Attacchi informatici: un accordo per le telecomunicazioni

Martedì
02:59:56
Dicembre
22 2009

Attacchi informatici: un accordo per le telecomunicazioni

View 169.6K

word 284 read time 1 minute, 25 Seconds

Roma: Tutelare da attacchi informatici la società che rappresenta il primario fornitore italiano di servizi di comunicazione telefonica ed elettronica è il motivo dell’accordo siglato tra il Dipartimento della pubblica sicurezza e Telecom italia.

Il capo della Polizia Antonio Manganelli e l’amministratore delegato di Telecom Italia Franco Bernabè hanno sottoscritto oggi, presso il Dipartimento della pubblica sicurezza, una convenzione per migliorare la prevenzione e la repressione dei crimini informatici.

Alla firma erano presenti: il prefetto Oscar Fioriolli, direttore Centrale per la polizia stradale, ferroviaria, delle comunicazioni e per i reparti speciali della Polizia di Stato, Domenico Vulpiani consigliere ministeriale con delega alla sicurezza informatica e Antonio Apruzzese, direttore del Servizio polizia postale delle comunicazioni.

l’accordo ha valore triennale e rientra nelle disposizioni del decreto del ministro dell’Interno del 9 gennaio del 2008 che ha individuato le infrastrutture critiche informatizzate nazionali. Si tratta di tutte quelle aziende pubbliche e private che gestiscono i settori nevralgici per il funzionamento del Paese attraverso sistemi informatici e telematici.

La convenzione si pone l’obiettivo di sviluppare procedure di collaborazione utili a prevenire e reprimere attacchi informatici, di matrice criminale o terroristica, contribuendo così ad innalzare l’efficienza del sistema nazionale nel settore delle comunicazioni.

Dal punto di vista operativo, l’obiettivo verrà attuato anche grazie ad un collegamento dedicato tra Telecom Italia e la sala operativa del "Centro nazionale anticrimine informatico per la protezione delle infrastrutture critiche - Cnaipic" del Servizio polizia postale e delle comunicazioni.

Il Cnaipic, attivo 24 su 24 e 7 giorni su 7, è stato inaugurato ufficialmente il 23 giugno scorso alla presenza del ministro dell’Interno Roberto Maroni, del ministro della Giustizia Angelino Alfano e del capo dalla Polizia Antonio Manganelli.

Source by Polizia_di_Stato


LSNN is an independent publisher that relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources. LSNN is the longest-lived portal in the world, thanks to the commitment we dedicate to the promotion of authors and the value given to important topics such as ideas, human rights, art, creativity, the environment, entertainment, Welfare, Minori, on the side of freedom of expression in the world «make us a team» and we want you to know that you are precious!

Dissemination* is the key to our success, and we've been doing it well since 1999. Transparent communication and targeted action have been the pillars of our success. Effective communication, action aimed at exclusive promotion, has made artists, ideas and important projects take off. Our commitment to maintain LSNN is enormous and your contribution is crucial, to continue growing together as a true team. Exclusive and valuable contents are our daily bread. Let us know you are with us! This is the wallet to contribute.

*Dissemination is the process of making scientific and technical information accessible to a non-specialist public. This can come through various forms, such as books, articles, lectures, television programs and science shows.


Similar Articles / Attacchi...nicazioni