18 dicembre: seminario - Il Community Lab come metodo di innovazione istituzionale

Giovedì
12:32:20
Dicembre
19 2019

18 dicembre: seminario - Il Community Lab come metodo di innovazione istituzionale

Nell’Aula dei Cavalieri dell’Università di Parma approfondimento sulle politiche di welfare di prossimità: focus sugli esiti di una lunga sperimentazione cha ha visto impegnate diverse istituzioni

View 965

word 538 read time 2 minutes, 41 Seconds

Parma - Mercoledì 18 dicembre, dalle 9.30 alle 13, nell'Aula dei Cavalieri (in via Università 12) si è tenuto l'appuntamento con il seminario Il Community Lab come metodo di innovazione istituzionale, organizzato dall'Agenzia sanitaria e sociale regionale, in collaborazione con l'Università di Parma e il patrocinio dell'Anci Emilia Romagna.

Ilseminario dà l'avvio ad una scuola residenziale di 3 giorni sul tema del welfare di prossimità e delle cure territoriali che si svolgerà a Salsomaggiore dal pomeriggio del 18 dicembre a quello del 20 dicembre 2019, esito della collaborazione delle RER Agenzia sanitaria e sociale con numerose Università italiane e brasiliane (di Parma, di Bologna, di Rio de Janeiro, di Niteroi, di Porto Alegre) sul tema dell'innovazione dei sistemi di welfare.

Il seminario del mattino del 18 dicembre ha l'obiettivo di introdurre ai frutti di tali collaborazioni, mostrando gli esiti di una lunga sperimentazione chiamata "Community Lab" che ha visto impegnate alcune di queste istituzioni.

L'obiettivo è dialogare con esperti in diversi campi dell'amministrazione pubblica, delle politiche di welfare, di metodologie per processi di cambiamento sistemico all'interno di organizzazioni complesse, per mettere a fuoco i caratteri distintivi del metodo Community Lab, metodo utilizzato per innovare e accompagnare cambiamenti istituzionali e agire processi collettivi sperimentato dalla RER - Agenzia sanitaria e sociale negli anni 2011-2019. Verrà presentata durante il seminario l'applicazione e fornita una sintesi degli elementi che lo identificano come metodologia, elementi estrapolati nel suo utilizzo.

Questo il programma:

alle 9.30 accoglienza e introduzione  con Vanessa Vivoli e Daniela Farini. Coordinano Elena Gamberini e Carla Golfieri.

Alle 10.15 dialogo tra Michele BertolaAttila Bruni, Elettra Malossi, Maria Luisia Moro, Roberta Paltrinieri, Giacomo Prati, Dario Tuorto (a cura di Vincenza Pellegrino).

Alle 12 commenti per una sintesi: con Federico Alessandro Amico, Costanza Ceda, Giuseppina Ciotti, Monica Raciti, Francesca Ragazzini (a cura di Maria Augusta Nicoli e Fabrizia Paltrinieri)

Porteranno un proprio contributo ancheRicardo Burg Ceccim (UFRGS, Porto Alegre), Alcindo Antonio Ferla (UFRGS, Porto Alegre), Tulio Batista Franco (UFF, Niterói), Emerson Merhy (UFRJ, Rio de Janeiro)

Partecipanti:

Federico Alessandro Amico, Portavoce del Forum del Terzo settore, Regione Emilia-Romagna; Michele Bertola Direttore Generale del Comune di Bergamo; Attila Bruni, Università di Trento; Costanza Ceda, Direttora dell'integrazione Sociale sanitaria, Azienda USL di Piacenza; Giuseppina Ciotti, Direttora di Distretto di Parma, Azienda Usl Parma; Daniela Farini, Programma Innovazione Sociale, Agenzia sanitaria e sociale regionale dell'Emilia-Romagna; Elena Gamberini, Direttora dell'Unione Bassa Reggiana; Carla Golfieri, responsabile servizi sociali e socio sanitari Unione dei Comuni Bassa Romagna; Elettra Malossi, Responsabile servizio Riordino, sviluppo istituzionale e territoriale, partecipazione Regione Emilia-Romagna; Maria Luisia Moro, Direttore Agenzia Sanitaria e Sociale regionale dell'Emilia-Romagna; Maria Augusta Nicoli, Programma Innovazione Sociale, Agenzia sanitaria e sociale regionale dell'Emilia-Romagna; Fabrizia Paltrinieri, Servizio programmazione e sviluppo dei servizi sociali Regione Emilia-Romagna; Roberta Paltrinieri, Università di Bologna; Vincenza Pellegrino, Università di Parma; Giacomo Prati, Anci Regione Emilia-Romagna; Monica Raciti, responsabile Servizio Politiche per l'Integrazione Sociale, il Contrasto alla Povertà e Terzo Settore, Regione Emilia-Romagna; Francesca Ragazzini, Servizio programmazione e sviluppo dei servizi sociali Regione Emilia-Romagna; Dario Tuorto, Università di Bologna; Vanessa Vivoli, Programma Innovazione Sociale, Agenzia sanitaria e sociale regionale dell'Emilia-Romagna.

Source by UNIPR


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / 18 dicem...tuzionale