CATENA DI ATTENTATI, FORTI PERDITE TRA SOLDATI STATUNITENSI

MOVE

MOVE

Domenica
18:16:21
Ottobre
31 2004

CATENA DI ATTENTATI, FORTI PERDITE TRA SOLDATI STATUNITENSI

View 133.6K

word 498 read time 2 minutes, 29 Seconds

IRAQ: Otto marines dell’esercito degli Stati Uniti sarebbero rimasti uccisi e nove feriti nell’esplosione di un ordigno nella provincia di Al Anbar, a ovest della capitale Baghdad, zona in cui si trovano le città di Falluja (ancora oggi bombardata dagli aerei Usa) e Ramadi.

Lo hanno reso noto attraverso un comunicato fonti delle forze armate statunitensi, senza al momento fornire ulteriori particolari sulle cause della devastante deflagrazione. Un’autobomba è, invece, esplosa poco fa a Baghdad, poco lontano dalla sede dell’emittente araba ’Al Arabiya’: lo riferiscono ancora fonti Usa, spiegando che le vittime sarebbero 5 e i feriti almeno 19.

La mattinata si era aperta con l’esplosione di un’autobomba a Ramadi, roccaforte sunnita 100 chilometri circa a ovest di Baghdad, a causa della quale ha perso la vita un altro militare statunitense.

Nessuna novità , invece, sulla sorte del giovane ostaggio giapponese Shosei Koda, dato questa mattina come assassinato dalle forse statunitensi, che in un secondo momento hanno però riconosciuto il loro errore.

È stato rapito da sconosciuti, infine, il sudanese Noureddin Zakaria, attivo come interprete per una compagnia americana. I sequestratori hanno chiesto, in cambio della sua vita, il ritiro della compagnia. [LL]


OTTO MARINES UCCISI, BOMBA CONTRO LA SEDE DELLA TV ARABA
Con l’approssimarsi del voto negli Usa, la violenza in Iraq sembra impennarsi più che mai: oggi, otto marines sono stati uccisi e nove sono rimasti feriti, mentre conducevano ''operazioni di sicurezza'' ad ovest di Baghdad, e nella capitale, almeno sette persone sono morte e molte altre sono rimaste ferite dell’esplosione di un'autobomba di fronte alla sede della televisione al-Arabiya. Inoltre, forti tensioni si registrano in particolare a Falluja e Ramadi.

l’esplosione alla sede di al Arabiya ha scosso nel primo pomeriggio il quartiere residenziale di al Mansur, dove ha sede anche l’ambasciata saudita, non lontano dal centro di Baghdad.

È stata provocata, secondo quanto si è poi appreso, da una autobomba collocata nel parcheggio dell’ufficio della tv al Arabiya, che settimane fa era stata minacciata via internet per il suo presunto atteggiamento ''filo-americano''. Non è tuttavia ancora chiaro se proprio l’emittente, che ha sede a Dubai ma è a maggioranza di proprieta' saudita, fosse l’ obiettivo dell’attentato. Di certo una delle guardie di sicurezza dell’edificio, che in parte è andato in fiamme, ed un impiegato amministrativo della stessa al Arabiya figurano tra i sette morti.

In serata, un gruppo poco noto, i 'Battaglioni 1920' (dall’ anno di un'insurrezione contro il dominio britannico in Iraq), ha rivendicato l’attentato, con un comunicato diffuso su un sito Internet usato da integralisti islamici. ''Grazie a Dio - si afferma nel testo - l’edificio dei giornalisti spia americanizzati che parlano in arabo è stato distrutto''.

Ma l’episodio più grave sembra essere l’uccisione di otto marines e il ferimento di altri nove, in quello che è stato il più sanguinoso attacco contro le forze Usa da diversi mesi.

ANSA / MINSA
http://www.misna.org
http://www.ansa.it

Source by Redazione


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / CATENA D...TUNITENSI