Il rapporto della società civile sul Kosovo* esprime una voce unificata sui diritti umani

Lunedì
16:46:17
Agosto
23 2021

Il rapporto della società civile sul Kosovo* esprime una voce unificata sui diritti umani

SEGUICI SU TELEGRAM

View 922

word 772 read time 3 minutes, 51 Seconds

Le voci di 34 organizzazioni non governative (ONG) per i diritti umani si sono unite per produrre il secondo rapporto annuale congiunto sulla situazione dei diritti umani in Kosovo.

Con una forte attenzione alle conseguenze sui diritti umani della pandemia di COVID-19 per tutto il 2020, il rapporto è stato prodotto con il sostegno dei diritti umani delle Nazioni Unite e della Componente per i diritti umani della Missione delle Nazioni Unite in Kosovo (UNMIK).

Rappresentanti di diverse etnie hanno unito le forze per produrre il rapporto, in linea con gli sforzi in corso per promuovere la costruzione della fiducia intercomunitaria in Kosovo. Il numero di organizzazioni che contribuiscono è passato da 21 lo scorso anno a 34 quest'anno.

"Oltre a rafforzare ulteriormente la cooperazione e il coordinamento tra attori della società civile di diversa provenienza, questo rapporto continua a colmare una lacuna critica nel monitoraggio e nella comunicazione dei diritti umani in Kosovo", ha affermato Jerome Bouyjou, capo della Componente per i diritti umani dell'UNMIK e rappresentante per le Nazioni Unite. Diritti in Kosovo. "Fornisce anche raccomandazioni concrete alle istituzioni del Kosovo volte a promuovere la realizzazione dei diritti umani per tutte le persone in Kosovo".

Il rapporto fornisce una solida analisi su un'ampia gamma di diritti civili, politici, economici, sociali e culturali; questioni relative ai diritti umani relative a gruppi specifici e persone in situazioni vulnerabili; e temi trasversali sui diritti umani, vale a dire corruzione e diritti umani, giustizia di transizione, ambiente e diritti umani.

Il COVID-19 aggrava le sfide preesistenti in materia di diritti umani

Come in molte parti del mondo, in Kosovo, la crisi del COVID-19 ha avuto un impatto sproporzionato sulle comunità minoritarie e sulle persone in situazioni vulnerabili.

Secondo il rapporto, prima della pandemia, il Kosovo ha affrontato una serie di sfide per i diritti umani, che sono state amplificate solo con l'inizio della crisi.

La violenza di genere, compresa la violenza domestica, è aumentata a causa dei blocchi. I membri di comunità non maggioritarie come K-Roma, K-Ashkali e K-egiziani e le persone che vivono in povertà hanno dovuto affrontare una mancanza ancora maggiore di accesso all'istruzione. Inoltre, il diritto all'informazione per le comunità non di lingua albanese e le persone con disabilità si è ulteriormente indebolito.

Gli autori pertanto sollecitano le istituzioni centrali e locali in Kosovo a porre i diritti umani e l'uguaglianza di genere al centro della risposta e della ripresa COVID-19. Il rapporto consiglia che tutti gli interventi debbano affrontare le esigenze specifiche delle comunità minoritarie e dei gruppi emarginati in modo che non vengano lasciati indietro nel processo di ricostruzione.

Giustizia di transizione e diritto alla verità

Le conseguenze del conflitto armato del 1998-1999 in Kosovo continuano a portare con sé enormi sfide per i diritti umani e gli sforzi di giustizia di transizione devono essere affrontati con una lente sui diritti umani, consiglia il rapporto.

Con 1.642 persone ancora disperse alla fine del 2020, il diritto alla verità per le loro famiglie è fondamentale, afferma il rapporto, chiedendo riforme per colmare le lacune di lunga data nel quadro giuridico, come l'adozione di una legge modificata e più solida Persone scomparse.

Gli autori richiamano inoltre l'attenzione sulle sfide in corso nel processo di verifica se le persone hanno subito violenza sessuale durante il conflitto e sul riconoscimento dello status giuridico di sopravvissuto alla violenza sessuale correlata al conflitto. Ciò dà diritto ai sopravvissuti ufficialmente riconosciuti al sostegno finanziario e ad altre forme di assistenza riparativa.

Le istituzioni del Kosovo accolgono con favore il rapporto

Dopo la sua pubblicazione, i risultati e le raccomandazioni del rapporto sono stati presentati ufficialmente al Comitato per i diritti umani, l'uguaglianza di genere, le vittime di violenza sessuale di guerra, le persone scomparse e le petizioni (Comitato) dell'Assemblea del Kosovo nel giugno 2021. Il Comitato ha accolto con favore la sua pubblicazione e si è congratulato con le ONG che contribuiscono per il loro impegno e lavoro per promuovere i diritti umani in Kosovo.

Anche l'ex difensore civico del Kosovo e i rappresentanti di quattro ONG hanno presentato i risultati e le raccomandazioni del rapporto al primo ministro del Kosovo e ad altri funzionari governativi di alto livello nel luglio 2021.

Marigona Shabiu, Direttore Esecutivo dell'Iniziativa Giovani per i Diritti Umani - Kosovo, ha sottolineato che le ONG che contribuiscono continueranno a utilizzare le raccomandazioni del rapporto come base per la loro difesa congiunta con varie istituzioni del Kosovo e seguiranno la loro attuazione come parte di un processo per promuovere i diritti umani per tutte le persone in Kosovo.

(*) Ogni riferimento al Kosovo, sia esso territorio, istituzioni o popolazione, è da intendersi nel pieno rispetto della risoluzione 1244 (1999) del Consiglio di Sicurezza e fatto salvo lo status del Kosovo.



Source by OHCHR


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Il rappo...tti umani