Strappato alla famiglia e abusato sessualmente in comunità

Lunedì
12:06:08
Agosto
12 2019

Strappato alla famiglia e abusato sessualmente in comunità

Tolto perché la madre non “appare” in grado di farsene carico. In comunità viene abusato sessualmente ma l’equipe decide di “non dare particolare peso alla cosa”.

View 2.4K

word 534 read time 2 minutes, 40 Seconds

Venezia: Continua ad allungarsi la lista delle denunce di sottrazioni superficiali o illecita di bambini alla famiglia sulla scia del "caso Bibbiano". Questo accade in Veneto, nella provincia di Venezia. In questi giorni una mamma si è rivolta al Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani per chiedere aiuto: «Me lo hanno tolto, lo hanno rovinato, è stato abusato sessualmente. Ora dicono che è colpa mia.» Questo è l'urlo di dolore di una mamma che si è fatta coraggio e ha deciso di denunciare.

Giulio (nome di fantasia) è stato strappato alla famiglia nel giugno del 2013. Nel decreto si legge che «la madre, pur impegnandosi con il figlio, non appare in grado di occuparsene in modo adeguato.» Il Tribunale decide quindi di strapparlo ai suoi affetti e collocarlo in struttura.

Da allora i rapporti della mamma e del papà (che sono separati) con Giulio sono molto limitati e con il passare del tempo vengono sempre più ridotti, senza che venga eseguito nessun progetto di rientro come richiesto nel 2016 dal Tribunale.

Nel 2016 Giulio racconta di essere stato abusato sessualmente da un compagno un anno e mezzo prima. Ma questo non viene preso in considerazione. Nella relazione dei Servizi si legge: «considerando anche che, all'epoca del presunto episodio, i due erano in giovanissima età (...) l'equipe ha deciso di non dare peso alla cosa.» Peccato che l'equipe non abbia dato peso nemmeno a ciò che si configurerebbe come violazione dell'obbligo di vigilanza da parte di chi, per ordine del Tribunale, doveva appunto rimediare alla presunta incapacità della mamma di "occuparsi del figlio in modo adeguato".

Quando il ragazzino ha rivelato tutto anche alla mamma, lei ha preteso spiegazioni e ha sporto denuncia (respinta in quanto presentata oltre i termini di legge). «Ma inspiegabilmente da allora,» rivela l'avvocato #Francesco-Miraglia, «i Servizi sociali hanno deciso di spostare il ragazzino in una nuova comunità educativa, asserendo che il bambino non voglia rimanere con la mamma e che manifesti disagio al rientro dai fine settimana trascorsi insieme. Guarda caso, appena la madre ha messo in dubbio l'operato degli educatori, il bambino non sta più bene con lei. In questi anni di comunità numerose volte il figlioletto era comparso coperto di lividi e morsi ed era dovuto ricorrere alle cure del pronto soccorso per fratture e contusioni.

Alle domande della donna, gli operatori hanno sempre risposto che si era fatto male a causa della sua iperattività. Quando poi è emerso l'episodio di abuso da parte di un altro ragazzino, gli operatori si sono limitati a fare loro un discorso e a tenerli controllati. Come non bastasse, il ragazzino che è stato diagnosticato iperattivo, è stato messo sotto terapia farmacologica con il Ritalin, come se non si volesse vedere il problema che crea il reale disagio di questo minore.»

Per questi motivi il Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani ha deciso di manifestare mercoledì 14 agosto davanti alla Casa ai Colli di Padova, dove è in cura Giulio e luogo di somministrazione della terapia farmacologica.

Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani
https://www.ccdu.org/contatti

#iostoconibambinistrappati #nonsolobibbiano #ccdu

Source by CCDU


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Strappat...comunità
from: ladysilvia
by: Bocconi
from: ladysilvia
by: Apple