Martedì
02:49:15
Dicembre
28 2021

RTE-E: il Consiglio e il Parlamento raggiungono un accordo provvisorio sulle nuove norme relative ai progetti transfrontalieri nel settore dell'energia

View 780

word 844 read time 4 minutes, 13 Seconds

Gli ambasciatori presso l'UE hanno approvato oggi un accordo politico provvisorio sulla revisione del regolamento relativo alle reti transeuropee dell'energia (RTE-E), raggiunto il 15 dicembre tra la presidenza del Consiglio e i negoziatori del Parlamento europeo. Le nuove norme relative alle RTE-E sosterranno gli obiettivi climatici dell'UE e il Green Deal. L'accordo sarà ora adottato formalmente da entrambe le istituzioni.

L'accordo raggiunto garantisce che in futuro nessun nuovo progetto basato sui combustibili fossili riceva finanziamenti dal meccanismo per collegare l'Europa. Grazie all'accordo odierno investiremo in un futuro verde e climaticamente neutro che garantirà efficienza, competitività e sicurezza dell'approvvigionamento, senza lasciare indietro nessuno.

Jernej Vrtovec, ministro sloveno delle Infrastrutture

I negoziatori del Consiglio e del Parlamento hanno convenuto tra l'altro di:

  • porre termine al sostegno destinato a nuovi progetti relativi al petrolio e al gas naturale e introdurre criteri vincolanti di sostenibilità per tutti i progetti
  • semplificare e accelerare le procedure per il rilascio di permessi e autorizzazioni, in particolare creando un unico punto di contatto per ciascun progetto per il rilascio di permessi e autorizzazioni
  • consentire che, durante un periodo transitorio che terminerà il 31 dicembre 2029, gli attivi dedicati all'idrogeno convertiti a partire da impianti per il gas naturale siano utilizzati per trasportare o stoccare una miscela predefinita di idrogeno con gas naturale o biometano. L'ammissibilità all'assistenza finanziaria dell'UE per tali progetti terminerà il 31 dicembre 2027
  • consentire che i progetti che non figurano più nell'elenco dei progetti di interesse comune, ma per i quali è stato accettato un fascicolo di domanda per l'esame da parte dell'autorità competente, mantengano i loro diritti e obblighi in termini di rilascio più rapido dei permessi
  • nel caso di Cipro e Malta, che non sono ancora interconnessi con la rete transeuropea del gas, consentire che ciascuno di questi Stati membri abbia un'interconnessione in fase di sviluppo o di pianificazione a cui sia stato concesso lo status di progetto di interesse comune e che sia necessaria per garantire l'interconnessione permanente di Cipro e Malta con la rete transeuropea del gas
  • aggiungere un riferimento esplicito all'articolo 136 del regolamento finanziario dell'UE che elenca le situazioni in cui una persona o un'entità è esclusa dalla selezione per ricevere finanziamenti dell'UE, quali la frode, la corruzione o una condotta connessa a organizzazioni criminali
  • includere nell'ambito di applicazione del regolamento alcuni tipi di elettrolizzatori che hanno una capacità minima di 50 MW, fornita da un unico elettrolizzatore o da una serie di elettrolizzatori che costituiscano un unico progetto coordinato e che contribuiscano alla sostenibilità. Gli elettrolizzatori non saranno ammissibili al finanziamento
  • sottolineare il ruolo dell'energia proveniente da fonti rinnovabili per quanto riguarda tutti gli impianti, comprese le reti del gas intelligenti
  • creare la possibilità di una cooperazione non vincolante nel settore della pianificazione della rete offshore
  • rafforzare il processo di governance delle RTE-E con un ruolo più incisivo per i pertinenti portatori di interessi
  • includere nell'ambito di applicazione del regolamento progetti di interesse reciproco, laddove siano sostenibili e dimostrino benefici a livello dell'UE

Grazie al regolamento riveduto i nuovi progetti continueranno a rispondere agli obiettivi di integrazione del mercato, competitività e sicurezza dell'approvvigionamento. Questo regolamento continuerà a sostenere i progetti che connettono regioni attualmente isolate dai mercati dell'energia europei, che rafforzano le interconnessioni transfrontaliere esistenti e che promuovono la cooperazione con paesi terzi.

Informazioni generali e prossime tappe

La Commissione europea ha presentato la sua proposta relativa alla revisione del regolamento RTE-E il 15 dicembre 2020. La revisione del regolamento RTE-E individua 11 corridoi e 3 aree tematiche prioritari da sviluppare e interconnettere. Aggiorna le categorie di infrastrutture ammissibili al sostegno, con particolare attenzione alla decarbonizzazione, e pone un nuovo accento sulle reti elettriche offshore, le infrastrutture per l'idrogeno e le reti intelligenti. Lo si farà principalmente tramite progetti di interesse comune (PCI) ammissibili al finanziamento dal meccanismo per collegare l'Europa 2021-2027. L'elenco dei PCI è adottato dalla Commissione nella forma di un regolamento delegato basato su una valutazione dei cosiddetti gruppi regionali. I PCI beneficiano di una serie di vantaggi, ma non esiste alcuna garanzia di finanziamento dell'UE per i progetti inclusi nell'elenco dei PCI.

Il Consiglio ha raggiunto un orientamento generale sul fascicolo RTE-E l'11 giugno 2021. Il 15 dicembre 2021 la presidenza del Consiglio e i negoziatori del Parlamento europeo hanno raggiunto un accordo politico provvisorio sulla proposta durante i negoziati di trilogo. Il nuovo regolamento sarà ora formalmente adottato dal Consiglio e dal Parlamento europeo.

Source by consiliumeuropeanunion


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / RTE-E: i...l'energia
from: ladysilvia
by: UNIPR