Rimane poco tempo: fermiamo il DDL Zan-Scalfarotto

Martedì
18:37:38
Luglio
07 2020

Rimane poco tempo: fermiamo il DDL Zan-Scalfarotto

View 7.2K

word 746 read time 3 minutes, 43 Seconds

Diamo Voce a questa petizione che mira a liberarci dal bavaglio che intendono mettere alla libertà di espressione.

La lobby LGBTQ sta approfittando della situazione di confusione dovuta dalla pandemia per far passare una legge che vorrebbe introdurre il "reato d'opinione" su temi delicatissimi come affettività, sessualità, educazione, famiglia e persino libertà religiosa.

Gli attivisti LGBTQ stanno facendo una pressione incredibile sulla Commissione Giustizia per velocizzare l'iter del #DDL #Zan-Scalfarotto, affinché venga approvata al più presto la legge sull'omotransfobia, definita dalla Conferenza Episcopale Italiana come una legge che aprirebbe a «derive liberticide».

Sanno benissimo che il mio e il tuo intervento possono cambiare veramente le cose.

Il codice penale italiano applica pene severe per chiunque compia atti di violenza nei confronti di una persona, indipendentemente da ciò che la caratterizza e qualifica. Vogliono farci credere che questo non valga per le persone omosessuali o transessuali, ma è una menzogna! L'unico scopo di questa legge è quello di voler imbavagliare le coscienze su temi fondamentali, per poi introdurre le associazioni LGBTQ nelle scuole per educare i nostri figli all'ideologia gender impedendo a chiunque di ribellarsi. Chi lo farà sarà considerato un omofobo e rischierà fino a 6 anni di carcere!

Io e te non possiamo permettere che tutto ciò accada.

Firma qui la petizione e condividila coi tuoi amici!
https://citizengo....pdl-zan-scalfarotto

MANIFESTO PER LA LIBERTA’ DI ESPRESSIONE

FERMIAMO IL PROGETTO DI LEGGE ZAN-SCALFAROTTO-BOLDRINI SU OMOFOBIA



È in discussione presso la Camera dei Deputati un pacchetto di proposte di legge presentate dai deputati Zan (PD), Scalfarotto (Italia Viva- Renzi), Boldrini (PD ex LEU) e altri, che mira a introdurre pesanti sanzioni penali per i colpevoli del reato di “omofobia”.

Il rispetto per le persone indipendentemente dal loro orientamento sessuale

La persona umana, indipendentemente dal proprio orientamento sessuale, merita sempre ogni rispetto. Le persone con orientamento omosessuale, come qualsiasi altro essere umano, già oggi sono ampiamente tutelate dalla normativa vigente che ne protegge onore, decoro, integrità fisica e psicologica, punendo severamente qualsivoglia delitto, anche applicando le aggravanti previste dal Codice Penale come ad esempio l’aver agito per motivi futili o abietti ovvero con crudeltà. Recenti sentenze hanno comminato pene esemplari (fino a dieci anni di reclusione) a delinquenti che si sono resi colpevoli di condotte violente in odio a persone per il solo fatto di avere orientamento sessuale differente. La normativa dunque è già completa ed efficace. Ogni riforma finalizzata a dividere le persone in categorie, proteggendone alcune più di altre, finirebbe inevitabilmente per creare e acuire quelle discriminazioni che dice di voler combattere.

L’Italia è un paese tollerante e inclusivo

L’Italia non è affatto un paese omofobo, ma tollerante e inclusivo: i casi di aggressione esplicitamente provocata da motivi di discriminazione dell'orientamento sessuale sono fortunatamente pochissimi, contando 66 denunce in due anni, come rappresentato dal dipartimento interforze anti-discriminazioni (OSCAD). Le persone con orientamento omosessuale rivestono incarichi molto importanti nella politica, nel mondo della moda, del cinema, della cultura e in ogni altro ambito del mondo imprenditoriale e, più in generale, della società: tutto ciò a riprova che la cultura del nostro Paese è concretamente anti-discriminatoria.

Il vero obbiettivo: limitare la libertà di pensiero e opinione

Il gravissimo pericolo che il disegno di legge propone è la limitazione della libertà di pensiero, introducendo una fattispecie di “reato d’opinione”, inaccettabile per qualsiasi società democratica. La nostra Costituzione e la Carta dei Diritti Fondamentali della U.E. garantiscono e tutelano principi fondamentali per la democrazia: la libertà di pensiero, di parola, di riunione, di associazione, di religione, di educazione e di insegnamento. Se queste norme diventeranno legge, le ricadute sul piano sociale saranno caratterizzate da un clima di repressione antidemocratica dell’espressione e della manifestazione del pensiero su un tema, affettività e sessualità, che per sua natura è caratterizzato dal lasciare ampio spazio a visioni soggettive e personali. A semplice scopo esemplificativo:

Non si potrà manifestare dissenso alla pratica della gestazione per altri;
Non si potrà affermare che ogni bimbo ha diritto a mamma e papà;
Non si potrà dichiarare personale dissenso all’ideologia Gender;
Non si potranno praticare e manifestare pubblicamente opzioni religiose che, nel doveroso rispetto delle persone, sono in chiaro dissenso rispetto alla condotta omosessuale ed invitano a non praticarla.

Cosa chiediamo?

Chiediamo che sia fermato l’iter parlamentare di queste proposte di legge, in quanto la loro approvazione costituirebbe un grave attacco a molte delle libertà costituzionalmente garantite ad ogni cittadino, introducendo un “reato d’opinione” inaccettabile per uno stato democratico

FIRMA IL MANIFESTO
https://citizengo....pdl-zan-scalfarotto

Source by Redazione


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Rimane p...alfarotto