ONU: 2016 anno nero - per i diritti umani nel mondo

Domenica
04:30:15
Dicembre
11 2016

ONU: 2016 anno nero - per i diritti umani nel mondo

Offensiva ai #diritti e alle #libertà fondamentali a favore di interessi #egoistici

View 132.6K

word 522 read time 2 minutes, 36 Seconds

Il 10 dicembre si celebra ogni anno nella giornata mondiale dei diritti umani, la proclamazione nel 1948 dei diritti da parte delle Nazioni Unite. Ma quest'anno c'è poco da celebrare, secondo un bilancio tracciato dall'Alto commissario #ONU per i diritti umani. Il 2016 ha infatti visto aumentare la pressione sui diritti umani che rischia di mettere in pericolo le protezioni messe in campo dopo la seconda guerra mondiale. In Siria si continua a combattere e morire, in #Turchia la pressione del presidente #Erdogan su istituzioni e liberi cittadini prosegue senza sosta, il Mediterraneo non smette di inghiottire #uomini e #donne e #bambini. In #Marocco e in altri 70 paesi del mondo, tra #Africa #Asia e #Sudamerica, l’omosessualità continua a essere reato.

Un'altra minaccia viene identificata nella proliferazione, in Europa e Stati Uniti, di una retorica xenofoba, oltre alle violenze commesse da movimenti estremisti in tutto il mondo. E in tantissimi altri paesi l’accesso a cibo, farmaci, istruzione è una corsa a ostacoli. Un'altra minaccia viene identificata nella proliferazione, in Europa e Stati Uniti, di una retorica xenofoba, oltre alle violenze commesse da movimenti estremisti in tutto il mondo. In Italia non va meglio, evidenzia Giovanni D'Agata presidente dello “Sportello dei Diritti”: alcune aree presentano ancora numerose lacune nel raggiungimento del pieno rispetto dei diritti umani. Innanzitutto l’esigenza di introdurre il reato di tortura e di garantire la trasparenza delle forze di polizia per impedire i numerosi casi di abuso registrati nel Paese. A questi si aggiunge l’esigenza, quanto mai attuale, di fermare il femminicidio e la violenza contro le donne, di proteggere i rifugiati, fermandone lo sfruttamento e la discriminazione e bloccando la criminalizzazione dei migranti. Assicurare condizioni dignitose e rispettose dei diritti umani nelle carceri, troppo spesso sovraffollate.

Combattere l’omofobia e la transfobia e garantire tutti i diritti umani alle persone lesbiche, gay, bisessuali e transgender. Inoltre l’esigenza di fermare la discriminazione, gli sgomberi forzati e la segregazione etnica messa in atto nei confronti dei rom. Infine la riforma Fornero e il Jobs Act, che ha privato i lavoratori dei diritti che hanno garantito la dignità alle persone che oggi sono umiliate dalla privazione ingiustificata del loro lavoro. Infatti la ventilata riforma del lavoro orientata in senso liberistico, tanto che non v'é chi non si sia reso conto, tra i giuslavoristi, che trattasi di una mera controriforma di segno regressivo per i diritti dei lavoratori, tesa a traguardare meramente la liberalizzazione dei licenziamenti ed a sancire, con il decorso del tempo, l'eutanasia della tutela reintegratoria ex art. 18 Stat. lav. per tutti indistintamente i lavoratori.

Come è noto, la legge Fornero ha aperto la prima vera crepa nell’edificio dell’articolo 18: esso viene modificato rendendo meno automatico il diritto alla reintegra anche in caso di licenziamento ingiustificato, e ciò sia per il licenziamento disciplinare che per quello cosiddetto economico. Per far si che i diritti umani siano rispettati è necessario creare un’istituzione nazionale indipendente che possa assicurare la protezione di questi diritti e imporre alle aziende italiane il loro pieno rispetto.

Source by Sportello_dei_diritti


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / ONU: 201...nel mondo
from: ladysilvia
by: RED