Il relatore generale sulla libertà dei media condanna la brutalità della polizia e gli abusi giudiziari contro i giornalisti in Russia

Lunedì
01:42:02
Marzo
15 2021

Il relatore generale sulla libertà dei media condanna la brutalità della polizia e gli abusi giudiziari contro i giornalisti in Russia

View 6.7K

word 322 read time 1 minute, 36 Seconds

Stefan Schennach (Austria, SOC), Relatore generale dell'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa (PACE) sulla libertà dei media e la protezione dei giornalisti, ha condannato con forza oggi la brutalità della polizia e gli abusi giudiziari contro i giornalisti che denunciano manifestazioni pacifiche in più di 30 città della Federazione Russa.

"Secondo diversi organi di controllo dei media internazionali, come Reporter senza frontiere, il Comitato per la protezione dei giornalisti o Human Rights Watch, dozzine di giornalisti sono stati arrestati e detenuti, spesso violentemente, mentre coprivano manifestazioni in tutta la Russia a sostegno dell'avversario del Cremlino detenuto Alexei Navalny per il secondo fine settimana in corso il 31 gennaio ", ha affermato Schennach.

“L'Unione dei giornalisti russa ha registrato almeno 58 giornalisti che sono stati arrestati, ostacolati o picchiati dalla polizia mentre coprivano le proteste a sostegno del signor Navalny. A Mosca, la polizia ha picchiato diversi giornalisti sulla testa e sulle mani e li ha calpestati nonostante i loro distintivi e le giacche stampa chiaramente visibili. Ci sono stati più di 20 casi di intimidazione nei confronti di giornalisti, comprese visite di "avvertimento" da parte della polizia nelle loro case. Un certo numero di giornalisti è stato condannato per organizzazione o partecipazione illegale a una protesta, per aver subito multe significative, lavoro obbligatorio o diversi giorni di carcere ", ha aggiunto il relatore.

“Chiedo alle autorità russe di fermare con urgenza queste azioni inaccettabili. Dovrebbero consentire ai giornalisti di coprire le proteste liberamente e senza paura e astenersi dall'attaccare o arrestare membri della stampa. Gli agenti di polizia responsabili delle violenze e coloro che hanno detto loro di arrestare i giornalisti, che stavano solo facendo il loro lavoro, devono essere puniti per aver commesso queste flagranti violazioni della costituzione russa e dei trattati internazionali firmati dalla Federazione Russa, compresa la Convenzione europea sull'essere umano. Diritti ", ha concluso il relatore.




Source by PACE_COE


LSNN is an independent publisher that relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources. LSNN is the longest-lived portal in the world, thanks to the commitment we dedicate to the promotion of authors and the value given to important topics such as ideas, human rights, art, creativity, the environment, entertainment, Welfare, Minori, on the side of freedom of expression in the world «make us a team» and we want you to know that you are precious!

Dissemination* is the key to our success, and we've been doing it well since 1999. Transparent communication and targeted action have been the pillars of our success. Effective communication, action aimed at exclusive promotion, has made artists, ideas and important projects take off. Our commitment to maintain LSNN is enormous and your contribution is crucial, to continue growing together as a true team. Exclusive and valuable contents are our daily bread. Let us know you are with us! This is the wallet to contribute.

*Dissemination is the process of making scientific and technical information accessible to a non-specialist public. This can come through various forms, such as books, articles, lectures, television programs and science shows.


Similar Articles / Il relat...in Russia