Scoppia “merendina” tra una scolaresca, e Treviso Torna nell’incubo Unabomber

Giovedì
11:40:40
Gennaio
27 2005

Scoppia “merendina” tra una scolaresca, e Treviso Torna nell’incubo Unabomber

View 135.7K

word 473 read time 2 minutes, 21 Seconds

Lo scoppio di un cilindro di plastica usato per le sorprese degli ovetti di cioccolata in una via di Treviso, a due passi dal tribunale, ha riportato l’incubo di Unabomber, l’anonimo bombarolo che da anni terrorizza il Nordest.

Sono da poco passate le 9.30 quando, in via Verdi, una ventina di studenti di una scuola media, assieme ad una docente, si sta recando a piedi verso il teatro Edem per assistere ad uno spettacolo. Uno di loro vede per terra dei piccoli contenitori di plastica. Senza pensarci dà un calcio, ed è proprio il calcio che salva Matteo o forse la sua passione quella del calcio, che lo spinge a compiere in modo istintivo tale azione.

Uno scoppio improvviso scuote l’area e crea attimi di apprensione tra i ragazzi. Per fortuna nessuno resta ferito. È un attimo e sul posto arrivano le forze dell’ordine.

Le schegge lo avrebbero raggiunto al viso, alle braccia, avrebbe avuto le dita maciullate, ma questa Volta per fortuna di Matteo, il destino è stato meno crudele, "Forse con l’aiuto del Buon Dio". E così si è risparmiato il destino toccato alla piccola Francesca, la bambina di Oderzo al quale Unabomber ha rovinato la vita.

Francesca, che il 25 aprile di due anni fa raccolse sul greto del Piave un pennarello di plastica, anche quello di colore giallo, senza sapere che si trattava di una micidiale trappola esplosiva. Dai sassi del fiume a una strada del centro di Treviso. Via Verdi dista una cinquantina di metri dal tribunale, e forse proprio per questo il folle ha seminato qui i suoi ordigni.

«l’attentato - dicono gli investigatori - è al 99% riconducibile ad Unabomber. Il folle che sta terrorizzando il Nordest da tanti anni. Una certezza sulla firma dell’attentatore potrà arrivare, comunque, solo dagli esami chimici del materiale esplosivi, ma troppi elementi sembrano concordanti: le caratteristiche dell’ordigno e le modalità dell’occultamento dell’esplosivo (l’ultima volta il 25 aprile 2003 Unabomber aveva usato un pennarello ferendo una bambina di 9 anni sul greto del Piave).

Sulla scena dello scoppio, intanto, arrivano gli uomini della squadra speciale investigativa contro Unabomber, mentre si attende l’arrivo dei carabinieri del Racis da Parma. Giunge anche il procuratore aggiunto Giovanni Ciceri, mentre il procuratore Antonio Fojadelli punta l’attenzione sul luogo dove è avvenuta l’esplosione, a poca distanza dal palazzo di Giustizia (»questo è ciò che ci dà più fastidio«), e indica che gli inquirenti sono pronti ad accettare quella che di fato appare come la nuova sfida lanciata da Unabomber.

Tutti i frammenti dell’ovetto esploso sono stati raccolti. Dal cilindro intatto gli inquirenti sperano di ottenere nuove preziose informazioni. In queste ore la Lega Nord ha anche rilanciato l’ipotesi di una taglia: 5000 euro a chi permetterà la cattura di questo pericoloso squilibrato.

TG5 / GDS

Source by Redazione


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Scoppia ...Unabomber