Sabato
06:30:22
Febbraio
19 2022

Governo approva decreto con misure su filiera automotive

Giorgetti, “1 miliardo per prossimi 8 anni a sostegno riconversione filiera”

View 568

word 519 read time 2 minutes, 35 Seconds

E’ stato approvato dal Consiglio dei ministri il decreto legge che, oltre a introdurre nuove misure per contrastare l’aumento dei costi dell’energia per imprese e famiglie, interviene a sostegno della riconversione della filiera industriale dell’automotive con un fondo da 1 miliardo di euro all’anno per i prossimi 8 anni.

"Abbiamo approvato un provvedimento per accompagnare il processo di transizione di un settore molto importante sotto l'aspetto manifatturiero, sia per quanto riguarda la produzione diretta che l'indotto”, ha dichiarato il ministro Giancarlo Giorgetti nel corso della conferenza stampa con il presidente del Consiglio Mario Draghi.

"L'intervento pubblico è importante - ha aggiunto il ministro - ma l'iniziativa da parte privata lo è di più. E quindi questo serve a convincere tutti i soggetti della filiera a investire e affrontare questa sfida con a fianco lo Stato”.

Giorgetti ha inoltre annunciato che a breve intende presentare, insieme al ministro della Transizione ecologica, “un decreto incentivi per l'acquisto di auto ecologicamente compatibili, non solo elettriche", perché nella fase di transizione "dobbiamo considerare anche altre fonti, come l'ibrido".

Nel decreto è stato inserito anche un fondo per promuovere la ricerca e lo sviluppo della tecnologia dei microprocessori, la riconversione dei siti industriali esistenti e l'insediamento di nuovi stabilimenti sul territorio nazionale, importante per la sua strategicità, e che si rivolge agli “investitori non solo stranieri ma già esistenti sul territorio nazionale, che dovranno essere competitivi e offrire componenti fondamentali non solo per l'automotive ma per tantissimi altri strumenti fondamentali”, ha sottolineato Giorgetti.

Per finanziare l’intero pacchetto di interventi sul settore industriale dell’auto e sui costi legati all’aumento dei costi energetici, il governo ha stanziato complessivamente circa 8 miliardi di euro.

In particolare, con lo stanziamento di 6 miliardi di euro dedicato alle misure per il contrasto al caro bollette vengono rinnovati e ampliati anche per il secondo trimestre dell’anno gli interventi a favore delle filiere produttive come l’annullamento degli oneri di sistema, la riduzione dell’Iva sul gas al 5%, il credito d’imposta delle spese elettriche per le imprese energivore, la restituzione degli extraprofitti da fonti rinnovabili, mentre viene rafforzato il bonus sociale elettrico e gas.

Introdotte anche misure per portare a un livello di riempimento di almeno il 90% le capacità disponibili di stoccaggio, per potenziare in modo strutturale le produzioni di gas sul territorio nazionale, nonché accelerare le installazioni degli impianti delle rinnovabili. Previste inoltre risorse agli enti locali e alle regioni per fronteggiare i rincari delle bollette anche degli ospedali.

Su richiesta del ministro Giorgetti sono stati stanziati 100 milioni di euro a favore di impianti sportivi e piscine che sono stati particolarmente colpiti sia da emergenza Covid che dall’impatto dei costi dell’energia.

Nel decreto è stato infine inserito un pacchetto di norme su bonus edilizi e superbonus al 110%, in cui si prevede sia un rafforzamento delle sanzioni, al fine di evitare un uso distorto dell’incentivo, ma anche un ampliamento fino a tre volte della possibilità di cedere il credito tra istituti vigilati e con la presenza di un codice identificativo.

Source by MiSE


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Governo ...utomotive
from: ladysilvia
by: Senato