Gli ambasciatori presso l'UE approvano l'aggiornamento della normativa sull'accesso alla giustizia in materia ambientale (regolamento Aarhus)

Venerdì
12:37:35
Luglio
23 2021

Gli ambasciatori presso l'UE approvano l'aggiornamento della normativa sull'accesso alla giustizia in materia ambientale (regolamento Aarhus)

Tamara Weingerl Požar, rappresentante permanente aggiunta della Slovenia presso l'UE

View 835

word 834 read time 4 minutes, 10 Seconds

Gli ambasciatori presso l'UE hanno approvato oggi un accordo politico provvisorio raggiunto con il Parlamento europeo il 12 luglio su una proposta di revisione del regolamento Aarhus, al fine di renderlo pienamente conforme alla convenzione di Aarhus. Tale regolamento stabilisce le modalità di attuazione, da parte dell'UE e dei suoi Stati membri, della convenzione internazionale di Aarhus, che mira a garantire l'accesso alle informazioni, la partecipazione del pubblico ai processi decisionali e l'accesso alla giustizia in materia ambientale. L'accordo provvisorio è soggetto all'approvazione di entrambe le istituzioni, dopodiché sarà adottato formalmente secondo la procedura legislativa ordinaria.

L'UE e i suoi Stati membri sono fortemente impegnati a favore dei principi della convenzione di Aarhus. L'accordo raggiunto risponde alle preoccupazioni espresse dal comitato di controllo dell'osservanza della convenzione di Aarhus nella causa pertinente e ci fornisce una base solida per presentare la nostra posizione unitaria alla riunione delle parti della convenzione di Aarhus dell'ottobre 2021.Tamara Weingerl Požar, rappresentante permanente aggiunta della Slovenia presso l'UE

L'obiettivo della proposta è garantire che l'UE rispetti pienamente la convenzione per quanto riguarda il diritto del pubblico di controllare gli atti amministrativi. Si tratta di atti non legislativi adottati da un'istituzione o da un organo dell'UE che hanno effetti giuridici ed esterni e contengono disposizioni che, a causa dei loro effetti, possono violare il diritto ambientale.

I negoziatori del Consiglio e del Parlamento hanno convenuto tra l'altro:

  • di ampliare la legittimazione ad agire al di là delle ONG, consentendo così ad altri membri del pubblico di chiedere, a determinate condizioni, il riesame interno di atti amministrativi. I membri del pubblico saranno tenuti a dimostrare un pregiudizio ai loro diritti causato dalla presunta violazione del diritto ambientale e di essere direttamente interessati da tale pregiudizio rispetto al pubblico in generale; o ancora saranno tenuti a dimostrare che la richiesta è giustificata da un interesse pubblico sufficiente ed è sostenuta da almeno 4000 membri del pubblico residenti o stabiliti in almeno 5 Stati membri, con almeno 250 di essi residenti o stabiliti in ciascuno di tali Stati membri. In entrambi i casi i membri del pubblico sono rappresentati da una ONG o da un avvocato;
  • di includere nell'ambito di applicazione degli atti amministrativi disposizioni di atti amministrativi che richiedono misure di esecuzione a livello nazionale o dell'Unione;
  • di non sopprimere dal regolamento l'esenzione degli atti amministrativi relativi agli aiuti di Stato (una questione di conformità oggetto di un'altra causa intentata dal comitato di controllo dell'osservanza della convenzione di Aarhus);
  • di rendere obbligatoria la pubblicazione, da parte delle istituzioni e degli organi dell'UE, delle richieste di riesame e delle relative decisioni.

Informazioni generali e prossime tappe

L'UE attua la convenzione di Aarhus tramite il regolamento (CE) n. 1367/2006, che consente agli individui e alle organizzazioni non governative (ONG) di avviare ricorsi dinanzi agli organi giurisdizionali europei nei confronti delle decisioni delle istituzioni e degli organi dell'UE.

A seguito di una denuncia presentata nel 2008 da una ONG, secondo la quale l'UE non ha rispettato la convenzione di Aarhus sull'accesso alle informazioni, la partecipazione del pubblico ai processi decisionali e l'accesso alla giustizia in materia ambientale, il comitato di controllo dell'osservanza della convenzione di Aarhus ha stabilito, in relazione alla causa C-32 del 2017, la mancata osservanza da parte dell'UE dell'articolo 9, paragrafi 3 e 4, della convenzione sull'accesso del pubblico alla giustizia.

A titolo di seguito, nel 2018 il Consiglio ha adottato una decisione con cui chiedeva alla Commissione di presentare uno studio sulle opzioni a disposizione dell'Unione per rispondere alle conclusioni del comitato di controllo dell'osservanza e una proposta di modifica del regolamento Aarhus, se opportuno sulla scorta dei risultati del suddetto studio.

Il 14 ottobre 2020 la Commissione europea ha adottato una proposta legislativa di modifica del regolamento Aarhus n. 1367/2006 per consentire un migliore controllo pubblico degli atti dell'UE che incidono sull'ambiente. Le modifiche proposte sono intese a semplificare la richiesta di riesame di tali atti da parte delle istituzioni dell'UE al fine di garantire meglio la tutela ambientale.

Il Consiglio ha raggiunto un orientamento generale sulla proposta il 17 dicembre 2020, consentendo alla presidenza del Consiglio di avviare i negoziati a livello di trilogo con il Parlamento europeo.

Il testo dell'accordo provvisorio, approvato dagli ambasciatori degli Stati membri, sarà ora sottoposto all'approvazione della commissione per l'ambiente del Parlamento. In caso di approvazione, il Parlamento europeo e il Consiglio adotteranno il testo in prima lettura senza emendamenti nei prossimi mesi.


Source by consiliumeuropeanunion


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Gli amba...o Aarhus)