Carne clonata: il Parlamento Europeo ne richiede l’etichettatura

Venerdì
13:58:34
Aprile
22 2011

Carne clonata: il Parlamento Europeo ne richiede l’etichettatura

Carne clonata: il Parlamento Europeo ne richiede l’etichettatura ma gli stati membri dell’UE rifiutano e quindi non cambia nulla sulle norme relativi ai “nuovi alimenti“

View 160.9K

word 448 read time 2 minutes, 14 Seconds

Lecce: Il Parlamento Europeo sui grandi temi relativi alla salute pubblica a volte dimostra di essere più avanti dei singoli stati così come è accaduto proprio qualche giorno fa in una materia molto delicata quale quella del commercio di carne derivante da animali clonati.

Sono passati ben quindici anni dalla nascita del primo animale clonato, la famosa pecora Dolly, e da allora non si è mai trovata una soluzione alla diatriba sui rischi o meno degli alimenti derivanti da animali clonati e stanti i dubbi il Parlamento Europeo ha espresso la propria contrarietà alla vendita di prodotti con tale origine o la necessità di etichettatura degli stessi, mentre si discutevano le norme relative ai cosiddetti “nuovi alimenti“ ossia quelli ricavati da processi tecnologici di trasformazione dei cibi o che non hanno sono mai stati consumati prima in Europa.

Il Consiglio e la Commissione europei pur condividendo la posizione dellassemblea europea relativamente ai prodotti direttamente derivati dai cloni, al contrario hanno spinto per la messa in commercio di quelli derivati dalla prole di animali clonati. In un tentativo di risoluzione della disputa istituzionale, il Parlamento ha proposto linserimento nella normativa di un’etichettatura obbligatoria di tali prodotti anche alla luce delle statistiche che vedono ben il 63% dei cittadini europei contrario allacquisto di prodotti derivati da bestiame clonato e il 61% ritiene addirittura che la clonazione sia moralmente inaccettabile (sondaggio Eurobarometro 2008).

Allo stesso modo gli eurodeputati hanno ritenuto necessario un approfondimento anche nel settore della nanotecnologia applicata allalimentare che si fa largo, fra laltro nella produzione di agenti antibatterici e rendendosi quindi necessaria unadeguata informazione nei confronti dei cittadini attraverso letichettatura generalizzata di tutti gli alimenti “micromodificati“.

Sulla scorta della carenza normativa nel settore della commercializzazione dei prodotti derivati da organismi clonati, leuroparlamento si è quindi opposto alla proposta di Commissione e Consiglio di autorizzazione alla vendita attraverso la loro inclusione tra i “nuovi alimenti“ e pertanto allo stato la disciplina sarà ancora soggetta al Regolamento adottato nel 1997 che prescrive un’autorizzazione obbligatoria per la vendita di alimenti ottenuti da animali clonati, ma non per la loro prole.

Per il momento pare non risulti rilasciata alcuna autorizzazione per la commercializzazione di questo tipo di prodotti, ma Giovanni DAgata Componente del Dipartimento Tematico Nazionale "Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori e fondatore dello "Sportello dei Diritti” auspica che gli stati membri, a partire dal Governo italiano, si adeguino alle ragionevoli proposte del Parlamento Europeo che in questoccasione ha dimostrato di avere cura della salute dei cittadini.

Giovanni DAGATA

Source by Giovanni_D_AGATA


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Carne cl...hettatura