Giorno del ricordo, De Corato a commemorazione in largo martiri delle foibe

Giovedì
15:13:13
Febbraio
10 2011

Giorno del ricordo, De Corato a commemorazione in largo martiri delle foibe

“Milano terrà sempre viva la memoria contro la ’congiurà del silenzio”. Da Giunta Moratti impegno costante anche con intitolazione di vie e piazze cittadine

View 163.6K

word 335 read time 1 minute, 40 Seconds

Milano: “Nell’anno in cui il Paese celebra un anniversario importante come il 150esimo dell’Unità d’Italia, è doveroso dare spazio alla memoria di una delle pagine più drammatiche della nostra storia. Come il Comune di Milano continua a fare dal 2004, anno in cui fu istituito il Giorno del Ricordo, con iniziative diverse tra cui le intitolazioni di alcuni luoghi cittadini: piazza Martiri delle Foibe, piazza Istria e anche, 3 anni fa, l’intitolazione di una parte dei Bastioni di Porta Venezia alla città di Fiume. Segno della volontà di questa Amministrazione di tenere sempre accesa la memoria collettiva sugli avvenimenti di quegli anni”.

Lo ha dichiarato il vice Sindaco e assessore alla Sicurezza Riccardo De Corato intervenendo in rappresentanza dell’Amministrazione comunale alla commemorazione del Giorno del Ricordo che si è celebrata in Largo Martiri delle Foibe.

“Per anni " ha aggiunto De Corato " le Foibe sono state cancellate dai libri di storia, come ha evidenziato in questi giorni il ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini. Un silenzio che lo stesso presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha definito una vera e propria ’congiurà. E colpisce che ci siano ancora comuni italiani che fanno poco o niente per ricordare quelle pagine. Dimenticando che quello delle Istituzioni è un dovere, non solo per trasmettere il ricordo tragedia ai giovani, ma soprattutto per riesaminare criticamente i fatti. E far sì che entri a far parte del patrimonio storico e spirituale del nostro Paese la storia di quegli italiani: almeno 20 mila i concittadini infoibati e torturati e circa 350 mila gli istriani, fiumani, giuliani dalmati costretti a lasciare in massa la propria terra per non soccombere alla sopraffazione. Senza dimenticare che, secondo uno studio reso noto dall’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia, sarebbero più di 50 mila gli esuli di prima generazione ancora viventi e oltre 1 milione i discendenti”.

Source by Riccardo_De_Corato


LSNN is an independent publisher that relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources. LSNN is the longest-lived portal in the world, thanks to the commitment we dedicate to the promotion of authors and the value given to important topics such as ideas, human rights, art, creativity, the environment, entertainment, Welfare, Minori, on the side of freedom of expression in the world «make us a team» and we want you to know that you are precious!

Dissemination* is the key to our success, and we've been doing it well since 1999. Transparent communication and targeted action have been the pillars of our success. Effective communication, action aimed at exclusive promotion, has made artists, ideas and important projects take off. Our commitment to maintain LSNN is enormous and your contribution is crucial, to continue growing together as a true team. Exclusive and valuable contents are our daily bread. Let us know you are with us! This is the wallet to contribute.

*Dissemination is the process of making scientific and technical information accessible to a non-specialist public. This can come through various forms, such as books, articles, lectures, television programs and science shows.


Similar Articles / Giorno d...lle foibe