Discriminazione religiosa fermata dalla Corte Costituzionale

Domenica
12:20:19
Aprile
09 2017

Discriminazione religiosa fermata dalla Corte Costituzionale

Dichiarata incostituzionale la legge della Regione Veneto che stabiliva nelle convenzioni urbanistiche la previsione «dell’impegno ad utilizzare la lingua italiana per tutte le attività svolte nelle attrezzature di interesse comune per servizi religiosi, che non siano strettamente connesse alle pratiche rituali di culto».

View 158.5K

word 572 read time 2 minutes, 51 Seconds

Con una sentenza molto importante, la numero 67 pubblicata il 7 aprile, la Corte Costituzionale cancella un significativo articolo della legge regionale del Veneto dal contenuto non troppo velatamente razzista, con la quale, la regione a maggioranza leghista, voleva nei fatti obbligare l'utilizzo della lingua italiana all'interno degli edifici religiosi, con il chiaro intento rivolto a quelli islamici. Nel disciplinare gli interventi comunali di urbanizzazione per le aree e gli immobili da destinarsi alla realizzazione di attrezzature di interesse comune per servizi religiosi, la norma prevedeva che il soggetto richiedente la realizzazione dell’attrezzatura sottoscrivesse con il Comune una convenzione nella quale potesse essere previsto l’impegno ad utilizzare la lingua italiana per tutte le attività svolte nelle attrezzature di interesse comune per servizi religiosi, che non siano strettamente connesse alle pratiche rituali di culto.

Il provvedimento era stato impugnato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri che aveva rilevato come la normativa regionale - in particolare l’art. 2 della legge della Regione Veneto 12 aprile 2016, n. 12 (Modifica della legge regionale 23 aprile 2004, n. 11 recante "Norme per il governo del territorio e in materia di paesaggio" e successive modificazioni), che introduce gli artt. 31-bis e 31-ter nella legge regionale 23 aprile 2004, n. 11 (Norme per il governo del territorio e in materia di paesaggio), violasse gli artt. 2, 3, 8, 19 e 117, secondo comma, lettere c) e h), della Costituzione, in quanto travalicherebbe la finalità, di natura tipicamente urbanistica, della convenzione per incidere sull’esercizio della libertà di culto, libertà che non si esaurisce nello svolgimento delle pratiche rituali, ma ricomprende «anche le attività collaterali, come quelle ricreative, aggregative, culturali, sociali, educative, nell’ambito delle quali la libertà religiosa trova la sua pienezza di espressione».

La Corte Costituzionale, investita della questione di legittimità, ha ritenuto fondate le motivazioni addotte dall'Avvocatura Generale dello Stato e ha dichiarato l’illegittimità costituzionale della su citata normativa proprio nella parte in cui si legge: «Nella convenzione può, altresì, essere previsto l’impegno ad utilizzare la lingua italiana per tutte le attività svolte nelle attrezzature di interesse comune per servizi religiosi, che non siano strettamente connesse alle pratiche rituali di culto» rilevando fra l'altro che ««A fronte dell’importanza della lingua quale «elemento di identità individuale e collettiva» (da ultimo, sentenza n. 42 del 2017), veicolo di trasmissione di cultura ed espressione della dimensione relazionale della personalità umana, appare evidente il vizio di una disposizione regionale, come quella impugnata, che si presta a determinare ampie limitazioni di diritti fondamentali della persona di rilievo costituzionale, in difetto di un rapporto chiaro di stretta strumentalità e proporzionalità rispetto ad altri interessi costituzionalmente rilevanti, ricompresi nel perimetro delle attribuzioni regionali.» Uno stop che Giovanni D'Agata, presidente dello "Sportello dei Diritti", accoglie con soddisfazione, perchè non può essere utilizzato subdolamente un emendamento introdotto in una legge di natura urbanistica che, al contrario, si rivela per la sua finalità di limitare l'esercizio della libertà di culto in un Paese, come l'Italia dove tra i 60 milioni di residenti, vi sono 1,6 milioni di musulmani praticanti che hanno il diritto di professare liberamente il proprio credo.

#CorteCostituzionale #Discriminazionereligiosa

Source by Sportello_dei_Diritti


LSNN is an independent publisher that relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources. LSNN is the longest-lived portal in the world, thanks to the commitment we dedicate to the promotion of authors and the value given to important topics such as ideas, human rights, art, creativity, the environment, entertainment, Welfare, Minori, on the side of freedom of expression in the world «make us a team» and we want you to know that you are precious!

Dissemination* is the key to our success, and we've been doing it well since 1999. Transparent communication and targeted action have been the pillars of our success. Effective communication, action aimed at exclusive promotion, has made artists, ideas and important projects take off. Our commitment to maintain LSNN is enormous and your contribution is crucial, to continue growing together as a true team. Exclusive and valuable contents are our daily bread. Let us know you are with us! This is the wallet to contribute.

*Dissemination is the process of making scientific and technical information accessible to a non-specialist public. This can come through various forms, such as books, articles, lectures, television programs and science shows.


Similar Articles / Discrimi...tuzionale