Quasi 9 milioni di finanziamento: Partnership di 14 Atenei guidata dall’Università di Bologna, coinvolti 5 Distretti di Corte d’Appello

Sabato
16:00:31
Gennaio
15 2022

Quasi 9 milioni di finanziamento: Partnership di 14 Atenei guidata dall’Università di Bologna, coinvolti 5 Distretti di Corte d’Appello

Quasi 9 milioni di finanziamento dal Ministero della Giustizia, per uffici giudiziari più efficienti e vicini ai cittadini. Partnership di 14 Atenei guidata dall’Università di Bologna, coinvolti 5 Distretti di Corte d’Appello

View 1.2K

word 443 read time 2 minutes, 12 Seconds

Parma, 14 gennaio 2022 - L’Università di Parma, con il Dipartimento di Giurisprudenza, Studî Politici e Internazionali, è partner di “UNI 4 JUSTICE”, progetto guidato dall’Università di Bologna e incentrato sullo studio di modelli operativi innovativi per il sistema della giustizia italiana.

Il progetto ha ottenuto un finanziamento PON (Programma Operativo Nazionale) di 8.89 milioni di euro dal Ministero della Giustizia, per contribuire alla realizzazione di un obiettivo di importanza strategica primaria anche nell’ottica del PNRR: un’organizzazione degli uffici giudiziari, civili e penali, più efficiente, più efficace e più vicina ai cittadini.

A “UNI 4 JUSTICE” partecipano altri 12 Atenei italiani: per l’Emilia-Romagna, oltre a Bologna e Parma, anche le Università di Ferrara e di Modena e Reggio Emilia; per il Friuli Venezia Giulia le Università di Trieste e di Udine; per le Marche le Università di Camerino, di Macerata, Politecnica delle Marche e di Urbino Carlo Bo; per il Trentino-Alto Adige/Südtirol l’Università di Trento; per il Veneto le Università di Padova, di Venezia e di Verona. Il progetto coinvolge inoltre 5 Distretti di Corte d’Appello (Ancona, Bologna, Trento, Trieste, Venezia), con cui il rapporto di collaborazione sarà stretto e costante. “UNI 4 JUSTICE” nasce infatti dall’idea di instaurare una relazione sinergica fra mondo accademico e sistema della giustizia.

Gli uffici giudiziari di primo e di secondo grado dei 5 Distretti, e le istituzioni che partecipano alla creazione di condizioni di qualità della giurisdizione (in particolare i Consigli dell’Ordine degli Avvocati), saranno attori di primo piano nell’iniziativa.

Nel corso dei prossimi mesi si svolgeranno dunque le azioni previste dal PON: dall’individuazione di soluzioni organizzative di successo all’elaborazione di modelli per l’Ufficio del Processo, dalla loro “misurazione” - sia in senso giurisdizionale sia in senso organizzativo-gestionale - alla diffusione di forme virtuose, e poi ancora la costruzione partecipata di strumenti e metodi di potenziamento della digitalizzazione dei flussi documentali, la definizione di modelli di intelligenza artificiale e “legal data analytics” capaci di favorire l’ottimizzazione dei processi decisionali, la creazione di strategie di comunicazione e interazione con il cittadino capaci di promuovere l’aumento dell’accesso e della fiducia nella giustizia.

L’obiettivo finale è ambizioso: lasciare una forte impronta rafforzando nel sistema della giustizia la capacità di costruire competenze rispondenti ai bisogni e di valorizzare le risorse assegnate - umane, tecnologiche e infrastrutturali - in una prospettiva di sostenibilità, resilienza, efficienza.

Source by UNIPR


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Quasi 9 ...Appello