La nostra strada - ad Alice nella città il 26/10: lo sguardo poetico di Li Donni sull'abbandono scolastico e sull'adolescenza

Giovedì
10:00:18
Ottobre
24 2019

La nostra strada - ad Alice nella città il 26/10: lo sguardo poetico di Li Donni sull'abbandono scolastico e sull'adolescenza

LA NOSTRA STRADA (Work in progress, titolo provvisorio)
Il nuovo film di Pierfrancesco Li Donni sull’abbandono scolastico e sull’adolescenza nelle periferie urbane

Evento Speciale Panorama Italia - work in progress
Alice nella città - Festa del Cinema di Roma
26 ottobre, ore 17
Sala Fioretta
Auditorium Parco della Musica

View 1.8K

word 950 read time 4 minutes, 45 Seconds

Sogni e speranze, disincanto e accettazione: i poli opposti che delimitano la dimensione dell'adolescenza in una periferia palermitana, sullo sfondo dell'attualissimo e drammatico problema dell'abbandono scolastico.

È La nostra strada, il nuovo film - ancora work in progress e dal titolo provvisorio - del regista e documentarista Pierfrancesco Li Donni, in programma il 26 ottobre  ad Alice nella città, la sezione autonoma e parallela della Festa del Cinema di Romadedicata alle giovani generazioni. La pellicola è prodotta da Ladoc con il contributo diSiae - Dalla parte di chi crea e con il sostegno della Sicilia Film Commission nell'ambito del progetto Sensi Contemporanei.

A 4 anni di distanza da Loro di Napoli (vincitore come miglior film italiano al Festival dei Popoli, del premio Télérama al FIPA di Biarritz e del Docs MX di Città del Messico), il regista palermitano rimette al centro del proprio sguardo un'altra periferia, questa volta quella palermitana, attraverso il "pedinamento zavattiniano" di alcuni adolescenti che abitano il quartiere Zisa, durante il loro ultimo anno alle scuole medie inferiori. Un anno di passaggio, dominato dal cambiamento e dall'incertezza, in cui i ragazzi si affacciano all'adolescenza andando in cerca della loro strada, in un quartiere popolare dove la disoccupazione tocca punte del 50%, la dispersione scolastica raggiunge picchi dell'8% e dove molti dei loro coetanei lasciano gli studi una volta raggiunta l'età dell'obbligo scolastico.

Nel solco dell'attenzione verso gli invisibili che segna tanto cinema di Ken Loach, dei fratelli Dardenne, di Leonardo Di Costanzo Li Donni riesce a dare voce con grande sensibilità a un universo troppo spesso schiacciato dalle narrazioni legate alla mafia e alla cronaca nera e che, invece, produce un immaginario che, nelle sue estensioni più profonde, si ricongiunge a quello di tutte le città, di tutte le periferie, di tutti i conflitti. Con piglio dickensiano, il regista indaga volti e mestieri, restituisce vita e identità a ciò che normalmente consideriamo numeri e statistiche, e racconta il quartiere Zisa nella sua reale complessità: un microcosmo a tratti surreale in cui, fra palazzi dei primi del 900 mai restaurati e balconi intasati da antenne paraboliche, si aprono campi di allevamento di pecore e cavalli, e in cui si può ancora consumare l'arcaico rituale, illegale ma tollerato, della "vampata" di San Giuseppe.

Il regista parte dal mondo della scuola e dalle lezioni del professor Mannara-ogni mattina prova a scuotere i suoi studenti e a dare loro nuovi stimoli, inventando lezioni aperte e partecipate, che più che lezioni di italiano sono lezioni di vita - per raccontare storie di singoli, entrando nelle loro case abitate da famiglie troppo impegnate a tirare avanti per dare le giuste attenzioni ai propri ragazzi. È il quotidiano di adolescenti stretti fra la necessità di sognare fughe dal quartiere e di costruire un futuro migliore e l'accettazione cinica di un destino già segnato, in cui, a volte, il sogno viene mortificato prima ancora di prendere forma. Una sorta di "romanzo di formazione" in cui però questi poco più che bambini spesso ragionano già da adulti, in un quartiere che detiene il record cittadino di minori segnalati per reati, dove la scuola viene vissuta dalla maggior parte di adulti e ragazzi come un impedimento al lavoro. Una realtà lacerata dall'odio di classe e dalla crisi economica che rende fragile il diritto allo studio e non riesce ad arginare il lavoro minorile. Dove, come lo stesso autore di Inchiesta a PalermoDanilo Dolci dichiarava decenni fa "ciascuno cresce solo se sognato". E dove, nonostante Dolci, ancora oggi i bambini della Zisa non sono stati sognati abbastanza.

Sinossi

L'ultimo anno delle medie per quattro ragazzi di Palermo è dominato dal cambiamento e dall'incertezza. Il quartiere dove vivono è una gabbia ma a tredici anni la vita è un'avventura da attraversare. Tra la scuola e il lavoro, i primi amori e la famiglia, Daniel, Morena, Desirée e Simone si affacciano all'adolescenza andando in cerca della loro strada.

Biografia

Pierfrancesco Li Donni esordisce alla regia nel 2012 con il documentario Il Secondo Tempoe l'anno dopo realizza il corto documentario Sempre Vivi: entrambi raccontano gli anni delle stragi di mafia a Palermo. Loro di Napoli (2015), il suo secondo lungometraggio documentario, è vincitore del miglior film italiano al Festival dei Popoli, del premio Télérama al FIPA di Biarritz, del Docs MX di Città del Messico). In seguito, realizza il film breve Massimino (Premio Zavattini 2017). Come filmmaker ha collaborato con Repubblica Tv e realizzato spot pubblicitari per Rai per il Sociale e Fox4dev. Insegna filmmaking in corsi di formazione professionali. È tutor didattico del corso di regia del documentario al Centro Sperimentale di Cinematografia-Sede Sicilia.

LA NOSTRA STRADA
(Work in progress, titolo provvisorio)

Alice nella città - Festa del Cinema di Roma

26 ottobre, ore 17 
Sala Fioretta
Auditorium Parco della Musica

Paese: Italia

Anno: 2019
Durata: 70'
Lingua originale: Italiano
Genere: Documentario

Crediti

Regia e sceneggiatura

Pierfrancesco Li Donni

Fotografia

Pierfrancesco Li Donni, Ruben Monterosso

Montaggio

Matteo Gherardini

Produttore

Lorenzo Cioffi

Società di produzione 

Ladoc

Distribuzione internazionale

Silvia Angrisani

In foto in senso orario: Desiree, Morena, Daniel, Simone

"C'era una generosità civile nella scuola pubblica, gratuita che permetteva a uno come me di imparare. Ci ero cresciuto dentro e non mi accorgevo dello sforzo di una società per mettere in pratica il compito. L'istruzione dava importanza a noi poveri. I ricchi si sarebbero istruiti comunque. La scuola dava peso a chi non ne aveva, faceva uguaglianza. Non aboliva la miseria, e però tra le sue mura permetteva il pari. Il dispari cominciava fuori."
Erri De Luca

Source by Redazione


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / La nostr...olescenza