Ordinanze, Imbonati-Comasina

Mercoledì
12:50:39
Ottobre
13 2010

Ordinanze, Imbonati-Comasina

De Corato: “Dopo una settimana sono 19 le violazioni. Lega abbindolata dalle lobby delle discoteche: ora fa retromarcia ma solo un mese fa voleva estendere i provvedimenti a tutte le periferie di Milano”. Per via Padova e Corvetto le ordinanze in scadenza al 16 ottobre saranno prorogate al 31 gennaio.

View 134.5K

word 544 read time 2 minutes, 43 Seconds

Milano: “Diciannove violazioni e per la maggior parte da attività etniche. È questo il primo bilancio dei controlli a una settimana dall’entrata in vigore delle ordinanze nel quartiere Imbonati-Comasina. In particolare sono stati sanzionati 3 centri massaggi, 4 phone center, 4 kebab, 2 bar aperti dopo la mezzanotte, 1 esercizio di vicinato e 5 autonegozi per inosservanza al divieto di commercio in forma itinerante. Nell’ambito dei controlli sono scattate anche 2 denunce e sono state rilevate 36 violazioni al codice della strada e 3 infrazioni ad altre leggi e regolamenti. Gli analoghi provvedimenti vigenti in via Padova e al Corvetto, in scadenza il prossimo 16 ottobre, verranno prorogati al 31 gennaio 2011”.

Lo comunica il vice Sindaco e assessore alla Sicurezza Riccardo De Corato.

“I primi risultati " commenta De Corato - attestano che a violare il provvedimento comunale sono per lo più quelle attività che, godendo di deregulation, hanno finora creato i maggiori problemi di sicurezza diventando polo di attrazione di ubriachi, clandestini, spaccio o risse. Un contesto che si verifica spesso anche fuori dalle discoteche aperte dopo le 3 di notte, come dimostra l’accoltellamento dell’altro giorno fuori da un locale di viale Monza frequentato da albanesi irregolari”.

“Fa specie -sottolinea D Corato " che la Lega ora tiri il freno a mano e faccia retromarcia quando solo un mese chiedeva a gran voce di estendere le ordinanze a tutti i quartieri periferici, dal Gratosoglio a San Siro. Un mal di mancia improvviso. Evidentemente il Carroccio si è fatto abbindolare dalle lobby delle discoteche che sono finora le uniche che hanno fatto ricorso al Tar dove hanno preso continue scoppole. Che poi i maggiori problemi siano creati da centri massaggi, kebab, phone center e internet point, non autorizza il Comune, che può adottare misure di carattere generale, a limitare i provvedimenti ad attività etniche come vorrebbe Epam, e la Lega che le fa eco”.

“La verità " aggiunge De Corato - è che le ordinanze si sono rivelate estremamente utili. Perchè hanno portato più agenti di notte per le strade, anche periferiche. Una positiva attività riflessa nei dati per le 5 aree interessate. Perchè alle 389 sanzioni complessive per le ordinanze (comprensive anche di violazioni fuori ordinanza come ai regolamenti d’igiene), vanno aggiunti 207 denunce, 18 arresti, 63 richieste di sequestro inoltrare alla Procura di stabili affittati a clandestini, 5259 multe al codice della strada”.

“Non dimentichiamo -aggiunge De Corato - che se al Corvetto è stata salvata la vita a un uomo, un maghrebino sottratto coraggiosamente a un pestaggio, questo è avvenuto perché c’era un vigile in servizio per le ordinanze. Agente che per l’atto di eroismo è stato qualche giorno fa ricevuto per un elogio dallo stesso procuratore capo Edmondo Bruti Liberati. Come è grazie alle ordinanze se in via Padova un ecuadoregno è stato arrestato per tentato omicidio di un dipendente di un kebab. O in via Sarpi la Polizia Locale ha potuto scoperchiare il degrado di un dormitorio per cinesi clandestini in laboratori di pelletteria. Operai-schiavi che lavoravano in nero e a cottimo 15 ore su 24, guadagnando 30 centesimi per la fabbricazione di una borsa”.

Source by Comune_di_Milano


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Ordinanz...-Comasina
from: ladysilvia
by: Comune_di_Milano