Certificato Verde: COVID-19: viaggi all'interno dell'UE

Martedì
16:16:46
Agosto
10 2021

Certificato Verde: COVID-19: viaggi all'interno dell'UE

View 4.8K

word 1.6K read time 8 minutes, 6 Seconds

1º luglio: al via il certificato COVID digitale UE

Dal 1º luglio 2021 il certificato COVID digitale UE è disponibile e attivo in tutta l'Unione.

Il certificato permette di viaggiare più facilmente in tutti i paesi dell'UE poiché dimostra che si è vaccinati, provvisti di un test negativo o guariti dalla COVID-19. È gratuito e riconosciuto in tutti i 27 Stati membri dell'UE, oltre che in Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera.

Per assicurare un approccio coordinato e alla luce degli ultimi sviluppi, il 14 giugno 2021 il Consiglio ha adottato una raccomandazione aggiornata sulle misure contro la COVID-19 per i viaggi nell'UE, che prevede norme specifiche per i titolari di certificati di vaccinazione e le persone guarite dalla COVID-19.

  1. Certificato COVID digitale UE: come funziona (informazioni generali) https://www.consil...-covid-certificate/
  2. COVID-19: il Consiglio aggiorna la raccomandazione sulla limitazione della libertà di circolazione (comunicato stampa, 14 giugno 2021) https://www.consil...ement-restrictions/

Dall'inizio della pandemia gli Stati membri hanno adottato varie misure intese a proteggere la salute pubblica, alcune delle quali hanno avuto un impatto significativo sulla libera circolazione delle persone, come l'introduzione di controlli alle frontiere interne o di restrizioni di viaggio all'interno dell'UE.

La decisione di introdurre o meno restrizioni alla libera circolazione per tutelare la salute pubblica rimane di competenza degli Stati membri. Al fine di evitare la frammentazione e l'interruzione dei servizi e garantire la trasparenza e la prevedibilità per i cittadini e le imprese, il Consiglio si sta adoperando per garantire coordinamento tra i paesi UE.

Questa pagina contiene maggiori informazioni su quanto fatto dall'UE per agevolare i viaggi:

  1. come funziona il certificato COVID digitale UE
  2. la raccomandazione del Consiglio sui viaggi all'interno dell'UE
  3. come pianificare i propri viaggi con l'aiuto del sito web e dell'app "Re-open EU"
  4. i diritti dei passeggeri durante la pandemia di COVID-19
  5. app di tracciamento dei contatti a livello transfrontaliero

Certificato COVID digitale UE

Il certificato COVID digitale UE agevola la libera circolazione in condizioni di sicurezza durante la pandemia di COVID-19. Il certificato, disponibile in formato digitale e cartaceo, dimostra che una persona:

  1. è stata vaccinata contro la COVID-19
  2. è risultata negativa al test
  3. o è guarita dalla COVID-19

Il certificato è utilizzato a partire dal 1º luglio 2021 ed è valido in tutti i 27 paesi dell'UE, oltre che in Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera. Disporre del certificato non costituisce una condizione preliminare per l'esercizio dei diritti di libera circolazione e non è un documento di viaggio.

Il certificato è rilasciato gratuitamente dalle autorità nazionali.

Per maggiori informazioni:

  1. Certificato COVID digitale UE: come funziona (informazioni generali) https://www.consil...-covid-certificate/

COVID-19: un approccio europeo coordinato alle misure sui viaggi

Raccomandazione del Consiglio sulle misure in materia di viaggi all'interno dell'UE

Il Consiglio ha adottato una raccomandazione che stabilisce criteri comuni e un quadro comune per le misure concernenti i viaggi in risposta alla pandemia di COVID-19. La raccomandazione aiuta gli Stati membri a prendere decisioni in base alla situazione epidemiologica regione per regione.

La raccomandazione, adottata il 13 ottobre 2020, è stata aggiornata da ultimo il 14 giugno 2021, tenendo conto dell'evoluzione della situazione epidemiologica, delle campagne di vaccinazione in corso e dell'adozione del certificato COVID digitale UE.

Criteri comuni, codici cromatici e quadro comune

Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) elabora settimanalmente una mappa con un codice cromatico comune, suddivisa per regione, con i dati forniti dagli Stati membri sulla base dei seguenti criteri comuni:

  1. numero di casi per 100 000 abitanti registrati nei 14 giorni precedenti
  2. numero di test per 100 000 abitanti effettuati nell'ultima settimana (tasso di test effettuati)
  3. percentuale di test positivi effettuati nell'ultima settimana (tasso di positività ai test)

I paesi dell'UE hanno concordato quattro categorie di zone di rischio:

  1. verde
  2. arancione
  3. rosso
  4. rosso scuro

La raccomandazione include due criteri aggiuntivi di cui gli Stati membri dovrebbero tener conto nel valutare se limitare la libera circolazione: la copertura vaccinale e la prevalenza di varianti di COVID-19 che destano preoccupazione o interesse.

I paesi dell'UE hanno inoltre concordato un quadro comune per le possibili misure da applicare ai viaggiatori. Ai sensi della raccomandazione aggiornata, gli Stati membri dovrebbero:

  1. scoraggiare decisamente tutti i viaggi non essenziali da e verso le zone rosso scuro
  2. imporre ai viaggiatori provenienti dalle zone rosso scuro di disporre di un certificato di test negativo e di sottoporsi a quarantena/autoisolamento
  3. applicare le stesse misure delle zone rosso scuro alle zone con un'elevata prevalenza di varianti di COVID-19 che destano preoccupazione o interesse
  4. imporre ai viaggiatori provenienti dalle zone arancioni o rosse di disporre di un certificato di test negativo
  5. esonerare i bambini di età inferiore ai 12 anni dall'obbligo di sottoporsi a test
  6. esonerare i bambini e i giovani di età inferiore ai 18 anni dall'obbligo di sottoporsi a quarantena/autoisolamento se la persona che li accompagna non è soggetta a tale obbligo

Persone vaccinate e guarite

I viaggiatori non dovrebbero essere soggetti all'obbligo di sottoporsi a test o a quarantena/autoisolamento se sono in grado di dimostrare che:

  1. sono stati completamente vaccinati con un vaccino contro la COVID-19 approvato dall'UE
  2. hanno ricevuto l'ultima dose raccomandata di vaccino contro la COVID-19 almeno 14 giorni prima dell'arrivo

o

  1. sono guariti dalla COVID-19
  2. sono trascorsi meno di 180 giorni dalla data del risultato positivo del test

Freno di emergenza

In caso di rapido deterioramento della situazione epidemiologica in una regione, in particolare a causa di un'elevata prevalenza di varianti che destano preoccupazione o interesse, gli Stati membri potrebbero attivare un freno di emergenza.

  1. COVID-19: il Consiglio adotta una raccomandazione per coordinare le misure che incidono sulla libera circolazione (comunicato stampa, 13 ottobre 2020) https://www.consil...ting-free-movement/
  2. COVID-19: il Consiglio aggiorna la raccomandazione sulla limitazione della libertà di circolazione (comunicato stampa, 14 giugno 2021) https://www.consil...ement-restrictions/
  3. Mappa settimanale con codici colore (sito web dell'ECDC) https://www.ecdc.e...ction-free-movement


Cos'è il certificato COVID digitale UE?

Tutti i cittadini dell'UE

  1. vaccinati
  2. provvisti di test negativo
  3. guariti dalla COVID-19

sono in grado di dimostrarlo grazie a un certificato digitale chiamato certificato COVID digitale UE.

Il certificato è rilasciato gratuitamente dalle autorità nazionali e riconosciuto da tutti i 27 Stati membri dell'UE così come da Svizzera, Islanda, Norvegia e Liechtenstein.

Il certificato, disponibile in lingua nazionale e in inglese, si compone di un codice QR visualizzato su un dispositivo (ad es. smartphone o tablet) oppure stampato, e di una firma digitale verificata tramite il gateway dell'UE.

Da quando è attivo il certificato COVID digitale UE?

Il certificato è attivo dal 1º luglio 2021 ed è gratuito. Il sistema è operativo per 12 mesi a decorrere dal 1º luglio.

Qualora un paese non sia pronto a rilasciare il certificato in tale data, è previsto un periodo di transizione di sei settimane, durante il quale si possono ancora utilizzare altri formati che dovrebbero essere accettati anche in altri paesi dell'UE.

In che modo il certificato COVID digitale UE facilita i viaggi all'interno dell'UE?

Grazie al certificato si può viaggiare più facilmente all'interno dell'UE in condizioni di sicurezza dimostrando che si è vaccinati, provvisti di un test negativo o guariti dalla COVID-19.

Il certificato COVID digitale UE ha un processo di verifica rapido e contribuisce a prevenire l'utilizzo di certificati falsi in tutta l'UE.

Il certificato da solo non è un documento di viaggio. Non è sufficiente per viaggiare e si ha infatti sempre bisogno del passaporto o di un'altra forma di identificazione.

Inoltre, per viaggiare non è necessario disporre del certificato, ma averlo dovrebbe facilitare le cose. Il certificato COVID digitale UE dovrebbe, in linea di principio, comportare l'esenzione dal test o dalla quarantena.

Come ottenere il proprio certificato COVID digitale UE?

Esistono tre modi per ottenere un certificato COVID digitale UE:

  1. vaccinazione: si è stati vaccinati con un qualsiasi vaccino contro la COVID-19
  2. guarigione da un'infezione da SARS-CoV-2: sono trascorsi meno di 180 giorni dalla data del risultato positivo del test (PCR)
  3. test risultato negativo alla COVID-19: ci si è sottoposti a un test risultato negativo (PCR o antigenico rapido)

Attenzione: fra i test riconosciuti nell'ambito del certificato figurano i test di amplificazione dell'acido nucleico (NAAT), come i test RT-PCR e i test antigenici rapidi. I viaggiatori dovrebbero sempre verificare le norme applicabili, vale a dire quali test sono accettati per non essere soggetti alle restrizioni alla libera circolazione nei punti di transito e di destinazione. Il test sugli anticorpi non è riconosciuto, anche se le cose potrebbero cambiare una volta che il sistema entrerà in funzione.

I cittadini dell'UE che si sono vaccinati in un paese terzo possono richiedere il certificato COVID digitale UE allo Stato membro di cui hanno la cittadinanza o in cui risiedono. Per ulteriori informazioni, rivolgersi al proprio Stato membro di cittadinanza o di residenza.

Quali dati contiene il certificato? I dati sono sicuri?

Le informazioni contenute nel certificato COVID digitale UE si limitano a:

  1. nome
  2. data di nascita
  3. data di emissione
  4. informazioni su vaccino/test/guarigione
  5. identificatore unico

I dati rimangono sul certificato e non vengono memorizzati né conservati durante la verifica del certificato tramite il codice QR o i controlli effettuati dal personale.

Tutti gli altri dati sanitari restano in possesso dell'autorità nazionale che ha rilasciato il certificato COVID digitale UE.

Quali sono le misure in materia di viaggi per chi possiede il certificato COVID digitale UE?

I titolari di un certificato COVID digitale UE in corso di validità non dovrebbero in linea di principio essere sottoposti a test o quarantena quando viaggiano all'interno dell'UE.

I paesi dell'UE devono accettare i certificati di vaccinazione solo per i vaccini che hanno ricevuto l'autorizzazione all'immissione in commercio nell'UE. I paesi possono decidere di estendere questo criterio anche ai viaggiatori dell'UE che hanno ricevuto un altro vaccino.

Per maggiori informazioni, prima di partire, consulta il sito web o l'app Re-open EU o le autorità nazionalidel paese in cui ti stai recando.

Per aiutare i paesi dell'UE a introdurre misure coordinate per proteggere la salute pubblica, nel rispetto della libertà di circolazione nell'UE, il Consiglio ha adottato una raccomandazione aggiornata sui viaggi all'interno dell'UE. La raccomandazione contiene, tra l'altro, disposizioni relative a soglie comuni quando si prendono in esame restrizioni alla libera circolazione per motivi di salute pubblica e un quadro comune riguardante eventuali misure per i viaggiatori provenienti da zone a più alto rischio.

Source by consiliumeuropeanunion


LSNN is an independent publisher that relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources. LSNN is the longest-lived portal in the world, thanks to the commitment we dedicate to the promotion of authors and the value given to important topics such as ideas, human rights, art, creativity, the environment, entertainment, Welfare, Minori, on the side of freedom of expression in the world «make us a team» and we want you to know that you are precious!

Dissemination* is the key to our success, and we've been doing it well since 1999. Transparent communication and targeted action have been the pillars of our success. Effective communication, action aimed at exclusive promotion, has made artists, ideas and important projects take off. Our commitment to maintain LSNN is enormous and your contribution is crucial, to continue growing together as a true team. Exclusive and valuable contents are our daily bread. Let us know you are with us! This is the wallet to contribute.

*Dissemination is the process of making scientific and technical information accessible to a non-specialist public. This can come through various forms, such as books, articles, lectures, television programs and science shows.


Similar Articles / Certific...o dell'UE