Coste italiane a rischio erosione

Mercoledì
12:47:47
Giugno
07 2006

Coste italiane a rischio erosione

(nella foto: Scorcio della costa molisana). Il 42% dei nostri litorali versa in condizioni critiche. E’ quanto emerge dal rapporto del Gruppo Nazionale per la Ricerca sull’Ambiente Costiero, che viene presentato domani al CNR

View 167.1K

word 636 read time 3 minutes, 10 Seconds

Il 42% delle spiagge italiane è in erosione. E’ questo il dato più preoccupante pubblicato su Lo stato dei litorali italiani, un numero speciale della rivista Studi costieri, curato da Enzo Pranzini, dell’Università di Firenze e che verrà presentato domani a Roma presso il CNR. L’indagine è stata condotta da quaranta studiosi del Gruppo Nazionale per la Ricerca sull’Ambiente Costiero, un’associazione scientifica presieduta da Giuliano Fierro dell’Università di Genova, e raccoglie più di trent’anni di ricerche, molte delle quali finanziate dal CNR e dal Ministero dell’Università e della Ricerca. L’Appendice bibliografica dà una misura dell’enorme patrimonio scientifico prodotto: vi sono infatti elencati quasi 1400 lavori pubblicati sull’argomento dal 1982 al 2005, che vanno ad aggiungersi alle 350 pubblicazioni prodotte dal solo Progetto Finalizzato del CNR negli anni ’70.

Il quadro delle nostre coste è allarmante in quanto la gran parte dei tratti che non risultano in erosione deve la propria stabilità a massicce opere di difesa, che modificano l’ambiente e il paesaggio costiero, rendono più difficile l’uso balneare della spiaggia e inducono spesso l’erosione nei tratti di costa adiacenti. Ne è un esempio la breve costa molisana: dei suoi 36 km, ben 25 sono difesi da scogliere; nonostante ciò su 22 km di spiagge 20 km sono in erosione (91%). Anche in Basilicata si raggiungono valori estremi con il 78%; seguono la Puglia con il 65%, l’Abruzzo con il 61% e le Marche e il Lazio, a pari merito, con il 54%. I valori più bassi si ritrovano in Friuli (13%), in Veneto (18%) e in Emilia-Romagna (25%), regioni in cui sono stati realizzati importanti interventi di difesa dei litorali, facendo spesso ricorso al ripascimento artificiale con sabbie prelevate sui fondali marini. Le altre regioni si collocano fra il 33% della Liguria e il 43% della Calabria.

“In tutte le regioni l’erosione trova le sue cause principali nel deficit sedimentario dovuto alla costruzione di sbarramenti che impediscono l’afflusso al mare, nel dragaggio di sabbia e ghiaia dagli alvei fluviali, e nella costruzione di porti e strutture aggettanti che bloccano il flusso sedimentario lungo la riva”, osserva Giuliano Fierro. “Tutto ciò si inserisce in una fase dello sviluppo socio-economico del Paese che ha determinato l’abbandono delle campagne e la ricrescita del bosco, che limita l’erosione del suolo, processo grazie al quale viene prodotta la materia prima per l’alimentazione delle spiagge. Un ulteriore fattore di erosione è dovuto all’innalzamento del livello marino, 15 cm nell’ultimo secolo ed una prospettiva per il futuro tutta da studiare”.

Questo volo immaginario lungo le coste italiane ci consente anche di vedere come le soluzioni che sono state adottate per fronteggiare il problema dell’erosione siano sempre le stesse malgrado cambi il contesto dinamico e ambientale: scogliere aderenti, parallele od ortogonali a riva, tanto da trasformare ampi litorali sabbiosi in coste rocciose.

“Fortunatamente negli ultimi anni le cose stanno cambiando e alle vecchie difese ’rigide’ si vanno sostituendo le difese ’morbide’”, prosegue il presidente del Gruppo. “Queste si basano essenzialmente sul ripascimento artificiale delle spiagge, talvolta proteggendo il materiale versato con opere di difesa tradizionali, altre con diverse opere innovative sommerse. In alcuni casi si preferisce non costruire opere di contenimento, privilegiando la tutela del paesaggio ed accettando di intervenire con altri ripascimenti in tempi più brevi”.

Oltre alle regioni sopra citate, il Lazio sta impegnandosi in prima linea in questa strategia e importanti ricerche di sabbie sulla piattaforma continentale sono state effettuate in Liguria, Toscana, e in Abruzzo ed in passato in Emilia Romagna e Veneto.

Per informazioni: prof. Giuliano Fierro, presidente Gruppo nazionale per la ricerca sull’ambiente costiero, Genova, tel. 010/3538270/61, e mail: gnrac@dipteris.unige.it

Source by CNR


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Coste it... erosione