Sì del Senato alla legge Gasparri I Verdi: ''Ciampi non la firmi''

Mercoledì
02:16:09
Dicembre
03 2003

Sì del Senato alla legge Gasparri I Verdi: ''Ciampi non la firmi''

A palazzo Madama il contestato provvedimento passa con 155 voti a favore e 128 contrari. Angius: "La battaglia prosegue"
Il ministro: "Traguardo importante". Domani Girotondi in piazza

View 155.9K

word 571 read time 2 minutes, 51 Seconds

ROMA - Il Senato ha approvato definitivamente la legge Gasparri con 155 voti a favore e 128 contrari. La maggioranza ha retto compatta tutta la giornata di votazioni, unico, piccolo, ostacolo la mancanza del numero legale in un paio di occasioni. Si chiude così, almeno a livello parlamentare, la lunga battaglia sul riodrino del sistema televisivo. Fuori dal Parlamento, invece, le proteste continuano: domani i Girotondi saranno in piazza e il capogruppo dei Ds Gavino Angius annuncia il proseguimento della battaglia. Un "traguardo importante ottenuto grazie a una maggioranza coesa nonostante i tanti voti segreti", è invece il commento del ministro Gasparri.

Dalle votazioni al Senato non sono emersi colpi di scena e si sono riproposte le divisioni verticali che hanno accompagnato l’iter parlamentare della contestatissima legge. Angius, in sede di dichiarazione di voto ha ironizzato: "Avete assolto alla vostra missione di tutelare gli interessi del premier proprio mentre Berlusconi ha la responsabilità della presidenza di turno dell’Unione europea. Proprio da quest'ultima è arrivato non a caso un altolà alla legge Gasparri".

Angius ha poi sostenuto che il provvedimento "crea una concentrazione di potere che non ha eguale nel mondo anche perché la maggioranza ha ben pensato, in una situazione critica, di annullare il conflitto e di difendere solo l’ interesse di Berlusconi. Ma è il Paese che paga per tutto questo". Per Angius "è ormai provato che punti fondamentali del ddl Gasparri sono stati scritti sotto dettatura dallo studio di Cesare Previti. Non è un caso quindi che dinanzi a un finto pluralismo la Rai venga ridotta ad uno spezzatino e duramente colpita nella raccolta pubblicitaria".

Immediata la risposta del capogruppo di Forza Italia Renato Schifani. "l’opposizione - ha detto Schifani - non dice la verità , ma preferisce fare demagogia". "Con questa legge - ha sottolineato - si guarda al futuro e si garantisce il pluralismo: con la tv digitale i canali diventeranno cinque volte più numerosi di quelli attuali, e questo significherà avere più pluralismo".

"Ricordiamoci poi - ha aggiunto Schifani - che è grazie alla Casa delle libertà che si arriverà finalmente a un presidente di garanzia per la Rai. l’Ulivo non ha mai avuto il coraggio di approvare una norma del genere, perché aveva paura di perdere Zaccaria. Invece nel prossimo futuro avremo finalmente un presidente super partes a tutela di tutti".

Adesso la parola è al presidente della Repubblica al quale in molti si sono rivolti affinchè non firmi la legge. I Girotondi ed i Verdi chiamano in causa esplicitamente il Capo dello Stato. I primi lanciano la sottoscrizione di un appello online al loro sito igirotondi.it mentre i secondi con Alfonso Pecoraro Scanio dicono: "La legge Gasparri è un misfatto contro la Costituzione e contro la legalità ". Per questo, dice il presidente dei Verdi, "speriamo nell’intervento di Ciampi". Comunque - conclude Pecoraro Scanio - già sono pronte le contromosse: "Ci attrezziamo per il referendum abrogativo e per un'iniziativa europea", con l’obiettivo di un regolamento che valga per l’unione e che "vieti ciò che accade qui da noi".

Opinioni che il ministro delle Telecomunicazioni non vuole commentare: "Non partecipo al sondaggio di opinioni su cosa accadrà : il mio rispetto per le supreme cariche della Repubblica è tale che non entro nel dibattito".

Source by La_Repubblica


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Sì del ...a firmi''
from: ladysilvia
by: Bocconi
from: ladysilvia
by: Apple