

Prossimi passi

A seguito di questa approvazione da parte del Parlamento europeo, il Consiglio dei ministri finalizzerà l'adozione formale. Tale approvazione sarà seguita dalla pubblicazione dei testi nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea. Gli Stati membri avranno quindi due anni per recepire la legislazione nella propria legislazione nazionale.

Source by European_Commission


LSNN is an independent publisher that relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources. LSNN is the longest-lived portal in the world, thanks to the commitment we dedicate to the promotion of authors and the value given to important topics such as ideas, human rights, art, creativity, the environment, entertainment, Welfare, Minori, on the side of freedom of expression in the world «make us a team» and we want you to know that you are precious!

Dissemination* is the key to our success, and we've been doing it well since 1999. Transparent communication and targeted action have been the pillars of our success. Effective communication, action aimed at exclusive promotion, has made artists, ideas and important projects take off. Our commitment to maintain LSNN is enormous and your contribution is crucial, to continue growing together as a true team. Exclusive and valuable contents are our daily bread. Let us know you are with us! This is the wallet to contribute.

*Dissemination is the process of making scientific and technical information accessible to a non-specialist public. This can come through various forms, such as books, articles, lectures, television programs and science shows.


Similar Articles / Economia...ti marini