Polizia Locale seda nella notte rissa davanti a kebab tra romeni ed egiziani, 5 denunce

Domenica
17:01:18
Agosto
29 2010

Polizia Locale seda nella notte rissa davanti a kebab tra romeni ed egiziani, 5 denunce

Corvetto, De Corato: “Ma per qualche parruccone questi sono tranquilli luoghi di aggregazione”. Solo sabato scorso era scoppiata un’altra rissa al Corvetto e la scorsa settimana era avvenuta in un phone center di via Padova

View 133.9K

word 540 read time 2 minutes, 42 Seconds

Milano: “La Polizia Locale, in servizio di controllo al Corvetto per le ordinanze, ha sedato intorno alla mezzanotte una rissa tra stranieri scoppiata davanti a un kebab di corso Lodi. Cinque i fermati, tutti indagati per violazione dell’articolo 588 del codice penale, i quali hanno riportato ferite superficiali. Si tratta di 4 romeni tra i 27 e i 29 anni, uno dei quali senza fissa dimora, e un clandestino egiziano di 25 anni, già identificato 4 volte, il quale nella lite brandiva anche una grossa catena ed è stato denunciato anche per uso di armi improprie. Altri due nordafricani sono riusciti a fuggire. La lite sarebbe avvenuta per futili motivi”.

Lo comunica il vice Sindaco e assessore alla Sicurezza Riccardo De Corato.

La Polizia Locale, in particolare, stava svolgendo intorno alla mezzanotte un controllo all’interno di un pubblico esercizio, quando gli agenti sono stati richiamati da una rissa scoppiata all’esterno di un kebab. Dove alcuni romeni, visibilmente un po’ ubriachi, stavano mangiando dei panini sui gradini del locale. Secondo le testimonianze raccolte, un gruppo di egiziani sarebbe passato davanti ai romeni schiacciando un cappello che era per terra e scatenando un parapiglia. I due gruppi contrapposti si sono spostati sulla strada e sono volati pugni e calci. Tre nordafricani brandivano anche delle catene, mentre altri stavano venendo in loro supporto. A quel punto solo il pronto interventi dei vigili ha sedato la rissa impedendone la degenerazione. E 5 soggetti sono stati accompagnati al Comando.

“Ancora una volta è toccato alla Polizia Locale mettere una pezza -spiega De Corato " alla quinta rissa scoppiata in un mese a Milano e che ha coinvolto sempre degli stranieri. E la seconda a distanza di sei giorni avvenuta al Corvetto dove c’è stata l’aggressione a un agente che ha salvato da un pestaggio un nordafricano. Una rissa, quest’ultima, avvenuta davanti a un kebab. Esercizi che secondo qualche illuminato professorone sarebbero di notte luoghi di aggregazione, quasi delle bocciofile. Dunque sbaglierebbe il Comune ad anticiparne la chiusura alla mezzanotte. Tesi già naufragata dopo l’episodio di questa notte, dove senza l’intervento dei vigili la vicenda sarebbe finita a coltellate. Ma va ricordato che solo 6 giorni fa in via Crespi, area via Padova, un’altra rissa era avvenuta tra bengalesi e nordafricani in un phone center. Dunque si tratta sempre degli stessi esercizi sottoposti a ordinanze. A dimostrazione che l’Amministrazione ci ha visto giusto.

“Al Corvetto " spiega De Corato ", area dove ben il 25% è straniero, continua pertanto la positiva azione di controllo della Polizia Locale. E lo dicono i numeri. Con 5 arresti, 32 denunce per diverse reati, 8 veicoli sequestrati, oltre 400 violazioni al codice della strada rilevati, una cinquantina di sanzioni per il mancato rispetto delle ordinanze e di altri regolamenti. Un’azione divenuta a tambur battente già circa 4 mesi fa con pattuglioni mirati e ulteriormente intensificata con i provvedimenti sindacali. E che ci viene riconosciuta dai residenti ma anche dagli stessi commercianti, salvo qualche paladino degli interessi di una ben nota discoteca”.

Source by Riccardo_De_Corato


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Polizia ...5 denunce