Il Capo di Stato Maggiore della Difesa in Afghanistan

Mercoledì
23:21:59
Febbraio
16 2011

Il Capo di Stato Maggiore della Difesa in Afghanistan

View 131.1K

word 486 read time 2 minutes, 25 Seconds

Afghanistan: Generale Abrate: «vi trovo motivati, soddisfatti e con un senso di ottimismo che ispira la vostra azione e questo mi fa veramente piacere»

Il Capo di Stato Maggiore della Difesa, Generale Biagio Abrate, ha visitato il contingente militare italiano in Afghanistan nei giorni 15 e 16 febbraio.

Il Generale, accompagnato dal Comandante del Comando Operativo di vertice Interforze (COI), Generale di Corpo dArmata Giorgio Cornacchione, allarrivo ad Herat è stato accolto dal Comandante del Regional Command West, Generale di Brigata Marcello Bellacicco.

Successivamente, il Generale Abrate ha incontrato i militari in servizio a Camp Arena, schierati per loccasione in "Piazza Italia”, e ha rivolto loro lapprezzamento per quanto stanno facendo in favore della popolazione afgana.

«LItalia sta facendo veramente molto in Afghanistan» ha affermato il Generale, «vi trovo motivati e soddisfatti e con un senso di ottimismo che inspira la vostra azione; vedo che comprendete limportanza del vostro lavoro e questo mi fa veramente piacere» e continuando ha affermato «anche il Generale Petraeus, nellincontro di questa mattina a Kabul, ci ha indicato come esempio per la nostra capacità di interfacciarci con la popolazione e con le forze di sicurezza afgane. Questo ritengo sia un nostro punto di forza».

La visita è proseguita agli hangar degli elicotteri dellAviazione dellEsercito e presso la Joint Air Task Force (JATF) che vede operare assieme i diversi assetti schierati in Afghanistan dallAeronautica e della Marina Militare.

Presso il Comando di RC-W, il Capo di Stato Maggiore della Difesa ha incontrato i vertici delle forze di sicurezza afgane con i quali ha trattato temi inerenti le operazioni e limportante aspetto delladdestramento del personale afgano; attività di training e di mentor che vede impegnati assieme ai militari delle Forze Armate anche il personale della Guardia di Finanza.

«Il supporto alle Forze di sicurezza afgane è essenziale proprio per garantire la fase di transizione, ovvero di consentire al governo afgano di prendere a pieno la responsabilità nel settore della sicurezza, della governance e dello sviluppo economico», ha detto il Generale Abrate.

Il secondo giorno il vertice militare delle Forze Armate ha visitato una delle Combat Outpost (COP) che costituiscono la "bolla di sicurezza” a Bala Murghab, area di responsabilità della Task Force North.

Atterrato alla FOB Columbus (sede del comando della Task Force, su base 8° reggimento alpini) ha ricordato limpegno e la professionalità dei militari che, operando "shona by shona” con le Forze di sicurezza afgane, garantiscono, giorno dopo giorno, lo sviluppo di unarea dove normalmente vivono oltre 8000 civili.

«Sono qui per vedere quello che il Generale Petraeus addita come esempio della dottrina di counter-insungency e vedo qui, nel vostro lavoro e in quello dei vostri colleghi, lo spirito e la professionalità che distingue i militari italiani».

Il Generale Abrate ha lasciato nel pomeriggio lAfghanistan diretto verso il Libano, dove incontrerà gli uomini impiegati nelloperazione "Leonte”.

Source by Ministero_della_Difesa


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Il Capo ...ghanistan