Presentazione della campagna “Libera la vita”

Venerdì
22:50:29
Febbraio
02 2007

Presentazione della campagna “Libera la vita”

La X edizione il 30 marzo 2007 a Gioia del Colle

View 132.5K

word 755 read time 3 minutes, 46 Seconds

Chiesa Avventista e ADELINA: su LADYSILVIA: Liberarsi si può, basta un piccolo gesto, chiamando il 112 o il 113.

Parte la campagna “Libera la vita”. Un appello radiofonico per la liberazione delle ragazze costrette a prostituirsi.

Questo lo slogan che ha dato il via alla campagna presentata, presso la sala incontri della Chiesa Avventista di Firenze, durante la conferenza stampa del 31 gennaio scorso. L’iniziativa prevede la diffusione di spot e programmi per l’informazione e la sensibilizzazione radiofonica rivolti alle ragazze costrette a prostituirsi ma anche ai "clienti" per una maggiore consapevolezza del dramma vissuto da tante ragazze straniere sulle nostre strade.

Secondo i dati dell’OIM (Organizzazione Internazionale per le Migrazioni) circa 1.000.000 di esseri umani sono trafficati ogni anno nel mondo e 500.00 in Europa. In Italia, per quanto riguarda la tratta per sfruttamento sessuale, pur nella difficoltà di poter avere dati certi sul fenomeno per il suo carattere di clandestinità , si stima una presenza di prostitute straniere che oscilla tra le 19.000 e le 26.000.
Alla conferenza stampa ha partecipato Adelina, un'ex vittima della tratta del racket liberata dagli agenti della questura di Varese, ospite di numerose trasmissioni radiofoniche e televisive ("La vita in diretta" nel pomeriggio del 30 gennaio 2007), e autrice del libro "Libera dal racket della prostituzione" scritto in collaborazione con il giornalista Mauro Cento. Erano presenti Alberto Sbenaglia, vice-questore aggiunto di Firenze e dirigente dell’ufficio prevenzione generale e soccorso al pubblico, e il presidente del Quartiere 5 del Comune di Firenze Stefania Collesei. Ha introdotto Roberto Vacca per Radio Voce della Speranza di Firenze (92,4 Mhz), emittente promotrice insieme a Adelina113 della campagna "Libera la vita". Nel corso della conferenza stampa è stato presentato il materiale audio preparato negli studi di Radio Voce della Speranza. La specificità di questa campagna di sensibilizzazione (che si svolgerà con maggiore intensità nei mesi di febbraio-aprile 2007) è legata al coinvolgimento diretto di Adelina. In questi spot, ideati e letti da Adelina, si assume il punto di vista della vittima, evitando la tradizionale percezione della prostituzione come problema esclusivamente di decoro o di sicurezza. Infine negli spot è costante il riferimento alle forze dell’ordine indicate come una reale possibilità di riscatto morale e sociale per le vittime del racket della prostituzione. Gli spot saranno trasmessi 5-6 volte al giorno oltre che dal circuito radiofonico RVS della Chiesa Avventista anche da 173 emittenti del circuito G.R.I., Gruppo Radiotelevisivo Indipendente, e da altre emittenti italiane.

Adelina nel corso della conferenza stampa ha raccontato di come sia riuscita a ribellarsi al racket della schiavitù, ribadendo il grande impegno della polizia e dei carabinieri di cui ha portato come esempio i carabinieri di Tricarico nel Materano e il loro impegno storico nella lotta al racket sotto il comando del Capitano Mario Tusa, che ha permesso di salvare centinaia di donne. Il capitano Mario Tusa era stato proposto testimonial d’onore per il lancio ufficiale dello spot ma per motivi di lavoro non è potuto essere presente, sostituito dalla stessa Adelina la quale ha raccontato la sua drammatica esperienza di vittima del racket, costretta contro la sua volontà a prostituirsi, e vittima di numerosi abusi morali e fisici. Nel corso della conferenza stampa il vice-questore Sbenaglia ha indicato come le Forze dell’ordine siano da tempo impegnate in un lavoro non solo di tipo repressivo, ma anche di coordinamento con le istituzioni locali al fine di favorire un clima di fiducia tra la polizia e le vittime del racket.

Stefania Collesei ha sottolineato come il quartiere 5 del comune di Firenze sia particolarmente esposto a questo problema, essendo inserito lungo la direttrice delle grandi strade di comunicazione. Ha aggiunto che spesso la gente vive il problema in termini di disagio e insicurezza, non facendo distinzioni tra le vittime del racket e i criminali che le gestiscono. Una sicura responsabilità in questo senso ce l’hanno i media. Una ricerca effettuata nell’ambito del progetto del Q5 sul tema del racket (che sarà presentato ufficialmente il 15 febbraio), mostra come il tono della maggioranza dei servizi realizzati sul tema del racket sia chiaramente ostile verso le ragazze sfruttate dai loro aguzzini.

Tra gli sponsor della campagna "Libera la vita" segnaliamo anche l’otto per mille della Chiesa Avventista e il mensile "Vita e Salute". La campagna è condivisa dagli apparati istituzionali delle forze dell’ordine che si muovono sulle stesse linee strategiche di lotta alla schiavitù e di contrasto alla criminalità .

Per maggiori informazioni: www.firenze.radiov...it/liberalavita.htm e su www.adelina113.altervista.org
Eliana Canesi

Source by Redazione


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Presenta...vita”