Primo Presidente indio eletto in Bolivia

Lunedì
23:58:43
Dicembre
19 2005

Primo Presidente indio eletto in Bolivia

Vittoria per Evo Morales, socialista e anti-americano. Che annuncia: «Metterò fine al neoliberalismo sfruttatore»

View 138.7K

word 477 read time 2 minutes, 23 Seconds

Dopo le prime caute stime, si stanno moltiplicando le previsioni e le proiezioni secondo le quali Evo Morales potrebbe perfino vincere al primo turno ottenendo più del 50% delle preferenze.

La più significativa è dell’istituto demoscopico privato 'Apoyo' che, con una proiezione ottenuta in base ai primi risultati dello spoglio, attribuisce a Morales il 50,6% contro il 31,5 a Jorge Quiroga e l’8,3 a Samuel Doria Medina. Anche l’istituto demoscopico 'Mori', che in un primo momento attribuiva a Morales non più del 45% ha portato le sue previsioni al 49%. Nessun risultato ufficiale è stato ancora comunicato dai competenti uffici elettorali, ma lo stesso Quiroga si è pubblicamente complimentato con Morales.

Sempre in base alle proiezioni diffuse da quattro reti televisive, il partito di Morales potrebbe ottenere la maggioranza (non si sa ancora se assoluta o relativa) dei 130 seggi della Camera mentre si confermerebbero i 13 seggi al senato, alla pari con la formazione di Quiroga. Il 27° senatore andrebbe al Movimiento Nacionalista Revolucionario

Si tratta fino a questo momento, è bene ricordarlo, solo di sondaggi in base alle dichiarazioni degli elettori all’uscita dei seggi elettorali; e rimane sospesa sullo sfondo la polemica per i cittadini - da 900.000 a un milione - che, pur avendone diritto, non sono riusciti a votare. Ma il successo del Mas e di Morales, a meno di imprevedibili sorprese, sembra ben al di là delle previsioni. I sondaggi a lui più favorevoli non lo davano oltre il 35%; era però già accaduto in precedenti elezioni in cui aveva raccolto il 20% dei suffragi - lo aveva ricordato stamani lo stesso Morales - che gli istituti demoscopici sottostimassero ampiamente i margini del suo consenso.

Il principale avversario di Morales, Jorge Quiroga candidato del partito ’Podemos’, si collocherebbe tra il 33 e il 34%; il terzo in lizza, l’industriale del cemento Samuel Doria Medina non andrebbe oltre il 10%; tra il 7 e l’un per cento gli altri candidati. A la Paz, secondo i medesimi sondaggi, il Mas avrebbe ottenuto il 53% delle preferenze; a Cochabamba, divenuta famosa per le sollevazioni popolari del 2003, sarebbe al 52,9; a Potosì sarebbe al 52%; a Chuquisaca al 42; a Oruro al 45,2; vincerebbe invece il partito “podemos” di Quiroga a Santa Cruz con il 43,4; Tarija con il 50,3; Beni,51,3; Pando, 41,6. Su questa base, sia il Mas sia il Podemos avrebbero 13 senatori ciascuno su 27; ago della bilancia potrebbe essere il 27° eletto. Sulla base di questo presumibile successo - nessun candidato alle presidenziali aveva mai raggiunto nei sondaggi una maggioranza così significativa rispetto agli avversari - e secondo la promessa di Medina di appoggiare in parlamento qualsiasi candidato che avesse vinto distaccando l’altro di almeno il 5%, a gennaio Morales dovrebbe ottenere anche l’investitura parlamentare. Si attendono ora le prime proiezioni sulla base dell’effettivo spoglio delle schede elettorali. [Mnr, MB]

MISNA
http://www.misna.org

Source by Silvia_Michela_Carrassi


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Primo Pr...n Bolivia