Il Papa: «Il Cristianesimo vuol dire anche martirio»

Venerdì
12:14:18
Dicembre
27 2002

Il Papa: «Il Cristianesimo vuol dire anche martirio»

Nel messaggio dell\'Angelus l\'invito a «seguire il Signore senza compromessi sino alla croce», in memoria di S.Stefano

View 132.6K

word 609 read time 3 minutes, 2 Seconds

iL CRISTIANESIMO COME MARTIRIO. Nella preghiera dell\'Angelus, nel giorno in cui la Chiesa commemora santo Stefano primo martire del cristianesimo, lapidato per non aver rinnegato Gesù, il Papa esorta i cristiani a non dimenticare che seguire il Signore in alcuni casi può voler dire «martirio» e salire «senza compromessi alla Croce».

Il Pontefice richiama inoltre l\'attenzione sui tanti cristiani che, in molte parti del mondo, soffrono persecuzioni a causa della propria fede.
Giovanni Paolo II, affacciatosi alla finestra del suo studio si è rivolto ai molti fedeli e turisti radunati in piazza san Pietro e ha sottolineato il «clima di gioia del Natale»; ma è poi passato a riflettere su Stefano protomartire che, ha spiegato, «ci aiuta a capire più in profondità il mistero che stiamo vivendo nella fede».

«Il Bambino nella grotta - ha aggiunto - è il Cristo che ci chiede di essere in ogni circostanza e in ogni luogo coraggiosi testimoni del suo Vangelo, come lo fu appunto il protodiacono Stefano, il quale non mostrò titubanze nemmeno dinanzi al martirio».

«Anche oggi - ha proseguito - tanti credenti, in varie parti del mondo, sono sottoposti a prove e sofferenze a causa della loro fede. Siamo invitati dalla festa odierna a prendere rinnovata coscienza di essere chiamati, in quanto credenti, a seguire il Signore senza compromessi sino alla croce».

Dopo l\'Angelus il Papa, apparso in discreta forma dopo i faticosi impegni natalizi, si è rallegrato della presenza di tante famiglie giunte a vedere il presepe allestito in piazza e ha auspicato che «all\'interno delle famiglie si viva quel clima di intesa e di comunione che tanto giova alla crescita serena dei figli».

IL MESSAGGIO URBI ET ORBI. Le festività natalizie coincidono quest\'anno con un momento di grande preoccupazione. E il messaggio del Papa, che ha preceduto la benedizione «Urbi et Orbi», è stato un invito alla speranza in nome del «segno piccolo e fragile» del Bambino che nasce, «luce che le tenebre non potranno mai oscurare», «fonte inesauribile della pace», ma anche un\'esortazione all\'impegno in un\'ora in cui «il tragico fenomeno del terrorismo accresce incertezze e timori», «la Terra Santa è avvolta dall\'«inutile spirale di cieca violenza» e sul Medio Oriente appaiono «bagliori di un conflitto» che «con l\'impegno di tutti può essere evitato». E ancora, carestie, lotte intestine, crisi politiche e sociali attraversano gli altri continenti: Africa, Asia e America Latina, mentre anche il nostro Paese vive «tempi, segnati da incertezze e preoccupazioni». «Mai vengano meno - è stato infatti l\'auspicio del Papa, nel saluto in lingua italiana - la speranza e la solidarietà , condizioni indispensabili per costruire una Comunità nazionale sempre più fraterna. L\'Italia - ha chiesto Wojtyla - continui ad essere un Paese unito nella gioia e nella prova, confidando sempre nell\'aiuto di Dio».

È dunque con in cuore le minacce di diffidenza, sospetto e timori, che pervadono l\'umanità di oggi, che il Papa ha lanciato al mondo con forza il pressante appello di pace e il messaggio di speranza che nasce dal mistero del Natale. Speranza, ha notato la Radio Vaticana, «resa ancora più evidente dal volto sorridente del Santo Padre». Il mistero del Natale, ha spiegato è un «mistero di gioia, nonostante tutto». «Nonostante la lontananza da casa, la povertà della mangiatoia, l\'indifferenza del popolo, l\'ostilità del potere». «Mistero di gioia» perché «oggi è nato un salvatore» che pervade il mondo di luce, «la luce del Figlio di Dio che le tenebre non potranno mai oscurare».
(continua...)

Source by La_Stampa


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Il Papa:...artirio»
from: ladysilvia
by: Landi