Aduc - Osservatorio Firenze. Coronavirus. Il bla bla istituzionale ci sta uccidendo?

Domenica
13:23:31
Ottobre
25 2020

Aduc - Osservatorio Firenze. Coronavirus. Il bla bla istituzionale ci sta uccidendo?

View 5.9K

word 603 read time 3 minutes, 0 Seconds

“Facile criticare”, potrebbe dire qualcuno… “ma vorrei vedere te al posto degli amministratori”. E così sarebbe posta una pietra tombale per disarmare osservazioni, critiche, proposte e speranze. E il “criticone” risponde: ”è vero, amministrare è difficile. Ora poi che siamo in una situazione in cui abbiamo alle spalle solo l’esperienza da febbraio in poi, ancora più difficile. Ma io criticone non mi sono candidato all’amministrazione, sono solo un cittadino, talvolta suddito, che valuta ciò che viene fatto per se stesso e per gli altri. Inoltre ho il ‘vizio’ di osservare e fotografare ciò che mi è intorno”.

Questo testa a testa immaginario potrebbe essere di monito a tutti, amministrati ed amministratori. Che ognuno ne tragga le conseguenze, positive e dinamiche per carità.

Vediamo cosa succede.

Un mese fa in Toscana abbiamo rinnovato l’amministrazione regionale e i #neo-eletti ci hanno messo un mese per organizzare un governo. Un mese! In un contesto in cui i dati diffusi ogni giorno sull’avanzamento della pandemia sono da brivido. Quindi: invece di trovare ed applicare metodi per farci meno male, sono stati un mese a discutere degli equilibri per l’esecutivo. E meno male che il presidente è stato eletto al primo turno, Eugenio Giani, con un corale assenso all’interno del suo schieramento.

Chi farà il conto dei danni che ci sono stati arrecati da questo ritardo?

Ora che abbiamo la vice-governatrice del partito che faceva più “puzzo”, Stefania Saccardi - Italia Viva, avremo risolto tutti i problemi?
Ovviamente ci vengono in mente quei Paesi, democratici come il nostro, dove il giorno dopo le elezioni c’è già il governo….

Da quando la scuola ha riaperto, il problema della mobilità, pubblica e privata, è diventato grazie al coronavirus più eclatante rispetto a quanto non lo fosse già in passato.

Per la mobilità le competenze sono della Regione e del Comune. La prima (Regione) per quella ferroviaria ed extra-metropolitana su gomma. Il secondo (Comune) per quella metropolitana.

E’ cambiato qualcosa? No!

Anche noi ci siamo cimentati nel dare qualche suggerimento in merito: per la mobilità privata, puntare sul ciclabile con percorsi non condivisi con i mezzi a motore; per quella pubblica, coinvolgere autobus privati e Ncc. Ma, ovviamente, noi siamo “criticoni” e “non comprendiamo la complessità di un’amministrazione”… però viviamo in questa città, ci muoviamo in essa, abbiamo figli che vanno a scuola, abbiamo attività economiche in questa città.

Ma perché siamo qui a “disturbare il manovratore”? No, non è così. Con la nostra esperienza di aiuto e informazione ai consumatori abbiamo acquisito una capacità pratica di muoversi nelle difficoltà e nella melma di burocrazie e norme opprimenti o applicate in modo arrogante, che non siamo per niente interessati a bofonchiare. E lo stiamo dimostrando con l’impegno ad informare e consigliare anche e soprattutto in questo momento difficilissimo.

Stiamo solo facendo “toc toc” a chi abbiamo mandato a rappresentarci nelle istituzioni.

E siamo convinti di questo perché partiamo da un presupposto, che ci caratterizza sempre, ma oggi dovrebbe coinvolgere tutti, ma proprio tutti: se non ci si dà una mano, il braccio e il corpo intero, fra tutti, nessuno ce la farà. Non basta leggere gli ingenui cartelli che ancora ci sono in alcuni balconi e finestre della città “ce la faremo”… occorrono i fatti. Da parte di chi scrive questi cartelli e da parte di chi ha la guida delle nostre istituzioni. E i fatti sono quelli di trovare rimedi provvisori alla tragedia in atto, che per quelli definitivi ci sarà tempo… se quelli provvisori ci avranno consentito di non morire, civicamente e umanamente e fisicamente.

Source by ADUC


LSNN is an independent publisher that relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources. LSNN is the longest-lived portal in the world, thanks to the commitment we dedicate to the promotion of authors and the value given to important topics such as ideas, human rights, art, creativity, the environment, entertainment, Welfare, Minori, on the side of freedom of expression in the world «make us a team» and we want you to know that you are precious!

Dissemination* is the key to our success, and we've been doing it well since 1999. Transparent communication and targeted action have been the pillars of our success. Effective communication, action aimed at exclusive promotion, has made artists, ideas and important projects take off. Our commitment to maintain LSNN is enormous and your contribution is crucial, to continue growing together as a true team. Exclusive and valuable contents are our daily bread. Let us know you are with us! This is the wallet to contribute.

*Dissemination is the process of making scientific and technical information accessible to a non-specialist public. This can come through various forms, such as books, articles, lectures, television programs and science shows.


Similar Articles / Aduc - O...ccidendo?