Politiche abitative. Quartiere Gorla, al via l’iter per riqualificare le case popolari di viale Monza

Martedì
13:23:33
Ottobre
05 2021

Politiche abitative. Quartiere Gorla, al via l’iter per riqualificare le case popolari di viale Monza

Acquisito inoltre il progetto di sistemazione dello spazio pubblico interno compreso tra i caseggiati delle vie Cesana, Tarabella e Palmanova

View 851

word 679 read time 3 minutes, 23 Seconds

Milano - Prende corpo il progetto di rigenerazione urbana del quartiere tra Gorla e Precotto, nei pressi del parco di Villa Finzi. La sua riprogettazione, che ha l’obiettivo di integrare i servizi pubblici per la casa e il più ampio sistema di welfare territoriale, di recente ha ottenuto attraverso un bando pubblico il finanziamento dal Cipe, il Comitato interministeriale per la programmazione economica, insieme a quella di un altro quartiere, in zona Corvetto, tra lo scalo di Porta Romana e Rogoredo-Santa Giulia. I due progetti gemelli, denominati ‘Sant’Erlembaldo-Villa Finzi Remix’ e ‘Corvetto Universal city’, possono infatti contare su un totale di 28 milioni di euro (oltre 13,8 milioni di euro ciascuno). Il Comune parteciperà con un cofinanziamento massimo in conto capitale di 9,4 milioni per l’intervento relativo a Corvetto e di 7,5 milioni per quello di Gorla.

Per la riqualificazione del complesso Erp di viale Monza 142, il cui costo previsto ammonta a 1,2 milioni di euro, sono appena state approvate in Giunta le linee di indirizzo utili all’avvio della procedura di partenariato pubblico-privato. La proposta presentata destina lo stabile, composto da tre corpi di fabbrica per 19 alloggi, a un progetto sperimentale di social housing, al fine di realizzare un modello gestionale innovativo che preveda il mix sociale, l'integrazione tra residenza, servizi condivisi e funzioni di quartiere coniugando il tema dell’alloggio sociale con quello della qualità urbana ed edilizia e favorendo una risposta alle varie articolazioni della domanda abitativa in affitto. Accanto alla dotazione Sap (Servizi abitativi pubblici), sono previsti anche alloggi a canone agevolato ed altri, in quota minoritaria, da affittare con un Patto di futura vendita.

La ristrutturazione dell’immobile dovrà avere caratteristiche edilizie di alta sostenibilità, garantendone l’efficientamento energetico, la messa in sicurezza delle componenti strutturali e il superamento delle barriere architettoniche per una fruizione universale.

Il progetto generale prevede anche la completa riqualificazione di un altro complesso di case popolari, quello di via Sant’Erlembaldo 2: qui i locali della portineria verranno riattivati grazie alle risorse di Pon Metro ed è prevista anche la riqualificazione dello spazio esterno di pertinenza, compresi i tre padiglioni adibiti a servizi (Teatro del Sole, Teatro Officina, Servizi Minori).

Molti gli interventi previsti nella zona circostante: il recupero della Casetta del custode, del piano interrato del padiglione Negri Pini nel parco di Villa Finzi; il potenziamento del sistema di accessi al complesso Erp di via Sant’ Erlembaldo e attraverso il parco, collegando quest’ultimo con la pista ciclabile lungo il Naviglio della Martesana, via Bechi e vie limitrofe; l’attivazione di nuovi servizi di accompagnamento e aggregazione sociale, soprattutto per le persone più vulnerabili, per la valorizzazione del parco; infine, la riprogettazione del mercato di via Gorla che, insieme a quelle commerciali, dovrà ospitare anche attività commerciali e sociali a favore di tutti gli abitanti del quartiere.

Sempre in tema di riqualificazione dei contesti di edilizia popolare, l’Amministrazione ha anche acquisito il progetto di recupero e sistemazione dello spazio pubblico compreso tra i caseggiati delle vie Cesana, Tarabella e Palmanova. Sono previsti spazi di intrattenimento per anziani, pavimentazioni e recinzioni nuove, il rifacimento del sistema di illuminazione, maggiore cura del verde, un’area pensata per feste e incontri, attrezzata anche per essere utilizzata dai bambini. Interventi “leggeri” e creativi che riqualificheranno e valorizzeranno l’area interna, in modo da renderla fruibile dagli inquilini e anche dagli abitanti della zona, migliorandone la qualità della vita.

Il progetto, denominato “Ripensare lo spazio comune. Via Palmanova 57-Milano”, è firmato dalla società Lombardini 22 spa, gruppo con sede a Milano che accoglie collaboratori specializzati in discipline complementari per la progettazione integrata, ovvero che coinvolge tutti gli aspetti inerenti le trasformazioni urbane, ed è stato donato all’Amministrazione.

Con una delibera la donazione è stata accettata ed ora l’acquisizione costituirà la base per la scelta del percorso migliore per la realizzazione del progetto, che sia una gara pubblica o l’individuazione di uno sponsor.

Source by Comune_di_Milano


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Politich...ale Monza