GLI OMOSESSUALI VITTIME DEL NAZIFASCISMO FURONO 100 MILA: PIU DIMENTICATI, FURONO PERSEGUITATI ANCHE DOPO LA GUERRA

Mercoledì
12:07:17
Gennaio
26 2005

GLI OMOSESSUALI VITTIME DEL NAZIFASCISMO FURONO 100 MILA: PIU DIMENTICATI, FURONO PERSEGUITATI ANCHE DOPO LA GUERRA

Giornata della memoria 2005

View 131.1K

word 1.1K read time 5 minutes, 30 Seconds

Giornata della memoria 2005, Al ricordo delle 100 mila vittime omosessuali del nazifascismo, dimenticate più in fretta di altre e più a lungo perseguitate, si aggiunge quello degli omosessuali ancora uccisi e incarcerati in molte parti del mondo. Oggi sarà apposta una lapide in loro memoria nell’unico campo di sterminio sul suolo italiano, la Risiera di San Sabba, a Trieste. Decine le iniziative per non dimenticare dei circoli Arcigay in molte città .

La giornata della memoria di domani è l’occasione per ricordare le 100 mila vittime omosessuali del nazifascismo, ma anche le tante vittime della persecuzione negli stati del mondo in cui ancora oggi vige la pena di morte per le persone omosessuali. Pur essendo molti meno degli ebrei sterminati dalla follia di Adolf Hitler i 100 mila omosessuali maschi arrestati dai nazisti, 15 mila dei quali internati nei lager dove circa 10 mila vennero uccisi, sono stati molto meno ricordati anche a causa della vergogna subita dalle loro famiglie.

“A differenza delle famiglie ebree " spiega il presidente nazionale di Arcigay, Sergio Lo Giudice - che hanno saputo coltivare la memoria dei loro cari uccisi dal nazismo e ne hanno compianto la sofferenza, spesso le famiglie delle vittime omosessuali si sono vergognate di rendere pubblico l’accaduto. La memoria è stata così occultata per decenni e solo recentemente sta lentamente tornando a galla. Per questo è ancora più prezioso conoscere e ricordare”.

Oggi a Trieste, presso l’unico campo di sterminio nazista in territorio italiano, la Risiera di San Sabba, sarà apposta una lapide in memoria delle vittime omosessuali dell’olocausto. La lapide sarà scoperta questa sera alle ore 19:00, alla presenza del presidente nazionale di Arcigay. Decine le iniziative di circoli dell’associazione in molte città : convegni, proiezioni di film e documentari, spettacoli teatrali, partecipazione alle cerimonie ufficiali, deposizioni di fiori, presentazioni di libri, esposizioni di mostre. Tra le città interessate, oltre a Trieste, Bologna, Brescia, Modena, Padova, Piacenza, Piombino (LI), Bassano del Grappa (VI), Reggio Emilia, Udine, Milano.

In Germania l’articolo del codice penale, il famigerato “paragraph 175”, in base al quale furono perseguitati gli omosessuali durante la dittatura nazista, rimase ancora in vigore per decenni dopo la fine della guerra. Solo nel 1968 venne abrogato nella Germania dell’Est e nel 1969 in quella dell’Ovest. Alcuni dei superstiti dei lager nazisti furono nuovamente arrestati dopo la guerra in base alla stessa legge.

Gli omosessuali reclusi nei lager venivano contrassegnati con un triangolo rosa cucito sulle casacche. Ad essi non toccarono le camere a gas, riservate agli ebrei. Morirono a seguito di sperimentazioni chirurgiche, castrazione, lavori forzati. Nei campi costituivano il gradino più basso, talvolta maltrattati o violentati dagli stessi compagni di prigionia.

In Italia, alla deportazione si preferì il confino coatto in luoghi isolati e remoti (Favignana, Ustica, San Donnino delle Tremiti, ecc.). Almeno 90 sono i casi ad oggi accertati, 42 dei quali ad opera del solo questore di Catania, Molina. La repressione venne, infatti, affidata ad atti di polizia. Nel codice penale dell’epoca fascista, il Codice Rocco (1931), si omise, appositamente, ogni norma anti-omosessuale, negando fosse un “problema” che affliggesse gli italiani.

“Il ricordo di quelle vittime è ancora oggi di grande attualità anche perché sono ancora moltissimi i paesi del mondo che perseguitano e uccidono le persone omosessuali”, ricorda Lo Giudice.
In sei paesi islamici gli omosessuali sono tutt’oggi sottoposti alla pena di morte: Iran, Afghanistan, Arabia Saudita, Mauritania, Sudan e Yemen. Altri 20 paesi Musulmani puniscono comunque duramente gli atti omosessuali. I rapporti omosessuali rimangono reato in molti altri paesi, tra cui la Cina.

LE INIZIATIVE DEI CIRCOLI ARCIGAY IN ALCUNE CITTÀ

Trieste
Mercoledì 26 gennaio, ore 18:00, fiaccolata alla volta della Risiera di San Sabba; ore 19:00 scopertura della lapide in memoria delle vittime omosessuali dell’olocausto nazifascista.
Giovedì 27 gennaio, deposizione di un triangolo di fiori rosa sull’area dell’ex forno crematorio della Risiera.

Bassano del Grappa (VI)
Giovedì 27 gennaio, ore 20:45, largo Parolini, 39, proiezione del documentario “Paragraph 175”, di Rop Epstein e Jeffrey Friedman, sull’olocausto degli omosessuali nei lager nazisti, con testimonianza di alcuni superstiti. Premiato come miglior documentario al Festival di Berlino del 2000 e al Festival Sundance dello stesso anno, è in edicola in questi giorni con Diario.

Bologna
Martedì 25 gennaio, proiezione di due film, “Ricordare”, che raccoglie le testimonianze di alcuni gay italiani che hanno subìto le persecuzioni e le vessazioni del regime fascista, e “L’altro ieri”, sul periodo fascista dal punto di vista femminile.

Giovedì 27 gennaio, ore 10:30, Giardini di villa Cassarini, deposizione di due corone di fiori sulla lapide triangolare in marmo rosa in memoria delle vittime omosessuali del nazifascismo. Alla cerimonia parteciperanno rappresentanti del circolo Arcigay Il Cassero di Bologna. Le corone saranno una dell’Anpi (Associazione nazionale partigiani d’Italia) e l’altra dell’Amministrazione comunale. La lapide per le vittime omosessuali è stata collocata nei giardini nel 1990.

Brescia
Una delegazione del locale circolo Arcigay partecipa all’iniziativa “Un treno per Auschwitz”, in Polonia dal 25 al 30 gennaio.

Milano
Domenica 30 gennaio, una delegazione di Arcigay Milano parteciperà alla cerimonia ufficiale per la Giornata della memoria. In simbolo di rispetto per le vittime del nazismo, i rappresentanti di Arcigay porteranno un triangolo rosa appuntato sul petto.

Modena
Giovedì 27 gennaio, ore 21:00, proiezione del documentario “Paragraph 175”.
Venerdì 28 gennaio, presentazione di tre libri, tra cui “Le ragioni di un silenzio. La persecuzione degli omosessuali durante il nazismo e i fascismo” (a cura del circolo Pink, Ombre Corte, Verona 2002)
Iniziative del Comune di Modena in collaborazione con il circolo Arcigay della città .

Padova
Una delegazione del circolo Arcigay di Padova parteciperà alla cerimonia ufficiale per la Giornata della memoria.

Piacenza
Venerdì 27 gennaio, ore 9:30, Auditorium S. Ilario, via Garibaldi. Convegno “Omocausto. Il triangolo rosa”

Piombino (LI)
Una delegazione dell’Arcigay di Piombino partecipa all’iniziativa “Treno della memoria”

Reggio Emilia
Giovedì 27 gennaio, ore 17:00, Teatro Valli, Sala degli specchi.
Lezione dialogata del professor Sergio Luzzatto, ordinario dell’Università di Torino, studioso del fascismo. Iniziativa del Comune di Reggio Emilia in collaborazione con il circolo Arcigay della città .

Udine
Lunedì 24 gennaio, ore 18:00, antisala Ajace, inaugurazione della mostra fotografica “Omocausto. Lo sterminio dimenticato degli omosessuali”. Ore 19:00, sala Ajace, Conferenza “I triangoli rosa. Persecuzione e sterminio degli omosessuali sotto il nazismo”

Giovedì 27 gennaio, ore 17:00, sala Ajace, tavola rotonda “Altri volti dell’olocausto”

Sabato 29 gennaio, San Osvaldo, padiglione 21 del Dsm, ex Ospedale psichiatrico, “Triangoli Rosa”, lettura scenica accompagnata da proiezioni e musiche.

28, 29 e 30 gennaio, ore 19:00 " 24:00, bar cinema Visionario, via Asquini. Film documentario Paragraph 175, mostra fotografica, “Omocausto. Lo sterminio degli omosessuali”.

Ufficio stampa Arcigay
Luigi Valeri

Source by Redazione


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / GLI OMOS...LA GUERRA