Attentato in Cecenia, almeno 32 morti allo Stadio - muore il presidente filo-russo della Cecenia

Lunedì
10:17:47
Maggio
10 2004

Attentato in Cecenia, almeno 32 morti allo Stadio - muore il presidente filo-russo della Cecenia

View 134.4K

word 484 read time 2 minutes, 25 Seconds

MOSCA - È stato un attentato in diretta, ripreso dalla televisione cecena nello stadio Dinamo di Grozny,

Fra le vittime il presidente filo-russo della Cecenia, Akhmad Kadyrov. Gravissimi il generale Valery Baranov, comandante delle truppe russe in Cecenia, che ha perso una gamba, e Khussain Issayev, presidente del Consiglio di Stato ceceno.

La strage non è stata rivendicata, ma il ministero della difesa ha subito accusato la guerriglia separatista. Fonti dell’amministrazione presidenziale a Grozny hanno detto di ritenere che sia opera del Battaglione dei Martiri di Shamil Basaiev, autore della maggior parte dei recenti attentati nel Caucaso e nel resto della Federazione, compreso quello alla metropolitana di Mosca che lo scorso febbraio fece 30 morti. Sedici persone sono state fermate.

Dalle prime ricostruzioni degli investigatori, coordinati dal vice procuratore generale russo Serghei Fridinsky inviato da Mosca, è intanto emerso che gli attentatori - approfittando dei lavori di ristrutturazione dello stadio conclusi alla vigilia della tragica parata - erano riusciti da tempo a collocare l’ordigno (forse una mina) nell’intercapedine sotto il pavimento della tribuna, prima che venisse cementata. Tra le macerie, è stato scoperto un frammento di filo elettrico ricoperto di calce fresca che sarebbe servito a far detonare a distanza l’ordigno.
Ma è stato scoperto anche un secondo ordigno - un proiettile di artiglieria collegato a un timer - che nelle intenzioni degli attentatori sarebbe dovuto esplodere a un intervallo di venti minuti, provocando una strage tra i soccorritori delle vittime della prima esplosione. Per motivi da accertare, il timer non ha pero' funzionato, scongiurando una strage ancor più sanguinosa.

Guidate dai due vice ministri degli interni russi Vyacheslav Tikhomirov e Mikhail Pankov, giunti da Mosca a Grozny con un gruppo di investigatori ''altamente qualificati'', le indagini hanno portato al fermo iniziale di 16 persone, che in gran parte sono state poi rilasciate. Si è trattato, a quanto si è appreso, di persone che si trovavano nello stadio al momento dell’esplosione o di operai che avevano preso parte ai lavori di ristrutturazione del complesso sportivo.

Per almeno cinque sospettati, sottoposti da ore a interrogatorio per ''accertare la portata del loro coinvolgimento nell’esplosionè', è stato pero' confermato il fermo.

''Sfortunatamente abbiamo sottovalutato le capacita' di coloro che vogliono destabilizzare la Cecenia'', hanno ammesso fonti dei servizi di sicurezza del governo filo-russo di Grozny.

l’ira di Putin  
Valdimir Putin, che ha ricevuto al Cremlino-  Ramzan, figlio di Kadyrov e direttore delle forze di sicurezza cecene, ha tuonato: "La giustizia avrà la meglio, e le punizione dei responsabili sarà inevitabile". Ma sostituire Kadyrov a capo della Cecenia non sarà compito facile.  

Per ora, il premier ceceno Sergei Abramov è stato nominato dal Cremlino presidente ad interim della Repubblica cecena, in base all’articolo 76 della Costituzione; Putin lo ha invitato a portare avanti le riforme intraprese da Kadyrov, ed ha promesso, "puniremo i responsabili"

ANSA/TG5/UNITA'/RAI

Source by PRESS


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Attentat...a Cecenia