Al Teatro Carcano di Milano l' humour nero de LA CENA DELLE BELVE

Venerdì
10:11:28
Gennaio
03 2020

Al Teatro Carcano di Milano l' humour nero de LA CENA DELLE BELVE

Tensione, ironia e humour nero in questa pluripremiata commedia francese, che Vincenzo Cerami ambienta nell’Italia del 1943.
Un evento drammatico trasforma una cena tra amici in un gioco al massacro, in cui ognuno, tra vigliaccherie, spavalderie, meschinità, darà il peggio di sé nella speranza di salvare la pelle.

View 6.8K

word 679 read time 3 minutes, 23 Seconds

Scritta da Vahè Katchà, autore francese di origine armena, la commedia LA CENA DELLE BELVE (Le repas des fauves) è tra i maggiori successi delle ultime cinque stagioni parigine e vincitrice nel 2011 di tre Premi Molière per il miglior spettacolo, miglior adattamento e migliore regia.

L’edizione italiana, che spicca per l’ottimo cast, è diretta a quattro mani da Julien Sibre e Virginia Acqua e si avvale della traduzione e dell’adattamento di Vincenzo Cerami, scrittore, sceneggiatore e drammaturgo di fama internazionale, candidato all'Oscar nel 1999 per La vita è bella di Roberto Benigni.

Cerami colloca la vicenda in Italia nel periodo dell’occupazione tedesca, arricchendo i personaggi di sfumature psicologiche a noi familiari e avvicinando la commedia al nostro gusto.

Italia, 1943.
Un gruppo di amici è riunito per festeggiare con una cena il compleanno del loro padrone di casa: un’occasione più unica che rara per scrollarsi di dosso un poco dell’angoscia e delle privazioni della guerra.

Ma l’uccisione, proprio quella sera, proprio sotto casa, di due ufficiali tedeschi farà prendere alla storia una piega inattesa e drammatica.

Per rappresaglia, il comandante della Gestapo decide di prendere due ostaggi per ogni appartamento del caseggiato, ma, arrivato a quello dei nostri eroi, scopre che il proprietario altri non è che il suo libraio di fiducia.

Per usargli un gesto di “cortesia”, il comandante decide di posporre la cattura al momento del dessert, lasciando al gruppo la scelta di chi dovrà seguirlo.

Da qui ha inizio il “pasto ferino”, durante il quale ognuno, nel tentativo di salvare la pelle, darà il peggio di sé, tra vigliaccherie, spavalderie e piccole meschinità che manderanno in frantumi i rapporti.

La vicenda si dipana sul filo della tensione e del divertimento, condita da una buona dose di humor nero.

Davanti allo spettatore scorre una variegata galleria di personaggi e caratteri " il libraio e sua moglie" il medico che non nasconde un certo interesse per l’occupante straniero; un reduce gioioso e ottimista; una giovane vedova tentata dalla Resistenza, un omosessuale cinico,un affarista collaborazionista , con cui non potrà fare a meno di identificarsi fino a porsi la domanda cruciale: come mi comporterei al loro posto?

La scrittura sapiente di Katchà dipinge senza compiacimento la natura umana con tocchi di realismo crudi ma non privi di ironia.

Vahè Katchà (1928-2003) è autore di venticinque romanzi, due commedie e quindici sceneggiature cinematografiche.

Trai i suoi romanzi diventati film, Le Maître nageur con Jean Louis Trintignant, e Le repas des fauves (1964, coproduzione italiana).

Il suo romanzo più noto è Il pugnale nel giardino sull’epopea di una famiglia armena dal 1884 al 1916.

Julien Sibre. Classe 1974, è un attore e regista formatosi all’Ecole des enfants terribiles nel 1996. Raggiunge la fama proprio grazie all’allestimento teatrale del 2010 di Le repas des fauves di cui è attore, elaboratore drammaturgico e regista.

Al Teatro Carcano di Milano
da giovedì 9 a domenica 19 gennaio 2020
LA CENA DELLE BELVE (Le repas des fauves)
di Vahè Katchà

Elaborazione drammaturgica Julien Sibre
Versione italiana Vincenzo Cerami
Con (in o. a.) Marianella Bargilli (Sofia), Emanuele Cerman (Vincenzo), Alessandro D’Ambrosi (Pietro),
Maurizio Donadoni (Andrea), Ralph Palka (Herr Komandant Kaubach), Gianluca Ramazzotti (il Dottore),
Ruben Rigillo (Vittorio), Silvia Siravo (Francesca)

Scene Carlo De Marino |Costumi Francesca Brunori |Disegno luci Giuseppe Filipponio
Regia associata Julien Sibre e Virginia Acqua
Produzione Gianluca Ramazzotti per Ginevra Media Production Srl , Centro d’Arte Contemporanea Teatro Carcano
In collaborazione con 51mo Festival di Borgio Verezzi

DURATA: 1 ora e 45 minuti + intervallo

ORARI: martedì e venerdì ore 19.30
mercoledì, giovedì e sabato ore 20.30
domenica ore 16.00

PREZZI: poltronissima € 38,00
poltrona/balconata € 27,50
over 65 € 20,00/€ 16,00
under 26 € 17,00/€ 15,00

PRENOTAZIONI:
02 55181377 02 55181362
Spettacolo inserito in “Invito a Teatro”
PREVENDITE ONLINE: www.ticketone.it | www.happyticket.it | www.vivaticket.it

TEATRO CARCANO
Corso di Porta Romana, 63
20122 Milano

info@teatrocarcano...w.teatrocarcano.com

Source by Lucia Ferrigno


LSNN is an independent publisher that relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources. LSNN is the longest-lived portal in the world, thanks to the commitment we dedicate to the promotion of authors and the value given to important topics such as ideas, human rights, art, creativity, the environment, entertainment, Welfare, Minori, on the side of freedom of expression in the world «make us a team» and we want you to know that you are precious!

Dissemination* is the key to our success, and we've been doing it well since 1999. Transparent communication and targeted action have been the pillars of our success. Effective communication, action aimed at exclusive promotion, has made artists, ideas and important projects take off. Our commitment to maintain LSNN is enormous and your contribution is crucial, to continue growing together as a true team. Exclusive and valuable contents are our daily bread. Let us know you are with us! This is the wallet to contribute.

*Dissemination is the process of making scientific and technical information accessible to a non-specialist public. This can come through various forms, such as books, articles, lectures, television programs and science shows.


Similar Articles / Al Teatr...LLE BELVE
from: ladysilvia
by: MilanoFoodLab