BERLUSCONI: RIDURREMO LE TASSE CON 3 ALIQUOTE - DECISA LA MANOVRA PER IL TAGLIO DELLE TASSE

Venerdì
23:59:44
Luglio
30 2004

BERLUSCONI: RIDURREMO LE TASSE CON 3 ALIQUOTE - DECISA LA MANOVRA PER IL TAGLIO DELLE TASSE

IL PREMIER,- NIENTE TAGLI; CALERA' LA DINAMICA DELLA SPESA CORRENTE

View 135.3K

word 2.0K read time 9 minutes, 51 Seconds

MANOVRA PER IL TAGLIO DELLE TASSE E PER l’ABBATIMENTO DEL DEFICIT DAL 4,4 AL 2,7%.

Sarà approvato un DPEF che apporterà le giuste correzioni per il 2005, e quanto afferma il consiglio dei Ministri... non saranno operati tagli, ma verrà eseguito un diminuendo che verrà applicata sulla dinamica della spesa corrente. Cercheremo anche con qualche intervento doloroso di modificare questa dinamica per restare al di sotto del 3% nel rapporto deficit/pil".
Lo afferma il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi che aggiunge: "La riforma fiscale prevedera' una no tax area fino a 7.500 euro e tre aliquote: 23% fino a una certa cifra, 33% e una del 39% per i redditi più alti. Si pensa di ridurre l’Irap per le imprese che fanno ricerca". Stasera dopo l’esame del Cipe è previsto il Consiglio dei Ministri. In mattinata è stato convertito il legge il decreto per il contenimento della spesa pubblica approvato defintivamente dal Senato ha avuto 151 voti a favore e 102 contrari.

La manovra correttiva avra' nel 2004 un effetto positivo sull’indebitamento per 7,5 miliardi, di cui 1,8 strutturali e 5,7 "una tantum". È poi previsto un aumento delle sigarette più economiche mentre tagli saranno operati per il Sud e le imprese per 1.250 milioni di cui 150 mln saranno 'tolti' dal bonus occupazione; 750 milioni verranno dal fondo per la legge 488 e per la programmazione negoziata; 250 milioni dai contratti di programma. La mannaia del governo cade anche sulla pubblica amministrazione: in tre anni saranno risparmiati 1,9 miliardi sulle spese di ministeri ed altri enti e le amministrazioni pubbliche sono invitate ad acquistare i beni tramite le aste on line della Consip.

A Regioni e Comuni verra' applicato il taglio del 10%, rispetto alla media dei due anni precedenti, delle spese per l’acquisto di beni e servizi. Restano esclusi gli enti locali "virtuosi" e cioè quelli che hanno rispettato gli obiettivi del patto di stabilita' interno, ma solo per le spese gia' impegnate.

IL TESTO DEL GOVERNO
La Presidenza del Consiglio dei Ministri comunica:

il Consiglio dei Ministri si è riunito Ieri, alle ore 20,45 a Palazzo Chigi, sotto la presidenza del Presidente, Silvio Berlusconi.

Segretario, il Sottosegretario di Stato alla Presidenza, Gianni Letta.
Il Consiglio dei Ministri ha esaminato e collegialmente condiviso il Documento di programmazione economica e finanziaria. Il documento indica tre direttrici per la politica economica:
- - un aggiustamento strutturale dei conti;
- - un rilancio della crescita;
- - una riduzione del debito sostenibile che accresca la credibilità della politica finanziaria.

L’aggiustamento necessario per riportare il deficit dal 4,4 per cento al 2,7 per cento nel 2005 è poco meno di due punti di PIL. Per la Pubblica Amministrazione si richiede, dunque, un aggiustamento di circa 24 miliardi.

In base agli accordi con la Commissione e l’Ecofin, non più di un terzo della correzione potrà consistere in misure una tantum, intorno a 7 miliardi di euro. I restanti 17 miliardi di euro di aggiustamento strutturale includono l’eventuale prolungamento delle misure di riduzione della spesa (previsto dal decreto-legge taglia-spese) e saranno principalmente concentrate sulla riduzione della spesa corrente. L’aggiustamento corregge il deficit tendenziale, non la situazione attuale. Peraltro, è impensabile che queste correzioni strutturali siano indolori; dunque occorrerà individuare misure economicamente non recessive e socialmente sostenibili. Scuola, sanità , sicurezza e servizi sociali non avranno a risentire della politica economica del Governo, che privilegia, anzi, la richiesta di protezione sociale.

La prudenza con la quale sono stati valutati i numeri del quadro macroeconomico conferma l’intento di ricercare, attraverso la credibilità , la condivisione del quadro. Qualora le aspettative rispondessero, com’è prevedibile, alla scossa della politica economica, sarebbe più che ragionevole attendersi un andamento della crescita anche migliore di quello indicato; ma in una misura che sarebbe oggi imprudente quantificare. Per quante strategie economiche elabori il Governo, i risultati dipenderanno infatti dall’agire di 60 milioni di persone, libere di scegliere e concorrere così allo sviluppo. E’ pertanto necessario il contributo di tutti: cittadini, famiglie, istituzioni, parti sociali, terzo settore, ciascuno nell’ambito dei propri compiti e responsabilità . Dai loro comportamenti dipende il successo del disegno governativo.

La riduzione del debito, infine, è indispensabile per generare appieno la spinta di cui l’economia italiana necessita e per rinforzarne la credibilità dei mercati finanziari, e non solo. L’avanzo primario dovrà tendere al superamento del 4 per cento nella fase transitoria. Sarà accelerata la politica di privatizzazione degli attivi dello Stato. Si garantirà , in tal modo, il profilo temporale più adeguato alla riduzione del debito.

Le misure di aggiustamento del disavanzo, di sviluppo e di stabile riduzione del debito pubblico costituiscono un inscindibile assieme; attuarne una senza le altre sarebbe controproducente. Ma un mix di disciplina fiscale e sviluppo costituisce, come è noto, la migliore ricetta per la crescita.

Il Consiglio ha poi approvato i seguenti provvedimenti:

su proposta del Ministro dell’economia e delle finanze, Siniscalco:

- - un disegno di legge che istituisce un sistema di prevenzione delle frodi sulle carte di pagamento, sia carte di credito che di debito (bancomat). Il sistema, che opera su un piano prettamente amministrativo, prevede un collegamento operativo fra le società , le banche e degli intermediari finanziari (che emettono carte di pagamento o gestiscono reti commerciali di accettazione delle carte) con il Ministero dell’economia, al fine di dare vita ad un archivio informatizzato riservato che conterrà informazioni utili a scopo di prevenzione di frodi ed in caso di indagini; si tratta di dati identificativi dei punti vendita ai quali sia stata revocata la convenzione che regola la negoziazione delle carte di pagamento per motivi di sicurezza o per condotte fraudolente; dati identificativi relativi agli sportelli automatici fraudolentemente manomessi ed a transazioni non riconosciute; punti vendita a rischio di frode per i tempi strettamente necessari all’accertamento. Il sistema, che prevede anche scambi di dati con la Banca d’Italia, opererà a livello nazionale ed agevolerà i contatti operativi europei in materia di illeciti trasnazionali;

su proposta del Ministro per le politiche comunitarie, Buttiglione, e del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio, Matteoli:
- - uno schema di decreto legislativo per l’attuazione della direttiva 2000/76 in materia di valori limite di emissione e di norme tecniche riguardanti le caratteristiche e le condizioni di esercizio degli impianti di incenerimento e di coincenerimento di rifiuti (finalizzati, questi ultimi, allo smaltimento di rifiuti a fini di produzione di energia); sono previste norme particolarmente rigorose per impedire traffici transfrontalieri di rifiuti verso impianti regolati da norme più permissive e che operano quindi a costi inferiori; il provvedimento verrà trasmesso alla Conferenza unificata ed alle Commissioni parlamentari per il parere;

su proposta del Ministro per le politiche comunitari, Buttiglione, e del Ministro delle politiche agricole e forestali, Alemanno:
- - uno schema di decreto legislativo di attuazione della direttiva 2003/61 sui requisiti per la commercializzazione di sementi e materiali da moltiplicazione vegetativa, sul quale verrà acquisito il parere della Conferenza Stato-Regioni;

su proposta del Ministro per le politiche comunitarie, Buttiglione, e del Ministro della salute, Sirchia:
- - due distinti schemi di decreti legislativi che introducono modifiche procedurali alla normativa di recepimento degli indirizzi comunitari in materia di peste suina classica e di peste suina africana, sui quali verrà acquisito il parere della Conferenza Stato-Regioni;

su proposta del Ministro degli affari esteri, Frattini:
- - due disegni di legge che autorizzano la concessione di un contributo volontario al Fondo di cooperazione tecnica dell’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica (AIEA) ed alla Fondazione Asia-Europe (ASEF). La Fondazione ha sede a Singapore ed è finalizzata allo sviluppo dei rapporti di partenariato eurasiatico nel settore della cooperazione culturale;

su proposta del Ministro degli affari esteri, Frattini, e del Ministro della difesa, Martino:
- - un disegno di legge per la ratifica e l’esecuzione dell’Accordo fra l’Italia e l’India sulla cooperazione nel settore della difesa;

su proposta del Ministro per la funzione pubblica, Mazzella:
- - un regolamento (previsto dal decreto legislativo n.165 del 2001, articolo 28) che rende possibile una programmazione dell’accesso alla qualifica di dirigente pubblico e che definisce, in particolare, le percentuali riservate al concorso per esami ed al corso-concorso, le percentuali di posti che possono essere riservate al personale delle amministrazioni che indicono il concorso per esami, nonchè i criteri per la composizione delle commissioni, le modalità di svolgimento delle selezioni e l’ammontare delle borse di studio per i partecipanti; il provvedimento, sul quale è stata sentita la Scuola superiore della pubblica amministrazione, ha ricevuto il parere del Consiglio di Stato;

su proposta del Presidente del Consiglio, Berlusconi, del Ministro per la funzione pubblica, Mazzella, del Ministro per l’innovazione e le tecnologie, Stanca e del Ministro dell’economia e delle finanze, Siniscalco:
- - un decreto-legge che garantisce la proroga di contratti di lavoro a tempo determinato del CNIPA (Centro nazionale per l’informatica nella pubblica amministrazione) rimediando con immediatezza ad un accertato errore materiale incorso in sede di conversione del decreto-legge sul funzionamento della pubblica amministrazione. Il decreto contiene una norma interpretativa per chiarire che l’incremento dell’imposizione fiscale previsto dal recente decreto-legge taglia-spese incide sui soli mutui contratti per l’acquisto, la costruzione e la ristrutturazione della seconda e delle ulteriori case di abitazione.

Il decreto-legge inoltre, tenuto conto delle esigenze manifestate dalle numerose imprese interessate, differisce al 31 dicembre 2004 il termine, che scade l’11 agosto prossimo, entro il quale le imprese danneggiate dagli eventi alluvionali del 1994, che hanno colpito le Regioni del’Italia settentrionale, avrebbero dovuto presentare domanda volta ad ottenere alcune agevolazioni.

Il Consiglio ha successivamente autorizzato, su proposta del Ministro per la funzione pubblica e del Ministro dell’economia e delle finanze, la deroga alle disposizioni vigenti che vietano per l’anno corrente l’assunzione di personale nel settore pubblico prevista dalla legge finanziaria per il 2004 (articolo 3, commi 53, 54 55) nei casi in cui si manifestino particolari esigenze di personale. Poichè l’istruttoria delle esigenze manifestate dalle Amministrazioni ha evidenziato un fabbisogno di personale che comporta un onere eccessivamente rilevante, il Consiglio dei Ministri ha individuato le amministrazioni che saranno effettivamente destinatarie della deroga sulla base di criteri legati, tra l’altro, alla sicurezza, alla necessità di tutelare i vincitori di procedure concorsuali, all’esigenza di talune professionalità specifiche, al fabbisogno manifestato da strutture particolarmente carenti di personale. Pertanto è stata autorizzata l’assunzione di 6191 unità di personale nel settore della sicurezza; 1161 unità nel settore Ministeri; 534 unità nel settore enti pubblici non economici e 324 unità nel settore enti di ricerca, per un totale di complessive 8210 unità .

Il Consiglio ha poi approvato il decreto che convoca per domenica 24 ottobre 2004 i comizi elettorali per le elezioni suppletive della Camera dei deputati nei collegi uninominali n.3 (Milano), n.10 (Genova); n.30 (Parma); n.4 e n.6 (Firenze); n.1 (Napoli) e n.11 (Lecce).

Le elezioni sono indette per coprire i seggi vacanti a seguito del decesso di un deputato e dell’opzione di sei deputati per il Parlamento europeo, tenuto conto che i sette seggi furono attribuiti con il sistema maggioritario. E’ stato inoltre prorogato lo stato di emergenza, già dichiarato, nei territori delle province di Udine, Pordenone e Gorizia, colpiti da eventi atmosferici eccezionali il 5 giugno 2002.

Infine il Consiglio, previa relazione del Ministro La Loggia, ha preso atto del parere reso dal Consiglio di Stato sulla “Tabella di delimitazione dei comuni entro cui si applicano le misure di tutela della minoranza slovena”, deliberata dal Comitato paritetico e già approvata dal Consiglio dei Ministri in forma integrata, ed ha deciso il rinvio degli atti al Comitato medesimo perché valuti le integrazioni proposte dal Consiglio nella seduta del 23 gennaio scorso.

Successivamente il Consiglio ha approvato un limitato movimento diplomatico e, su proposta del Ministro dell’istruzione, università e ricerca, la nomina del prof. Piero BENVENUTI a Presidente dell’Istituto nazionale di astrofisica (INAF).

Il Consiglio, infine, su proposta del Ministro per gli affari regionali, La Loggia, ha esaminato talune leggi regionali a norma dell’art.127 della Costituzione.

GOVERNO / AGI

Source by Silvia_Michela_Carrassi


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / BERLUSCO...LLE TASSE