Reinserimento detenuti, presentato progetto - Mi riscatto per Roma

Giovedì
01:50:47
Agosto
09 2018

Reinserimento detenuti, presentato progetto - Mi riscatto per Roma

Tematica: Opere e manutenzione della Città - Sociale

View 2.9K

word 1.2K read time 5 minutes, 45 Seconds

Roma: Si rinnova la collaborazione tra Roma Capitale e Ministero della Giustizia per i progetti di reinserimento socio-lavorativo in “lavori di pubblica utilità”, rivolti ai detenuti della Casa circondariale di Rebibbia.

A presentare il progetto Mi riscatto per Roma la sindaca Virginia Raggi e il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede. Presenti l’amministratore delegato di Autostrade per l’Italia SpA Giovanni Castellucci; il capo del Dipartimento Amministrazione Penitenziaria, Francesco Basentini; la presidente del Tribunale di Sorveglianza di Roma Maria Antonia Vertaldi; la garante dei diritti delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale, Gabriella Stramaccioni.

Due gli accordi che permetteranno di rinnovare per altri sei mesi il progetto già avviato negli interventi di ripristino del decoro di parchi e giardini, che ha visto i detenuti impegnati con ottimi risultati nello sfalcio e nella pulizia di aree verdi, dal parco di Colle Oppio al parco Schuster.

Grazie alla “sottoscrizione di intenti” con Autostrade d’Italia SpA, inoltre, i detenuti saranno coinvolti in lavori di manutenzione stradale che riguarderanno il rifacimento della segnaletica orizzontale, la pulizia delle caditoie, la sistemazione di sedi stradali.

I progetti si fondano su attività di “lavoro volontario e gratuito” e intendono promuovere un percorso di sensibilizzazione al rispetto del bene comune, alla legalità, all’osservanza delle regole, alla convivenza civile.

“Grazie a queste intese proseguiamo con decisione sulla strada della collaborazione tra Roma Capitale, Ministero della Giustizia e Amministrazione Penitenziaria per lavori di pubblica utilità che impegnano i detenuti a favore della collettività”, dichiara la sindaca Virginia Raggi. “Un percorso che sta dando ottimi risultati. Dopo la sperimentazione di questa collaborazione su parchi e verde, facciamo un passo in avanti con un ulteriore progetto attraverso il quale i detenuti potranno prestare la loro opera in modo volontario e gratuito per mantenere il decoro della città. Un piccolo, ma fondamentale passo, per il reinserimento sociale e lavorativo del singolo, costruito su un nuovo patto con la città e i cittadini, sulla dignità del lavoro e sul valore della persona”.

“Stiamo pensando alla creazione di una task force per estendere esperienze del genere, chiamando in causa anche gli altri sindaci”, afferma il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede. “Cominciamo da Roma per arrivare su tutto il territorio nazionale. E’ una sfida che siamo pronti a sostenere perché la pena deve essere certa ma anche dignitosa. E il lavoro è la chance che possiamo dare a queste persone per reinserirsi nella società”.

seguono le dichiarazioni degli assessori Pinuccia Montanari (Sostenibilità Ambientale), Daniele Frongia (Sport, Politiche Giovanili e Grandi Eventi, con delega ai rapporti con il garante dei diritti delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale), Laura Baldassarre (Persona, Scuola e Comunità Solidale) e Margherita Gatta (Infrastrutture).

“Siamo molto riconoscenti verso il Ministero della giustizia e l'Amministrazione Penitenziaria per questa collaborazione avviata ormai da molti mesi che ha dato risultati straordinari. Grazie al lavoro volontario dei detenuti, molto apprezzato dai cittadini, molte aree verdi sono state pulite e manutenute con interventi di pulizia e di sfalcio svolte sotto la supervisione del Servizio Giardini. Da Piazza Vittorio a Colle Oppio, da Villa Ada e Villa Sciarra alla pista ciclabile da Ponte Milvio a Castel Giubileo, sono state tantissime le aree verdi interessate da questa importante sinergia che ha messo insieme aspetti ecologici e sociali in una nuova dimensione di ecologia integrale. Un ringraziamento particolare è per la pulizia effettuata nell'area di Ponte Marconi dove l'area attrezzata Tiberis, la spiaggia di Roma, ha preso il posto di rifiuti e degrado. In questo momento, i volontari sono impegnati in una importante attività antincendio a tutela della riserva naturale di Castel Fusano, un vero e proprio polmone verde per la Capitale”,dichiara l’Assessora alla Sostenibilità Ambientale Pinuccia Montanari.

“In qualità di coordinatore dei progetti con i detenuti ho incontrato il DAP e Autostrade per l’Italia negli scorsi mesi per avviare una collaborazione sulla manutenzione stradale. Dopo il successo del progetto che vede gli stessi occuparsi del ripristino del decoro del verde cittadino, infatti, abbiamo ritenuto utile promuovere la collaborazione con i detenuti anche in altri ambiti. Autostrade per l’Italia si è dimostrata, da subito, interessata al progetto e disponibile ad attivare un corso di formazione per i lavoratori posti a misure restrittive, con reati minori e pene brevi quindi a basso tasso di pericolosità, oltre che a fornire materiali e indumenti per gli stessi. Tramite tale iniziativa che si andrà a sviluppare nei prossimi mesi, messa a punto a seguito di una Lettera di Intenti firmata da Roma Capitale, il DAP e Autostrade per l’Italia lo scorso 31 luglio, avvieremo così una collaborazione per piccoli interventi di manutenzione stradale come il rifacimento della segnaletica orizzontale, la pulizia di caditoie, la sistemazione di sedi stradali a basso scorrimento.

L’intento è innanzitutto diminuire la possibilità di recidiva dei detenuti, dando loro le basi e la conoscenza per una futura mansione lavorativa evitando di delinquere nuovamente; si crea, inoltre, una sorta di espiazione della pena attraverso il lavoro gratuito, estinguendo il debito con la società; infine si ricreano le basi per l’integrazione sociale del reo, apprezzato dalla cittadinanza per il servizio reso, basti pensare come, in questi mesi, per la manutenzione del verde i cittadini abbiano mostrato stima e ammirazione nei confronti del detenuto. Si sviluppa così, grazie alla proficua collaborazione con il Dipartimento SIMU, una reciprocità di intenti tramite la resa di servizi gratuiti alla Città e allo stesso modo una nuova possibilità per il reo. Per queste motivazioni tale progetto rappresenta una collaborazione che promuoveremo in tutti i modi anche nel futuro”, dichiara l’Assessore allo Sport, Politiche Giovanili e Grandi Eventi Cittadini, con delega ai rapporti con il Garante dei diritti delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale,Daniele Frongia.

"Prosegue il nostro impegno per consolidare il volontariato come elemento fondamentale per assicurare la partecipazione attiva e l'inclusione di tutti i soggetti, nessuno escluso. I lavori di pubblica utilità dei detenuti sono uno strumento che garantisce piena attuazione a quanto previsto dalla Costituzione, consentendo di costruire una nuova cultura civica e generando senso di appartenenza a una comunità che sia davvero coesa e solidale"commenta l'Assessora alla Persona, Scuola e Comunità Solidale Laura Baldassarre.

“Abbiamo voluto realizzare un progetto che fosse doppiamente utile a livello sociale, che guardasse al recupero delle persone e a quello delle nostre strade, attraverso un piano di azione impegnativo che sarà realizzato in sinergia e con la collaborazione di Autostrade per l’Italia, Dipartimento Amministrazione Penitenziaria e Roma Capitale. I detenuti inseriti in questo progetto saranno adeguatamente formati per poter intervenire in lavori quali il rifacimento della segnaletica orizzontale, la pulizia delle caditoie o la sistemazione delle sedi stradali a basso scorrimento. Queste persone avranno così un'opportunità per imparare un lavoro e allo stesso tempo per contribuire al miglioramento della vivibilità cittadina”, dichiara l’Assessora alle Infrastrutture Margherita Gatta.

Source by Comune_di_Roma


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Reinseri... per Roma
from: ladysilvia
by: carabinieri