Montrachet

Lunedì
17:39:53
Aprile
26 2010

Montrachet

View 134.5K

word 471 read time 2 minutes, 21 Seconds

La felicità appartiene alla categoria dei lampi,dei frammenti,di ciò che non può essere in alcun modo disciplinato,ricomposto in una forma o un sentimento.

Misteriosa emanazione del divino,sfugge al controllo di chi vorrebbe possederla e perpetuarla.Quel che ci è concesso è prepararci al suo arrivo e non con l’ingombrante fardello dei pensieri e dei progetti....bensì con l’abbandono alla sua fluidità,con l’accettazione della sua precarietà.

Quel che ci è concesso è provare ad innescarla affidandoci all’interruttore che l’accende:il piacere.
Queste le riflessioni che affollavano la mente mentre mi recavo,l’altra sera,al wine-bar Cairoli per una degustazione della “Setta dei bevitori estinti“.

Le bottiglie in gioco suggerivano scenari paradisiaci.

A confronto due bianchi di sicuro,nobile lignaggio:un
Batard-Montrachet Grand cru 2006 dello CHATEAU DE LA MALTROYE ed un Brauneberger Juffer Riesling Auslese 1985 di MAX FERDINAND RICHTER.Il nesso fra i due vini costituito esclusivamente da enormi aspettative di godimento.
La “scaletta“ si è fatta da sola.

Prima il giovane chardonnay borgognone,poi il vetusto riesling della Mosella.

Ci siam sentiti un pò guasconi nello stappare il batard-montrachet in uno stadio così precoce.Guasconi e maroniani.
Tutte quelle storie sulla presunta disarmonia dei grand cru della cote d’or colti nella piena gioventù le abbiamo volutamente snobbate.E l’istinto ci ha premiati.Certo,qualcuno potrebbe obiettare che non sapremo mai come avrebbe potuto esprimersi lo stesso vino bevuto fra 5-10 anni.Ma quando si ha a che fare con un nettare dal colore giallo oro,ricco di profumi profondi e articolati,sapido,intenso,con un finale lunghissimo...ci si consola facilmente dell’ipotetica mancata apoteosi futura.

Uno chardonnay didattico,archetipico,da far assaggiare in un corso per sommelier per poi poter dire:questo è “le roy“....monsieur Chardonnay!

Ignari di quel che ci attendeva stavamo allentando la presa dell’attenzione,sempre più inebriati ed euforici.
Poi abbiamo stappato il riesling.

Ed è sceso il silenzio.Sacrale.Sovrano.
Il silenzio che richiede l’incedere passante del fuoriclasse.
Che si fa ammirare.Che si fa adorare.
Sarà che eravamo poco avvezzi a simili suggestioni....ma la combinazione magica di acidità,dolcezza ed estratto del campione della Mosella ci ha stregati.
E ci chiedevamo che forse la nostra supponenza in materia vinicola andava rimodulata...in basso,ad un livello inferiore.
Con i bianchi tedeschi si accede ad un’altra dimensione.
Purezza cristallina,perfezione stilistica,densità da brividi,longevità infinita.A 23 anni dalla sua nascita in quanto uva,questa Auslese ci ha inflitto una sonora lezione:mai ritenersi appagati,mai ritenersi completi.
E’ stato facile...così...lasciarsi andare,scivolare nell’abbandono,arrendersi a tanta magnificenza.
E la felicità...come un balsamo dolce e profumato sceso ad accarezzare l’anima...è venuta a visitarci.

ROSARIO TISO

*I contenuti dell’opera non possono essere riprodotti senza l’autorizzazione dell’autore

Source by rosario_tiso


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Montrachet
from: ladysilvia
by: rosario_tiso
26 apr 2010
Montrachet