Usa i permessi della legge 104, i detective privati ingaggiati dall’azienda lo beccano mentre fa shopping: licenziato

Mercoledì
01:11:10
Febbraio
20 2019

Usa i permessi della legge 104, i detective privati ingaggiati dall’azienda lo beccano mentre fa shopping: licenziato

Il datore di lavoro può incaricare l’agenzia investigativa di verificare condotte estranee allo svolgimento dell’attività lavorativa ma rilevanti per il corretto adempimento di obbligazioni sottese al rapporto. Per la Cassazione legittimo il licenziamento del dipendente scoperto dai detective privati a fare compere durante i permessi “104”.

View 3.2K

word 684 read time 3 minutes, 25 Seconds

Un dipendente aveva richiesto al proprio datore di lavoro un permesso retribuito di cui alla legge 104/1992, riconosciutogli per assistere il familiare disabile. Egli aveva però utilizzato tali giornate per recarsi per fare shopping, lasciando il parente con problemi di salute, di cui avrebbe dovuto prendersi cura, da solo a casa. Così il datore di lavoro lo aveva scoperto e gli aveva intimato licenziamento disciplinare. Licenziamento legittimo? La Corte di Cassazione, confermando quanto statuito nei precedenti gradi di giudizio, ha concluso per la legittimità dell’intimato licenziamento. Il comportamento del dipendente, scoperto dai detective privati ingaggiati dall’azienda, infatti, aveva rappresentato un vero e proprio abuso del diritto richiesto ai sensi della legge 104/92. A parere dei giudici, il datore, infatti, ben può ricorrere all’agenzia investigativa per controllare condotte del dipendente che sono estranee all’attività lavorativa ma risultano comunque rilevanti sotto il profilo del corretto adempimento delle obbligazioni relative al rapporto. E il recesso della società è giustificato perché l’interessato approfitta della buona fede non solo del datore ma anche dell’ente previdenziale, che eroga il trattamento economico. È quanto emerge dall’ordinanza 4670/19, pubblicata il 18 febbraio dalla sezione lavoro della Cassazione. Niente da fare per il lavoratore sorpreso dagli investigatori presso esercizi commerciali il 22, 23 e 24 dicembre: faceva i regali di Natale? Chissà.

Certo non si trovava presso il parente con problemi di salute. Dalla contestazione, tuttavia, sono scorporati i giorni nei quali l’azienda è chiusa per le festività. Ma a far scattare il licenziamento bastano le contestazioni relative alle altre tre giornate del mese successivo: soltanto in un’occasione l’interessato va per un paio d’ore a casa del parente da assistere. Ed è esclusa la violazione degli articoli 2 e 3 dello statuto dei lavoratori: i detective non sconfinano nella vigilanza sull’attività lavorativa, che è riservata direttamente al datore e ai suoi collaboratori. Legittimo, poi, il ricorso agli “007” privati nei periodi di sospensione del rapporto quando si sospetta che il dipendente usi i permessi 104 per sé e non per aiutare il congiunto in difficoltà: si configura l’abuso del diritto di cui all’articolo 33 della legge 104/92 nei confronti del datore, privato ingiustamente della prestazione, e dell’istituto previdenziale che paga. Inutile infine per il licenziato dedurre in sede di reclamo che l’agenzia investigativa non avrebbe le autorizzazioni prefettizie necessarie a svolgere l’attività: si tratta pur sempre di un giudizio di impugnazione e vale la regola del divieto di nova in appello ex articolo 437 Cpc laddove si inserisce nel processo un tema di indagine sul quale non si è formato il contradditorio in precedenza.. A parere della Corte, infatti, tale comportamento, ancorché verificatosi una sola volta, era stato ritenuto rilevante ai fini del licenziamento soprattutto in relazione all’affidamento sull’esatto adempimento delle prestazioni future. In sostanza, il dipendente ne aveva approfittato una volta, perché non avrebbe dovuto farlo di nuovo in futuro? Usa i permessi della 104 per le vacanza: licenziamento legittimo. Cos’è la legge 104 del 1992? Si tratta di un testo normativo, evidenzia Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, previsto per garantire l'assistenza, l'integrazione sociale e i diritti delle persone con handicap. Disciplina le agevolazioni riconosciute ai lavoratori affetti da disabilità grave e ai familiari che assistono una persona con handicap in situazione di gravità. Cosa prevede? Tra gli altri, la norma prevede che il lavoratore possa chiedere permessi retribuiti al proprio datore di lavoro, pubblico o privato. Tali permessi si traducono in tre giorni di riposo al mese, frazionabili anche in ore o riposi giornalieri di una o due ore per il lavoratore disabile oppure per il familiare che gli presti assistenza. Ma quali sono i limiti nell’utilizzo di tali permessi? Ed un utilizzo illegittimo giustifica il licenziamento? A queste domande ha risposto di recente la Corte di Cassazione.

Source by Sportello_dei_Diritti


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Usa i pe...icenziato